Home Bellezza Make Up Rossetto: attenzione alla data di scadenza e alla conservazione

Rossetto: attenzione alla data di scadenza e alla conservazione

CONDIVIDI

Come tutti i prodotti cosmetici, anche il rossetto ha una data di scadenza, come conservarlo al meglio? Ecco tutti i consigli da seguire

Fonte: Istock-Photos

Tutti i prodotti cosmetici hanno una data di scadenza, ombretto, mascara, eyeliner, blush fard e rossetto. Con il passar del tempo, si verificano delle alterazioni chimiche, non sempre riconoscibili. Sulla confezione dei prodotti cosmetici non è sempre riportata la data di scadenza, ma se c’è non si potrebbero utilizzare dopo tale data. Le aziende che producono i cosmetici dovrebbero indicare sulla confezione la scadenza o il PAO.
Il PAO è un simbolo grafico che si trova sulle confezioni, indica “il tempo in cui il prodotto, una volta aperto può essere utilizzato senza effetti nocivi per il consumatore”. L’Unione europea l’ ha introdotto nel 2003, la normativa stabilisce che: “se la data di durata minima del prodotto cosmetico è inferiore ai 30 mesi, questa vada necessariamente riportata in etichetta”.
 È importante conservare bene il prodotto e saper riconoscere se è scaduto, ecco tutti i consigli da seguire.
Se vuoi restare aggiornata su tutto ciò che riguarda la bellezza ed i trucchi per apparire al meglio CLICCA QUI!

Rossetto scaduto

Fonte: Istock-Photos

Per capire quando il rossetto è scaduto o irrancidito dobbiamo innanzitutto controllare   la data di scadenza. Se questa non è riportata, come accade il più delle volte, dobbiamo trovare un’altra strategia, scopriamo quale:

  • controllare la scatola del prodotto: se è indicata la data di produzione, basta sommare a tale data 30 mesi successivi. Nel caso fossero passati, il rossetto si deve buttare;
  • annusare il prodotto: il rossetto è composto da olio, se dopo averlo odorato ha un odore acido, non va più bene e quindi deve essere cestinato;
  • controllare il colore del rossetto: se sono visibili delle goccioline d’olio e il rossetto è leggermente più scuro del solito, vuol dire che è andato a male.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE->>> Makeup: come pulire i pennelli del trucco in modo naturale

Come conservarlo

Quando acquistiamo un rossetto vorremmo che rimanga perfetto per lungo tempo, ma purtroppo non è così. Cerchiamo di capire quali sono gli errori da evitare per garantire una buona qualità del prodotto prima della scadenza.

  1. Esposizione al calore e al sole: quando le temperature aumentano, è consigliabile tenere il rossetto in frigorifero o comunque in una zona fresca della casa.
  2. Eccessiva umidità: se si conserva in un luogo umido, gli oli e le cere contenuti all’interno si irrancidiscono.
  3. Contatto con lo sporco: se si conserva senza tappo, oppure il tappo è sporco, è opportuno pulirlo in superficie.

Applicare un rossetto scaduto

Cosa accade se continuiamo ad applicare un rossetto dopo la data di scadenza? Se lo continuate ad usare non è il caso di allarmarvi soprattutto se l’avete applicato pochissime volte perchè i rossetti sono cosmetici che durano più a lungo, anche dopo qualche mese dalla data di scadenza.

Dopo aver applicato un rossetto scaduto si possono manifestare i seguenti sintomi:

  • labbra arrossate,
  • labbra gonfie,
  • punti neri lungo il contorno labbra,
  • acne sulle labbra,
  • afte in bocca: solo se si sono ingeriti accidentalmente i rossetti sporchi.

 

LEGGI ANCHE:

Rossetto: le nuance di colore adatto alla donne castane

Armocromia, analisi del colore per scoprire quali ti valorizzano di più

Rossetto rosa, a chi sta bene