Home Attualità Perché gli incendi boschivi in Amazzonia sono una minaccia per l’umanità?

Perché gli incendi boschivi in Amazzonia sono una minaccia per l’umanità?

CONDIVIDI

Da luglio gli incendi devastano l’Amazzonia in Brasile. Questi sono aumentati dell’83% in un solo anno. Incendi che sono tutt’altro che irrilevanti. Non è solo il Brasile a bruciare, anche tutta la nostra umanità

Questi incendi boschivi sono principalmente causati da disboscazione e incendi. In altre parole, molti appezzamenti di terra vengono cancellati dal fuoco per diventare aree di coltivazione e allevamento. Questa tecnica è sempre più utilizzata ma è anche molto pericolosa. Le cifre lo dimostrano: nell’agosto 2018, il National Institute of Space Research ha registrato 39.759 incendi boschivi per il mese di agosto contro i 72.843 di quest’anno, e il mese non è nemmeno finito. La cosa peggiore di tutto ciò è che tutti questi incendi sono tutt’altro che innocui.

Se vuoi essere informato su tutte le novità su Attualità & Notizie dal mondo  CLICCA QUI

Incendi in Amazzonia, le conseguenze catastrofiche per l’umanità

Perché gli incendi boschivi in Amazzonia sono una minaccia per l'umanità?Ancora oggi, in Brasile, 850.000 indigeni dell’Amazzonia vivono in questa riserva naturale protetta. Se viene a scomparire, saranno semplicemente scacciati dalla loro terra o, peggio ancora, periranno tra le fiamme. Negli ultimi mesi hanno già visto diminuire drasticamente il loro numero. La causa? L’arrivo al potere del presidente di estrema destra Jair Bolsonaro. Questo capo di stato è intenzionato ad aprire queste terre all’agricoltura, alla silvicoltura e alle miniere e la tecnica più usata per raggiungere rapidamente questo obiettivo è quella degli incendi boschivi.

Il “polmone verde” della terra si spegne lentamente

L’Amazzonia è sinonimo di “polmone verde” del nostro pianeta. Questo spazio assorbe il 14% dell’anidride carbonica globale (CO2), ma paradossalmente la deforestazione delle foreste tropicali crea CO2. “Pertanto, il 17% delle emissioni globali di biossido di carbonio deriva dalla deforestazione e dai cambiamenti nell’uso del suolo: è il terzo trasmettitore dopo la fornitura di energia e l’industria. Il 70% di queste emissioni proviene dal Brasile e l’80% dall’Indonesia “, come si evince dal sito notre-planete.info.

Inoltre questa coperta verde è un isolante termico per la nostra terra. Le temperature sono generalmente ridotte di 4 ° C nella foresta, le differenze possono essere ancora maggiori nelle foreste tropicali, come l’Amazzonia. Nell’aprile 2019, i ricercatori del CNRS hanno dimostrato che più si riscalda il globo, più aumenta la capacità isolante delle foreste. Esse consentono di rinfrescare la nostra terra, senza di loro, le temperature sarebbero ancora più elevate, persino difficili da sopportare.

L’Università di Leeds (Gran Bretagna) ha dimostrato che la deforestazione riduce l’evapotraspirazione e quindi l’umidità nell’aria. La siccità sarebbe quindi più presente, anche se questa foresta fosse sostituita da colture. Un mantenimento di queste foreste è quindi vitale per combattere il riscaldamento globale.

Ti potrebbe interessare anche >>> Visto su Instagram: le foto più sorprendenti degli incendi in Amazzonia

Quali sono le conseguenze catastrofiche previste per l’intera umanità?

  • Il numero di malattie crescerà

Tutte le foreste ospitano l’80% della biodiversità, questo è uno degli ultimi posti in cui sono ancora presenti alcuni animali o piante. Ogni anno, la deforestazione provoca la scomparsa di 27.000 specie animali o vegetali. Queste sparizioni privano l’umanità di risorse che sono descritte come “preziose” dal nostro pianeta. Le foreste tropicali ospitano un numero molto elevato di piante medicinali. Un terzo delle medicine moderne viene prodotto usando queste piante.

Oltre ad essere importante nell’industria farmaceutica, l’Amazzonia è anche un moderatore delle malattie causate da animali e insetti. “La deforestazione delle foreste primarie rimane una delle principali cause dell’emergere di nuovi agenti infettivi e della loro circolazione epidemica nelle popolazioni umane”, riporta il sito notre-planete.info.

Inoltre, il rischio di malattia aumenta di 300 nelle foreste disboscate, rispetto a una foresta che è intatta. Le malattie infettive sono trasmesse principalmente da animali selvatici e la deforestazione aumenterebbe il contatto tra l’uomo e questi animali. La trasmissione della malattia sarebbe quindi più facile.

  • I coralli tenderanno a scomparire

Il collegamento non è ovvio, poiché la deforestazione contribuisce al riscaldamento globale, avrà necessariamente un impatto sui coralli che non possono resistere all’ acqua troppo calda. Ma non è solo quello. Le foreste regolano la quantità di sedimenti (deposizione di particelle) drenati nei fiumi, che alla fine confluiscono negli oceani. Il problema è che la deforestazione impedisce questo lavoro, quindi gli oceani vengono sempre più invasi da questi sedimenti ed i coralli situati vicino alle foci dei fiumi che scorrono negli oceani sono vittime di queste particelle, spiega Futura Planète.

  • Le catastrofi naturali aumenteranno

Sembra logico, la deforestazione indebolisce un suolo. Quelle foreste sono ricche di materia organica, sono anche molto resistenti, sia ad intemperie che alle erosioni. In effetti, le foreste trattengono parte dell’acqua piovana. Distruggere e / o bruciare una foresta rende il terreno più vulnerabile alle catastrofi naturali: frane, alluvioni, valanghe, ecc.

  • Le risorse idriche saranno minacciate

La scomparsa delle foreste tropicali viene spesso utilizzata per aumentare il numero di terreni agricoli. Dovrebbe essere noto che circa il 90% dell’acqua disponibile viene utilizzata per l’agricoltura, se aumentano queste terre arabili, anche la quantità di acqua necessaria per queste terre aumenterà. Inoltre spesso vengono utilizzati pesticidi per trattare questi campi, che inquinano enormemente.

Questi sono solo alcuni esempi a dimostrazione che questi incendi volontari che invadono l’Amazzonia sono un vero disastro, eppure continuano ad aumentare…

Ti potrebbe interessare anche >>>

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI