Home Salute e Benessere Stanchezza e spossatezza: sintomi, cause e rimedi

Stanchezza e spossatezza: sintomi, cause e rimedi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:57
CONDIVIDI

La stanchezza e la spossatezza accomuna tantissime donne, scopriamo come si può rimediare per ritrovare la carica giusta in questi momenti

donna stressata

Nel vocabolario quotidiano spesso parliamo di stanchezza o spossatezza, come se fossero due sinonimi, ma in realtà non è così.

  1. La stanchezza è una sensazione soggettiva o una condizione di indebolimento delle proprie forze in conseguenza di uno sforzo fisico o mentale. Può essere causato anche da farmaci, malattie o depressione.
  2. La spossatezza è una condizione di estrema stanchezza, di marcato affaticamento fisico e mentale. Non è nè una malattia, ne un disturbo, ma un sintomo.

Se vuoi restare sempre aggiornata su tutte le novità che riguardano il mondo del fitness e le strategie per mantenersi in forma CLICCA QUI!

Stanchezza e spossatezza

partner stressato iStock Photo

Tantissime sono le donne che avvertono un senso di stanchezza e spossatezza, in diversi periodi dell’anno. Talvolta il forte stress lavorativo, il ritorno dalle vacanze, problemi familiari o ritmi quotidiani frenetici, mettono a dura prova il nostro organismo.

Anche il semplice cambiamento climatico, va ad influenzare lo stato fisico, il più delle volte limita anche le semplici attività quotidiane. La conseguenza a tutto ciò è:

  • avere sempre sonno;
  • sentirsi stanchi fisicamente e mentalmente;
  • sentirti molto stressati.

Se adottiamo dei semplici e piccoli rimedi, tutti questi disturbi possono andare via, scopriamo come affrontare la giornata con più energia, ecco qualche consiglio.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE->>> La soluzione perfetta per eliminare stress e preoccupazioni

Stanchezza: i sintomi e cause

Svegliarsi al mattino e sentirsi sempre stanchi, affrontare la giornata con affanno, arrivare sfiniti al letto,  sentirsi avviliti per qualsiasi motivo sono tutti i sintomi di stanchezza fisica. I sintomi più comuni sono:

  • accelerazione del battito cardiaco;
  • disturbi del sonno: come apnee notturne o insonnia;
  • dolori muscolari;
  • ulcera dello stomaco;
  • diarrea;
  • crampi allo stomaco;
  • colite;
  • malfunzionamento della tiroide;
  • frequente bisogno di urinare;
  • cambio della voce;
  • iperattività;
  • irritabilità;
  • abbassamento delle difese immunitarie.

Quando la stanchezza diventa una condizione normale si parla di stanchezza cronica, le cause sono molteplici. La stanchezza può dipendere da cause di natura fisica come:

  • problemi di peso: sia in caso di sovrappeso che magrezza eccessiva;
  • malattie come: diabete, anemia, cancro, infezioni, ipertiroidismo e i conseguenti trattamenti curativi;
  • scarsa forma fisica;
  • gravidanza e allattamento;
  • alterazioni del normale ciclo sonno-veglia;

La stanchezza può dipendere anche da problemi psichici:

  • Preoccupazioni
  • Forte stress
  • Depressione
  • Insonnia

Rimedi naturali contro la stanchezza

Fonte: iStock

La stanchezza si può combattere anche con una corretta alimentazione, è importante utilizzare alimenti freschi e biologici, da evitare assolutamente:

  • i cibi confezionati e pronti all’uso;
  • alimenti ricchi in zucchero raffinato;
  • dolcificanti sintetici;
  • cibo di serra;
  • alimenti ricchi di additivi alimentari, solventi e pesticidi.

L’alimentazione più adatta da seguire è la dieta mediterranea, che è ricca di:

  • cereali integrali;
  • legumi;
  • pesce di piccola taglia;
  • olio extravergine di oliva;
  • verdura e frutta di stagione;
  • alimenti ricchi di magnesio: piselli, verdure verdi, mandorle, arachidi e cacao.

Rimedi fitoterapici per la stanchezza e la sonnolenza

Le piante si possono utilizzare per combattere la stanchezza e l’ esaurimento psicofisico, perchè aumentano la resistenza alla fatica e migliorano le capacità cognitive.

Scopriamo quali possiamo inserire nella nostra dieta:

Ginseng e rodiola, Rhodiola rosea, insieme a eleuterococco, Eleutherococcus senticosus, sono piante della tradizione orientale, oggi molto utilizzate perchè migliorano la risposta dell’organismo agli stimoli della vita quotidiana. Inoltre potenziano la resistenza fisica ai fattori ambientali negativi, favorendo le capacità di recupero. Queste piante inoltre migliorano la qualità del sonno e hanno effetto cardioprotettivo, soprattutto placa le palpitazioni, l’ ansia e il nervosismo. Secondo uno studio statunitense presentato a Chicago dall’American Society of Clinical Oncology  “il ginseng contribuirebbe a ridurre la fatica cronica anche nei malati oncologici”.

Per combattere la sonnolenza è importante partire con una buona colazione, che dona la giusta carica ed energia. Consumare in inverno abitualmente una spremuta d’arancia o bere una tazzina di caffè, in estate invece è perfetto un cocktail di frutta e frullati di frutta e verdure. Se si tagliano alcune fette di zenzero fresco e si fanno bollire, poi si aggiungi miele e un pò di limone, sarà un ottimo digestivo che riattiva il metabolismo e combatte la stanchezza.

 

Fare attività fisica

corsa

Praticare qualsiasi tipo di attività fisica aiuta ad accelera il metabolismo, fornisce energia e aiuta a combattere la stanchezza. Bastano solo 30 minuti al giorno, una semplice passeggiata al parco o su un lungomare. Durante la giornata facciamo riposare gli occhi, basta socchiudere le palpebre per qualche istante, appoggiando dolcemente il palmo delle mani.Dopo vedrete che tutto vi sembrerà diverso.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Camminata estiva: ecco i tanti benefici

Spossatezza: sintomi e cause

La spossatezza è un sintomo che determina una mancanza di energie, di forze e una riduzione della vitalità. Può rappresentare un problema per il paziente, rendendo difficile anche lo svolgimento delle semplici attività come fare una passeggiata o fare compere.

Le cause possono essere sia di natura sia patologica che non, scopriamo:

Cause patologiche

  • infezioni batteriche o virali;
  • malattie da raffreddamento;
  • patologie respiratorie: allergie respiratorie, fibrosi polmonare;
  • tumori
  • patologie della tiroide
  • insufficienza epatica;
  • insufficienza renale;
  • anemia;
  • sindrome da stanchezza cronica;
  • ansia, depressione
  • patologie cardiovascolari
  • diabete;
  • ipoglicemia;
  • disturbi del sonno;
  • disturbi dell’alimentazione.

Cause non patologiche

Le cause non patologiche più comuni sono:

  • cambi di stagione: soprattutto quando si passa dalla stagione invernale a quella primaverile;
  • periodi di forte stress;
  • periodi di lavoro intenso: soprattutto per le adolescenti durante il periodi prima degli esami;
  • carenze di sali minerali e vitamine: dipende da una dieta non equilibrata;
  • stile di vita irregolare: dormire poco o magiari fuori orario;
  • condizioni ambientali: quando le temperature sono molto alte e il clima è più umido favoriscono la comparsa di spossatezza. In queste circostanze si rende difficile sia il lavoro ma anche il rendimento scolastico;
  • gravidanza: comporta un grande affaticamento, soprattutto al terzo  trimestre.
  • menopausa: è un processo normale e fisiologico nella vita di una donna matura che può favorire la comparsa di spossatezza.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Cinque sport da praticare in spiaggia

Rimedi contro la spossatezza

dieta acqua Fonte: Istock

La spossatezza, come già ribadito, rappresenta un sintomo di diverse malattie, in moltissimi casi, la causa scatenante è uno stile di vita sregolato. Se si adottano buone abitudini alimentari e non solo possiamo risolvere il problema della spossatezza. Ecco alcune cose da evitare:

  • i cibi molto grassi, i cosiddetti cibi spazzatura;
  • assumere cibi troppo calorici a cena;
  • bevande zuccherate e molto gassate.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE->>> Cibo spazzatura: alimenti dannosi per la nostra salute

La spossatezza si combatte seguendo questi consigli:

  • bere molta acqua: è importante una giusta idratazione, soprattutto quando siamo al lavoriamo in luoghi poco areati o pratichiamo uno sport;
  • ridurre lo stress: rilassarsi il più possibile o dedicarsi ad un hobby nel tempo libero;
  • dormire 7-8 ore per notte: è consigliabile andare a dormire sempre alla stessa ora.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI