Frigorifero e cibo, sette errori da non commettere

0
29

Il frigorifero è un compagno fedele per la nostra cucina e la nostra dieta. Ma quali sono i cibi da non conservare mai lì dentro? Ve lo spieghiamo

frigorifero
 frigo (Istock)

Il frigorifero è fondamentale in ogni cucina, è anche uno degli elettrodomestici che usiamo di più durante la giornata. Ci aiuta a conservare il cibo, quello crudo e quello già pronto, ed è prezioso per mantenere intatte le proprietà degli alimenti.

Ma siamo sicuri che tutto il cibo della essere conservato in frigo? In realtà non è così, perché ci sono cibi che mangiamo tutti i giorni e che con il freddo perdono le loro caratteristiche Oppure durano ancora meno di quando sarebbe se li tenessimo a temperatura ambiente. Può sembrare strano, ma è così e vi facciamo sette esempi concreti. In generale la frutta non va mai lavata prima di essere messa in frigorifero, perché l’umidità la fa ammuffire. E adesso scendiamo nei particolari.

Per avere una risposta alle curiosità del quotidiano cliccate qui 

Frigorifero, i sette cibi che lo devono evitare

Pomodori
Dite la verità, anche voi siete tra quelle che conservate i pomodori in frigorifero d’estate? Un gesto naturale, perché tutti pensiamo che altrimenti con il cado diventeranno brutti in fretta e perderanno il loro sapore naturale. Invece i pomodori dovrebbero essere tenuti a temperatura ambiente, in un sacchetto di carta tipo quello del pane. E rigorosamente in un luogo oscuro, magari nella dispensa. Tuito questo evita che si disidratino e quindi diventino più secchi. Il frigorifero invece tende a bruciare alcuni enzimi importanti all’interno dei pomodori e li rende anche più mollicci.


Banane
Contrariamente a quello che fanno molti, banane e frigorifero non sono compatibili. L’umidità che c’è in frigo e le temperature più basse rispetto all’ambiente esterno accelerano la marcitura del frutto.

Fonte: Istock

Mele
Le mele non diventano marce come le banane, ma comunque in frigorifero diventano più molli, perdono la loro croccantezza. Molto meglio tenerle, come i pomodori, in un luogo fresco e buio, evitando l’umidità.

Agrumi (Pixabay)

Agrumi
Arance, mandarini, limoni e pompelmi in frigorifero diventano più aspri. Piuttosto anche in questo caso, conservateli in dispensa. E e tagliate gli aggrumi e li mettete in frigo, tenete la parte aperta a contatto con il piatto.

Cipolle (Pixabay)

Cipolle
Le cipolle devono essere conservate a temperatura ambiente, se possibile in un sacchetto di rete. Il frigorifero modifica il loro gusto, le rende molli. Possibilmente tenetele in cantina e, specie d’0estate con il caldo, copritele con un foglio di giornale per non farle germogliare. In alternativa va anche bene una busta di carta tipo quella del pane.


Aglio
Stesso discorso delle cipolle. Anche l’aglio deve essere conservato fuori dal frigo, in sacchetti di rete. I luoghi ideali sono la dispensa o la cantina in sacchetti di carta e al riparo dalla luce, facendolo però respirare.

patate proprietà
la verdura di stagione, maggio e le patate novelle ( Istock Photos)

Patate
Infine anche le patate vanno conservati in un luogo buio e asciutto, preferibilmente a temperatura ambiente. Le basse temperature infatti alterano il loro sapore naturale e trasformano igli amidi delle patate in zuccheri modificando il gusto.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI