Assistente maternale: i consigli per trovare quella giusta

0
23

Ti chiedi come trovare la giusta assistente maternale? Ecco tutti i nostri consigli

Come favorire lo sviluppo del linguaggio nei bambini
Fonte foto: Istock

Quando i genitori tornano al lavoro dopo la nascita del bambino, è necessario trovare il modo migliore per garantire al bambino tutte le cure necessarie durante la loro assenza. Molte persone scelgono un assistente maternale. Ma come trovare la perla rara che sia in grado di prendersi perfettamente cura di tuo figlio? Quali sono le formalità da pianificare? Cosa potrebbe andare storto? Ecco una guida completa!

Che cos’è un assistente maternale?

L’assistente maternale è una delle opzioni per i genitori di neonati o bambini piccoli che lavorano e desiderano per i loro bambini l’assistenza domiciliare anzichè portarli in nido. Sebbene venga spesso chiamata bambinaia, o baby sitter l’assistente maternale non è una di queste, poiché la persona che si prende cura del bambino (o dei bambini) in casa sua, quindi è una persona che necessita di un’approvazione speciale mentre una tata tiene i bambini a casa dei genitori e quindi non ha bisogno di un’approvazione particolare.

Prima di dare il benvenuto a un bambino, l’ educatrice deve anche sottoporsi a una formazione di 80 ore per convalidare l’autorizzazione all’accoglienza, quindi altre 40 ore nei due o tre anni che seguono l’inizio del suo lavoro.

Se vuoi essere informato su tutte le novità su Figli & Maternità  CLICCA QUI

Come trovare un assistente maternale?

Come con qualsiasi tipo di assistenza all’infanzia, fare la scelta giusta è essenziale per la tranquillità dei genitori e per lo sviluppo del bambino o dei bambini. Per scegliere chi si prenderà cura di tuo figlio durante il giorno, ci sono diverse possibilità: il passaparola, il web, il municipio della tua città, i centri per l’impiego.

Dopo aver selezionato gli assistenti materni che ritieni corrispondano a ciò che stai cercando, dovrai conoscerle per valutare meglio. L’ideale è recarti presso le persone che hai selezionato per vedere l’ambiente in cui evolverà il tuo piccolo (ambiente, pulizia dei locali, attrezzature …) e per chiedere alcune informazioni di base.

Alcune buone domande da porsi quando cerchi un assistente maternale:

Di quanti bambini si occupa e quanti anni hanno (di solito da uno a tre bambini da 0 a 6 anni)?
Qual è la sua esperienza, perché ha scelto questo lavoro? Lei stessa ha figli?
Quali sono le sue disponibilità (flessibilità, orari, ferie e festività …)?
Quali sono le sue pretese in termini economici (ma anche di indennità per i pasti e le cure per il bambino in base all’età)?
Come organizza le giornate (attività manuali o didattiche, gite all’aperto, televisione …)?
Le gite vengono effettuate in auto, con i mezzi pubblici o a piedi?
Come vengono preparati i pasti?
Dove dormono i bambini nel pomeriggio?
Ci sono animali in casa?
Qualcuno fuma in casa (che si tratti dell’assistente stesso o di un altro membro della sua famiglia)?

Durante questo colloquio, oltre alle domande di base, valuta anche le tue aspettative riguardo alla cura dei bambini (orari dei pasti e composizione, stimolazione e autonomia del bambino, gite, cosa fare quando piange, tempo trascorso davanti ad uno schermo …).

È importante che tutti abbiano tutte le carte in mano per sapere se questa relazione può funzionare o meno.

Quali formalità prevede un assistente materno?

Poiché l’assistente maternale è una tua dipendente, è obbligatorio stabilire un contratto di lavoro (in duplice copia) per ogni bambino tenuto a proteggere. Deve contenere la chiara identificazione di entrambe le parti, il nome e l’età del minore, il tipo di contratto di lavoro, la data di inizio dell’assunzione, la durata del periodo di prova, i riferimenti l’approvazione e l’assicurazione del dipendente (automobile, responsabilità professionale), retribuzioni e altre indennità, la data del pagamento, l’accoglienza e le modifiche occasionali, le ferie pagate, il periodo di preavviso in caso violazione del contratto, istruzioni in caso di emergenza …
Per aiutarti, puoi fare riferimento al contratto collettivo nazionale per assistenti maternali del singolo datore di lavoro che propone un modello standard nell’appendice.
Ricorda anche di allegare qualsiasi documento utile (scheda di vaccinazione, dati di contatto del medico curante, elenco delle persone autorizzate a prenderlo, numeri di contatto di emergenza se i genitori non possono essere raggiunti …).

Il periodo di prova

Puoi chiedere all’assistente maternale di svolgere un periodo di prova se lo specifichi nel suo contratto di lavoro. Questo periodo è di 2 mesi se l’accoglienza del bambino viene effettuata 4 o più giorni alla settimana e 3 mesi se l’accoglienza è da 1 a 3 giorni alla settimana.
Se desideri recedere dal contratto di lavoro dell’assistente materno durante il periodo di prova, dovrai dare un preavviso scritto.

Il periodo di adattamento

Durante questo periodo di prova, puoi anche organizzare un periodo di adattamento (spesso oltre 1 o 2 settimane) in modo che tuo figlio possa scoprire tranquillamente questo nuovo ambiente, l’assistente maternale e tutti i cambiamenti che derivano da questo nuovo stile di vita. Permette anche di specificare alcune piccole cose tra i genitori e l’assistente materno (rituali per il pisolino, i pasti, il materiale per la borsa del bambino …).

Come rompere il contratto del suo assistente maternale?

Il contratto di lavoro tra i genitori e l’ educatrice può essere infranto per vari motivi, su iniziativa dei genitori o dell’ducatrice.
Se il datore di lavoro (i genitori) decide di rompere il contratto di lavoro dell’ educatrice che assume, qualunque sia il motivo (spostamento, cambio di posto di studi …), deve indicarlo mediante lettera raccomandata con ricevuta di ritorno, la data della prima presentazione della lettera segna l’inizio del periodo di preavviso. Idem se l’assistente materna decide di dimettersi, deve farlo conoscere per lettera raccomandata con ricevuta di ritorno al suo datore di lavoro.

Qualsiasi violazione del contratto comporta un periodo di preavviso (specificato nel contratto di lavoro) e, salvo in caso di dimissioni,  il diritto al risarcimento. Ricorda inoltre di fornire i documenti di fine contratto (certificato di lavoro, ricevuta del saldo di qualsiasi conto) con il tuo assistente materno.

Ti potrebbe interessare anche >>>

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI