Home Attualità Amazzonia, la triste verità della quale dovresti essere consapevole

Amazzonia, la triste verità della quale dovresti essere consapevole

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:22
CONDIVIDI

Amazzonia, dietro gli incendi boschivi emerge una triste verità

Sembra ormai molto evidente e questa accusa dilaga ovunque: il presidente del Brasile è sospettato di voler distruggere l’Amazzonia.

Questo è un record dal 2013. Da gennaio, in Brasile sono stati registrati 75.336 incendi boschivi. Una disastrosa situazione ecologica che richiede una reale consapevolezza a livello internazionale. Gli esperti spiegano che questi incendi sono principalmente dovuti alla deforestazione per l’agricoltura e l’allevamento. Soldati e aerei sono stati mobilitati per porre fine a questa crisi. Secondo l’Istituto nazionale brasiliano di ricerca spaziale (INPE), 1663 nuovi incendi sono scoppiati tra giovedì e venerdì.

Le immagini del “polmone del pianeta” in fiamme hanno suscitato molta emozione su scala mondiale.

390 miliardi. Questo è il numero di alberi che compongono la foresta pluviale amazzonica che attraversa sette paesi dell’America Latina. Il polmone verde del pianeta ha un ruolo vitale nella stabilizzazione del clima attraverso la sua capacità di stoccaggio di quasi 120 miliardi di tonnellate di carbonio. Gli incendi compromettono la produzione di ossigeno da parte delle foreste, aumentando l’inquinamento e riducendo la loro capacità di stoccaggio di CO2. Il “carbon sink” è in preda alle fiamme che minacciano la sopravvivenza del 50-70% della biodiversità mondiale.

Se vuoi essere informato su tutte le novità su Amazzonia & Notizie dal mondo CLICCA QUI

L’Amazzonia in cifre

Il territorio ospita un quarto delle specie del mondo. Secondo l’organizzazione del Trattato di cooperazione amazzonica (OTCA), ci sono 30.000 specie di piante, 1.500 uccelli, 2.500 pesci, 500 mammiferi e 2,5 milioni di insetti. 34 milioni di persone vivono nel “deserto verde” da almeno 11000 anni. Tra questi, tre milioni di nativi costituivano 420 tribù. Secondo il WWF, il 20% della foresta pluviale amazzonica è scomparso in 50 anni. Una crisi ecologica globale causata dalla massiccia deforestazione del “polmone verde” del pianeta.

Disboscamento massiccio

La scomparsa di oltre un quinto del territorio è dovuta principalmente alla massiccia deforestazione. Questi includono la produzione di soia agricola, la costruzione di dighe idroelettriche e infrastrutture stradali, l’industria mineraria, gli incendi boschivi e il traffico di legname.

Da luglio, la deforestazione sta guadagnando slancio. Secondo il sistema di rilevamento della deforestazione in tempo reale, sarebbe quattro volte superiore a quello di luglio 2018.

2254 km quadrati di foreste sono state distrutte il mese scorso, il 278% in più rispetto a luglio 2018. Molti scienziati brasiliani attribuiscono l’aggravamento di questo fenomeno all’arrivo di Jair Bolsonaro, presidente da gennaio.

Le ONG chiedono la cessazione della politica produttivista del territorio.

Politica produttiva

Diverse soluzioni sono state proposte dalle ONG che richiedono un vero risveglio delle coscienze sia governative che sociali. Per le associazioni attive nel settore, si tratta di cambiare il modello agricolo per preservare questo patrimonio mondiale della biodiversità.

Secondo Clara Jamart, responsabile della campagna per le foreste di Greenpeace, la produttività del bestiame è il principale fattore scatenante di questa crisi ecologica. “Il Brasile deve smettere di rimuovere le misure di protezione ambientale. Jair Bolsonaro ha un vero desiderio di annullare ciò che è stato fatto, quando non è stato sufficiente. “È indispensabile introdurre misure proattive e vincolanti”, afferma il capo della ONG. Ma queste disposizioni non solo impegnano la governance brasiliana o l’economia mondiale, ma anche comportamenti individuali.

Il motivo principale della deforestazione massiccia è l’importazione di semi di soia su scala internazionale, utilizzati principalmente per l’alimentazione del bestiame. Riducendo il consumo di carne, partecipiamo alla riduzione della politica produttivista in questi territori fortemente minacciati dalla deforestazione.

L’acquisto di legname da fonti certificate aiuterebbe a fermare questo devastante fenomeno per le foreste amazzoniche così come supportare la popolazione locale consumando prodotti del commercio equo e solidale come il guaranà o il cuore di palma,  un’altra un’iniziativa individuale per avere un impatto su questo disastro ecologico.

Per finire, firmare petizioni e sostenere le ONG attive sul campo può avere un impatto collettivo sulla conservazione del nostro polmone verde e delle popolazioni indigene che vivono lì.

Ti potrebbe interessare anche >>>

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI