Home Salute e Benessere Dieta e Alimentazione Barbabietola rossa: ecco perché fa bene mangiarla

Barbabietola rossa: ecco perché fa bene mangiarla

CONDIVIDI

La barbabietola rossa è un alimento sano e ricco di proprietà benefiche.

Fonte: Istock

La barbabietola rossa è una verdura di colore vermiglio, particolarmente ricca di proprietà benefiche. Ricca di antiossidanti, di vitamine e di sali minerali è ipocalorica e giova, tra le altre cose, alla salute del cuore e alla micro circolazione. Perfetta per dare colore e gusto in cucina, ai fini salutari è preferibile consumarla cruda, in modo da lasciare inalterate le sue tante proprietà. Ma quali sono esattamente? Scopriamo le più importanti che fanno di questa verdura un alimento da inserire nella propria alimentazione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Succo di barbabietola rossa: cosa succede se lo bevi ogni giorno

Se vuoi restare sempre aggiornata su tutto ciò che riguarda le proprietà degli alimenti e come possono far bene alla tua salute CLICCA QUI!

Barbabietola rossa: ecco i motivi per cui mangiarla fa bene

Barbabietola rossa

Regola la pressione del sangue. Il consumo di barbabietola rossa (specie sotto forma di succo) aiuta a ridurre e a tenere sotto controllo la pressione del sangue già dopo quattro settimane dal suo consumo. Il consiglio è quello di assumerne un bicchiere di succo al giorno, sempre dietro parere del medico.

Fa bene alla pelle. La barbabietola rossa fa bene alla pelle. Grazie ai tanti antiossidanti che contiene, aiuta la pelle a mantenersi giovane, previene la comparsa delle rughe e funge da protettore naturale. Un vero toccasana i cui benefici possono essere tratti sia dalla verdura che dalle sue foglie.

È un energetico naturale. La barbabietola, specie se assunta sotto forma di succo, è in grado di potenziare l’energia. Da diversi studi è infatti emerso che gli sportivi, dopo averla consumata, hanno prestazioni migliori e resistono di più in fase di allenamento. Ciò avviene grazie ai nitrati che migliorano la funzione ormonale e la circolazione.

Fa bene al cervello. Sempre grazie ai nitrati, la barbabietola rossa fa bene al cervello migliorando la circolazione del sangue e la comunicazione delle cellule cerebrali. Sempre secondo alcuni studi, il suo consumo aiuterebbe a prevenire l’insorgere del morbo di Alzheimer.

È amica di chi è a dieta. La barbabietola ha poche calorie e ciò la rende un alimento idoneo per chi è a dieta. Tra le altre cose la sua dolcezza la rende un ingrediente perfetto per i dolci, tanto da poter sostituire lo zucchero evitandone gli effetti collaterali.

Fa bene al fegato. Grazie alla presenza di vitamine del gruppo B, calcio, ferro e betaina, la barbabietola è amica del fegato. La presenza di rame e zinco protegge inoltre le cellule epatiche dallo stress ossidativo, mantenendo il fegato in salute più a lungo.

Stimola la digestione. La barbabietola rossa aiuta la digestione e grazie alla presenza di fibre funge anche come regolatore del transito intestinale, evitando blocchi e giovando allo stomaco e all’intestino.

Fa bene alle ossa. Secondo uno studio giapponese la barbabietola rossa fa bene alle ossa. Ciò è dovuto all’ossido nitrico che sembra giocare un ruolo importante nella prevenzione della decalcificazione ossea.

Abbassa i livelli della glicemia. Se assunta nel modo corretto, la barbabietola rossa può abbassare i livelli di glicemia nel sangue, evitando che venga messa in circolo troppa insulina e giovando così all’organismo sotto molteplici aspetti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Barbabietola rossa: proprietà, benefici, controindicazioni e come mangiarla

Previene l’insorgenza dei tumori. Secondi alcuni studi, la barbabietola rossa, grazie alla presenza di betaina è un alimento più che indicato nella prevenzione del cancro. La sostanza che contiene, infatti, sembra ridurre la divisione cellulare delle cellule tumorali.

Attenzione! È importante ricordare che, come tutti gli alimenti, anche la barbabietola rossa può avere delle controindicazioni. Nello specifico per via degli ossalati che contiene, è sconsigliata in persone con calcoli renali o che vi sono predisposti.
La sua assunzione può interagire inoltre con alcuni farmaci e con l’assorbimento di alcuni macronutrienti. Per questi motivi, prima di inserirla in modo costante nella propria dieta è sempre bene chiedere prima il parere del medico curante.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Leggi anche -> Barbabietola rossa: un elisir di salute
Leggi anche -> Barbabietola: rimedi di bellezza
Leggi anche -> Risotto alla barbabietola (video ricetta)