Home Salute e Benessere Chiede l’estrazione dello sperma del marito appena morto suicida

Chiede l’estrazione dello sperma del marito appena morto suicida

CONDIVIDI

Per rendere omaggio al marito defunto, usa il suo sperma per fondare una famiglia

Questa storia riportata dal Daily Mail è una vera testimonianza della forza del legame che due persone possono intrecciare. Un amore che trascende i confini tra la vita e la morte. Questa vedova non era assolutamente pronta a rinunciare al progetto di famiglia che aveva con il coniuge, anche dopo la morte di quest’ultimo e per questo ha fatto un gesto davvero estremo.

Se vuoi essere informato su tutte le novità su Curiosità & Benessere  CLICCA QUI

La vita è misteriosa e toccante a volte può essere anche senza pietà e riservare sorprese dal gusto amaro che genera dolore e dispiacere senza fine. Jermimah e Sebastien si incontrarono all’età di 17 anni e sapevano che la loro storia non era un amore comune per i giovani. I due si sono sposati nel 2015 e hanno pianificato di avere il loro primo figlio nel 2020.

Sebastien era felicissimo all’idea di fondare una famiglia con la sua amata. Nulla avrebbe potuto suggerire che le cose avrebbero preso una svolta così tragica.

Lo scorso agosto, quest’uomo si è tolto la vita senza preavviso. Le ragioni del suo suicidio non sono mai state chiarite.

Un simile atto da parte sua ha lasciato la coniuge Jermimah, così come le loro due famiglie, in un incommensurabile stato di shock. Ciò non ha impedito a questa donna di avere un incredibile coraggio nel perseguire il sogno che una volta avevano immaginato due: progettare una famiglia!

Alle 22:30, la stessa sera della morte di Sebastien, Jermimah chiese ai medici di recuperare il suo sperma per effettuare una fecondazione in vitro.  Questa vedova decise di iniziare una corsa contro il tempo, assunse anche un avvocato che aveva gestito un caso simile.

“Mi dà una sensazione di vicinanza e una sorta di speranza avere figli dall’unico uomo con cui abbia mai voluto fondare una famiglia”, ha detto la donna alla stampa. Prima di continuare: “Sarebbe stato un grande padre e la sua futura figlia o figlio saprà quanto fosse incredibile, e crescerà come se suo padre non fosse mai uscito di casa”.

Jermimah è consapevole delle sfide della vita per una madre single, ma ciò non influisce sulla sua motivazione a realizzare il sogno che ha condiviso con Sebastien. Ha anche lanciato una campagna di raccolta fondi su Gofundme per affrontare le spese mediche e i funerali di suo marito oltre a quelle degli avvocati. Una bella storia che dimostra che l’amore non si limita all’unicità e può trascendere i limiti dell’esistenza.

Come prevenire il suicidio: rileva i segnali di pericolo

A volte ci troviamo di fronte alle notizie devastanti di una persona cara che si è tolta la vita senza che nessuno sospettasse nulla. Si tratta di persone che hanno condotto una vita pacifica, hanno conosciuto l’amore e che inspiegabilmente in una notte hanno deciso di raggiungere il punto di non ritorno. Esistono, naturalmente, profili di rischio, come le persone con un ciclo depressivo, le persone ansiose, le persone che si isolano dopo la perdita di una persona cara o quelle che si trovano in una situazione finanziaria precaria e sono incapaci di far fronte alle spese quotidiane.

In molti casi, è solo dopo l’atto che si procede a una retrospettiva delle azioni della persona risalenti a prima della sua morte che ci si rende conto che c’erano effettivamente segni che potevano sollevare domande, per quanto impercettibili possano essere. In particolare:

· Discussioni, anche se astratte a volte, sul suicidio e la vita dopo la morte, o sulla perdita del desiderio di far parte di questo mondo. È possibile che frammenti di questo argomento si infiltrino discretamente in una conversazione.

· Disturbi e cambiamenti del sonno: è possibile che improvvisamente la persona dorma molto di più o, al contrario, soffra di insonnia.

· Abitudini alimentari variabili

· Autolesionismo

· Isolamento sociale

· Uso di sostanze come alcol e droghe

· Sensazione di inutilità

· Disturbi dell’umore: rabbia improvvisa o irritabilità

· Sentimenti di disperazione

Tanti segni che possono  predireun simile dramma. Ma la cosa più importante è non incolpare se stessi se non si è riuscito a salvare la persona in tempo. Non è colpa tua e non sei la causa di un destino così tragico. È importante prendersi il tempo di piangere per consentire alla persona di partire pacificamente.

Ti potrebbe interessare anche—->>>

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI