Home Salute e Benessere Dieta e Alimentazione Ecco perché dovresti fare colazione anche a Ferragosto

Ecco perché dovresti fare colazione anche a Ferragosto

CONDIVIDI

Colazione a Ferragosto: i motivi per cui non andrebbe mai saltato il primo pasto della giornata.

Oggi è Ferragosto e tantissime persone hanno già in mente di alzarsi ed evitare la colazione. Le scuse sono sempre le stesse, comuni ai giorni di festa: ci si alza più tardi, si pranza poco dopo il risveglio, si mangerà tanto durante il resto del giorno, etc… Scuse, appunto, perché la prima colazione è un pasto che non andrebbe mai saltato, neppure quando si ha in programma di pranzare e cenare fuori. Certo, si può scegliere per qualcosa di più leggero del solito ma è inconfutabile che al risveglio dovrebbe sempre seguire un pasto in grado di alimentare l’organismo dopo le ore notturne. Se anche tu stavi pianificando di saltare la colazione, quindi, evita di farlo e inizia a prepararti qualcosa. E bada bene che un caffè al volo non è una colazione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Colazione estiva: cosa è meglio mangiare

Se vuoi restare sempre aggiornata sulle ultime diete e le strategie per restare sempre in forma CLICCA QUI!

Ferragosto: l’importanza di fare la prima colazione

Fonte: iStock

Sempre più studi dimostrano ogni giorno l’importanza della prima colazione. Questo pasto, troppo spesso sottovalutato, è infatti il più importante della giornata nonché quello che aiuta ad affrontare al meglio le ore successive e che consente di mantenere invariati valori importanti come, ad esempio, quello della glicemia.
Alzarsi dopo una notte di digiuno, ed evitare la prima colazione può infatti creare molti più danni di quanto non si pensi. Per prima cosa i livelli della glicemia tendono ad oscillare per le troppe ore a stomaco vuoto e questo, oltre a non far bene all’organismo, porterà ad una fame smodata verso metà mattina. Fame che spingerà a mangiare alimenti zuccherati e grassi, decisamente meno sani da quelli che si potrebbero consumare tranquillamente appena svegliati.
Con il salire della glicemia, anche l’insulina si mette in circolo con misure oltre la norma e ciò porta ad incamerare sotto forma di grasso i carboidrati che si andranno a mangiare successivamente.
I meccanismi che si mettono in atto con la scelta di non mangiare a colazione sono quindi piuttosto deleteri ed in grado di portare a risultati opposti rispetto a quelli desiderati.
A causa dell’insulina in circolo, infatti, il peso tenderà ad aumentare, mentre la glicemia più bassa (o più alta se si hanno problemi di questo tipo) porterà a mangiare di più rendendo più difficile il saper resistere alle tentazioni.
Inutile dire, che senza una buona colazione anche le prestazioni fisiche e mentali ne risentiranno e tutto per ritrovarsi a mangiare comunque di più durante il resto della giornata.
Da diversi test è infatti emerso in passato come chi salta la colazione tende a mangiare di più durante il giorno. Quindi, perché rischiare? La verità è che anche a Ferragosto è preferibile scegliere una buona prima colazione, optando per qualcosa di leggero se ci si alza più tardi e si sa già di dover pranzare da lì a poche ore e per una normale qualora ci si alzasse di buon ora.

Esempi di colazione idonei a Ferragosto

Fonte: Thinkstock

Giornata classica. Se nonostante tutto, la tua giornata prevede di trascorrere in modo normale, anche la colazione dovrà essere la stessa di sempre. Non saranno certo queste calorie ad inficiare il tuo peso forma, neppure se a pranzo o a cena tenderai a mangiare di più.

Risveglio tardivo con pranzo ravvicinato. Se la sveglia suona più tardi e sai già di avere un pranzo luculliano ad attenderti, puoi optare per uno yogurt greco con frutta o per uno yogurt magro con una manciata di noci, qualora dalla colazione al pranzo ci siano due o tre ore.

Risveglio tardivo con pasto abbondante a cena. Se il tuo Ferragosto si concentrerà più che altro sulla cena, è bene che la colazione sia la stessa di sempre e che ad essere più leggero (senza esagerare) sia il pranzo. Iniziare a ridurre il cibo di primo mattino porterà infatti solo ad una maggior fame con conseguente rischio di abbuffarsi a cena. È sempre meglio arrivare mediamente sazi in modo da non cadere in tentazioni delle quali ci si potrebbe pentire subito dopo.

Sveglia presto. Se la sveglia suona prima del solito per via di una gita fuori porta o per altri eventi, è giusto che la colazione sia abbondante e sostanziosa. Un pancake proteico o una tazza di yogurt greco con frutta fresca e secca, aiuteranno ad arrivare al pasto successivo ancora carichi di energia e senza quella fame che spinge più che mai a mangiare tutto ciò che capita sotto tiro.

Risveglio tra amici. E se ci si trova in vacanza con amici? Se non ci sono opzioni perché si è fuori e non si ha modo di scegliere cosa mangiare, molto dipende da dove ci si trova. In hotel si può scegliere di farsi fare un’omelette di soli albumi, alla quale abbinare una fetta di pane integrale con della marmellata. Se si è a casa di amici, si può cercare di fare lo stesso o offrirsi di preparare dei pancake da associare a dello yogurt greco. Se il ritrovo è al bar si può prendere uno yogurt con frutta se si ha la fortuna di capitare in uno di quelli che consentono colazioni più varie. Altrimenti si può scegliere un cappuccino se è già tardi. Se al pranzo manca ancora molto, un paio di biscotti possono essere una scelta migliore alla classica brioche. In extremis, tanto vale godersi il momento e prendere ciò che più si desidera. Una colazione sbilanciata, se una volta ogni tanto, non comprometterà la linea e farà meno danno al fisico di un carico di stress rivolto al cibo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Questi cibi, mangiati a colazione, danno energia al tuo cervello

Ora che il problema colazione è stato risolto, è bene tenere a mente che anche in presenza di pasti abbondanti, anche domani non andrà saltato il primo pasto della giornata. Basterà tornare a mangiare come sempre per perdere in breve tempo il peso acquisito che sarà formato per lo più da liquidi, pronti a sparire già dopo le prime ore della giornata.
Ciò che conta veramente e non far mai sentire l’organismo in uno stato di bisogno e garantirgli le energie delle quali ha bisogno per attivarsi. Cosa che, inutile dirlo, è indispensabile anche per mantenere attivo il metabolismo basale. Piuttosto, se si sente proprio il bisogno di fare qualcosa, si può sempre optare per una bella camminata veloce immediatamente prima della colazione o durante la giornata.
Detto ciò, buon Ferragosto a tutti/e!

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Leggi anche -> Colazione: cosa mangiare per mantenersi in forma e dimagrire
Leggi anche -> Colazione fit: ecco le cose da evitare
Leggi anche -> Colazione: cinque alimenti che non andrebbero mangiati