Home Tatuaggi Tattoo storytelling: racconta la tua storia attraverso i tatuaggi

Tattoo storytelling: racconta la tua storia attraverso i tatuaggi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:37
CONDIVIDI

Il tattoo storytelling è l’arte di riassumere i momenti che ti hanno resa la persona che sei attraverso i tatuaggi così che la tua storia rimanga per sempre impressa sulla pelle.

Fonte: Istock

Non è questione di moda ma di raccontare una storia.

Questo, ci spiegano i tatuatori più esperti, dovrebbe essere l’obbiettivo ultimo dei nostri tatuaggi.

Pezzo dopo pezzo, tattoo dopo tattoo, arricchiamo quel “fotoromanzo” e passiamo da chi siamo stati a chi siamo ora.

Proprio come per un romanzo ben scritto, una storia ben raccontata deve avere delle componenti imprescindibili: l’originalità, innanzitutto, e poi la personalizzazione del soggetto, la convinzione nel volerla raccontare e accettare che essa ci porti un po’ dove vuole.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Tatuaggi: cinque cose da sapere prima di farne uno

Come si manifesta tutto ciò nel mondo dei tatuaggi? Ve lo raccontiamo grazie al contributo di alcuni professionisti del settore.

Se vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime news infatti di body art e tatuaggi, clicca qui!

Tattoo storytelling: i momenti che ti hanno reso quella che sei sulla pelle

tatuaggio

“Il corpo è come una tela da dipingere e ogni parte del corpo può dire la sua… I modi sono infiniti, dipendono dallo stile, dalla storia, dalle zone del corpo, dalla creatività del tatuatore”

Questo, come spiegato a Amoretti, è il punto di partenza, l’origine del tattoo storytelling, di quel racconto che i tatuaggi, tanti o pochi che siano, grandi o piccoli che siano, vanno inevitabilmente a comporre sulla pelle.

Già perché, che ci piaccia o no, la storia va avanti, si compone quasi da sola e noi non possiamo far altro che prenderne atto e renderla quanto più efficace possibile:

“Raccontare una storia attraverso i tattoo – spiega Paola Currado – per quanto mi riguarda, è la cosa che questi “scarabocchi” su di noi sanno fare meglio. Non è solo possibile, è inevitabile”

In primo luogo una scelta saggia sarebbe non piegarsi alle mode, accettare che un tatuaggio è qualcosa di così personale da non poter esser frutto della tendenza del momento:

“Il tatuaggio è qualcosa di troppo personale – spiega Amoretti – però dalla mia esperienza posso dire che in Italia il 90% dei tatuati segue una moda. E sempre più spesso vediamo tattoo che si somigliano molto tra loro, in altri Paesi d’Europa non è così.”

Saggio sarebbe allora cercare di personalizzare quanto più possibile il soggetto, approfondendo i concetti e creando una vera e propria collaborazione con chi il tatuaggio andrà poi a realizzarlo.

Certo, anche i tatuaggi più ingenui, quelli fatti magari dopo un bicchiere di troppo o frutto dell’incoscienza dell’età vanno a dare il loro contributo alla nostra storia e questo avviene che ci piaccia oppure no:

“Ogni tattoo, a suo modo, ha una storia – prosegue Paola Currado – anche i tatuaggi fatti con leggerezza. Anche se un tattoo è fatto apparentemente senza motivo né significato, ha comunque una storia, perché ricorderemo che eravamo con quella persona, in quel posto. Ecco la storia.”

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Test: scopri chi sei in base a quanti tatuaggi hai

Viene allora da chiedersi quanto sia lecito cambiare, modificare, rimaneggiare a posteriori i capito della nostra storia. Un tatuaggio qualche volta può, dopo anni, non rispecchiarci più, non piacerci o ricordare un momento che, invece, preferiremmo dimenticare quanto più in fretta possibile. E’ lecito allora in simili casi cancellarlo o alterarlo?

 “È un po’ come chiedere ad uno scrittore di cambiare il finale di un romanzo altrui – spiega Adriano Lodovico Amoretti – Non si fa, per etica, per rispetto e anche perché non dai il meglio di te correggendo e completando il lavoro di un altro, che ha un’altra mano ma soprattutto un’altra idea creativa. Può capitare coprire o ritoccare un lavoro palesemente mal fatto o che non piace più… ma questa è un’altra storia, tutta da riscrivere!”

L’ingrediente più importante allora è alla fine forse solo uno: il rispetto. Rispettare noi stesse, non piegandoci a una tendenza passeggera, e rispettare la nostra storia, accettandone ogni capitolo e cercando di dare il meglio quando ne andremo a creare uno nuovo.

Fonte: cosmopolitan.com

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

LEGGI ANCHE…

Tatuaggi uno tira l’altro: scopri perché non smettiamo più di tatuarci

Tatuaggio elimina occhiaie: quando il correttore è permanente

Tatuaggi: perché devono essere sempre in numero dispari?