Gabriele Puccia muore durante un’escursione in Valsorda

0
38

Un giovane italiano di 27 anni è deceduto durante un’escursione in Valsorda, in provincia di Verona.

Gabriele Puccia su Instagram Gabriele Puccia su Instagram

Un giovane fisioterapista 27enne del mantovano, Gabriele Puccia, è stato trovato morto alle 3 del mattino dello scorso sabato sui monti della Valpolicella. Prima di partire per la tragica escursione, il ragazzo aveva passato una settimana di vacanza sul lago di Garda.

 

Le parole agghiaccianti pronunciate da Gabriele sembrano un tragico presagio:

“Non ho mai fatto un’escursione nella mia vita. Nel caso andasse male, chiedo scusa a tutti”.

Inizia così la serie di Instagram stories, tra le 17 e le 18 di venerdì, condivise da Gabriele Puccia poco prima di morire. Su Instagram il giovane racconta che era lì su raccomandazione di sua sorella e, in tono scherzoso, ha colto l’occasione per dire addio nel caso in cui qualcosa fosse andato storto.
Sembra che il giovane si sia perso dopo poco aver iniziato l’escursione e, non riuscendo a tornare nel luogo dove aveva parcheggiato l’auto, esclama: “Cretino io, che non ho messo la posizione sulla mappa.”

A dare l’allarme era stata la sorella, che non avendo avuto più notizie del fratello, con il quale aveva conversato su whatsapp per tutto il giorno, aveva deciso di chiamare le forze dell’ordine.
Il corpo del giovane Gabriele Puccia è stato ritrovato dal soccorso alpino alle 3 di notte sul greto del Rio Mondrago, dopo essere precipitato da un dirupo per circa dieci metri.

Gabriele Puccia si trovava in una zona di difficoltà media per gli escursionisti

gabriele puccia Gabriele Puccia (tvnews.it)

L’ex arbitro di calcio Gabriele Puccia, nei video ha confessato che non aveva mai fatto un’escursione in vita sua. Nonostante gli avvertimenti sul grado di difficoltà dell’escursione, il giovane ha deciso lo stesso di entrare da solo in quella zona andando incontro ad una morte prematura.

Nella giornata di sabato 31 agosto sono state registrate in totale 5 vittime della montagna.
Un uomo di 51 anni, dopo essere finito in un dirupo, è morto sul monte Spinale, sopra Madonna di Campiglio. La stessa sorte è toccata anche ad un escursionista di 43 anni in Sass de Stria e ad un uomo di 61 anni in Val Brembana. In Valla Anzasca, inoltre, due cittadini austriaci sono morti a causa di un incidente in parapendio.

Scritto da: LUCIA SCHETTINO

Leggi anche >>>  Lutto nel mondo del calcio, muore la figlia di Luis Enrique

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI