Home Tecnologia IG Audit: lo strumento che smaschera i falsi follower degli influencer

IG Audit: lo strumento che smaschera i falsi follower degli influencer

CONDIVIDI

Non più profili di Influencer con follower “falsi”. Ora ha controllare c’è l’IG Audit, lo strumento che gli influencer temono di più

IG Audit: la nuova frontiera per smascherare i falsi follower

E’ finita l’era in cui su Instagram gli influencer se la intendevano a suon di follower “falsi”. La collezione di profili di influencer che avevano al loro seguito decine e decine di follower che impazzivano per i loro post e i loro profili è finito. Non perché tali follower hanno deciso di “seguire” altro, no, semplicemente perché l‘IG Audit ha scoperto che non esistevano. Falsi follower acquistati da falsi influencer che si ritenevano tali e che, per l’appunto, compravano migliaia di seguaci solo per un like in più. E’ tutta una questione di commercio, anzi di lucro e menzogne. Da un po’ di tempo, però, ci pensa l’IG Audit a smascherare questi bugiardi del web 2.0 Come? Lo strumento è semplice e temuto per quegli influencer che fino ad oggi hanno giocato sporco – quasi tutti. Ma cerchiamo di capire cos’è questo strumento e come funziona. Attenzione influencer, i bei giorni stanno per scadere!

Potrebbe interessarti anche: Matrimonio finito dopo 8 mesi per Miley Cyrus e Liam Hemsworth – VIDEO

IG Audit: lo strumento che smaschera i “falsi” follower

Instagram Instagram ig audit (Fonte: Getty Images)

Se molti dei principali Influencer già conoscono tale strumento, molti altri, invece ne sono all’oscuro. Ma cos’è l’IG Audit, e come funziona per davvero? Per iniziare, specifichiamo che l‘IG Audit esamina un campione random di circa 200 follower – e per quelli che pensano che tanto non ci prenderanno, una cattiva notizia, a breve, fra pochi mesi, quel “random” sarà esteso a tutti, dunque non state troppo tranquilli – e verifica quanti sono falsi ottenendo la percentuale che poi apparirà all’utente. Per questo, se si ripete il controllo, potrebbero risultare percentuali diverse: dipende da quali follower vengono presi in esame. Per determinare se un profilo è vero o falso IG Audit utilizza un algoritmo che controlla e incrocia diversi parametri: il rapporto tra i follower e i following, il nome, il numero dei post pubblicati, il fatto che sia pubblico o privato.

Se vuoi restare aggiornata su tutto ciò che riguarda la tecnologia, il gossip e il mondo dei social CLICCA QUI!

Come scoprire falsi follower sui profili Instagram

Instagram logo (Fonte: Getty Images)

In sostanza è molto semplice da usare, basta inserire il nome dell’account Instagram che si vuole controllare, cliccare sul pulsante «Go» e dopo qualche istante apparirà come per magia la percentuale di follower «reali» del profilo controllato. Bello vero? Ma soprattutto grazie a IG Audit  puoi scoprire subito quanti sono i follower falsi. Per questo il nuovo strumento in pochi giorni è diventato uno dei temi più discussi nelle Stories degli utenti di Instagram. C’è chi controlla il proprio profilo, chi lo usa  per curiosare la percentuale di profili falsi dei profili altrui. Chi lo utilizza come “garanzia di qualità”, una sorta di CE 2.0, pubblicando il risultato per dimostrare ai suoi follower che se ha tanto seguito è solo perché piace e non perché ha comprato follower. Beato lui, queste si che sono soddisfazioni!

Potrebbe interessarti anche: Il Guinness dei primati: dalle origini dell’uomo alle curiosità del Mondo

L’unica cosa che questo strumento non può ancora fare è quello di controllare i profili privati a meno che questi non abbiano accettato la vostra richiesta di seguirli.

Le origini dell’IG Audit: la trasparenza!

deterioramento cognitivo IG Audit, le origini Getty Images

Il sito IG Audit è stato lanciato nel primo mese del 2018 con l’obiettivo di portare più trasparenza all’interno di Instagram. Dietro c’è un non meglio specificato ingegnere che ha lavorato per la Nasa, Facebook e Snapchat. Lo strumento vuole semplificare la vita delle molte industrie che sono alla ricerca di nuovi talenti tramite i social network. Per ora è uno strumento gratuito, ma in futuro potrebbe essere monetizzato tramite pubblicità che scorreranno durante il controllo dell’account. Insomma, in un mondo che sembra essere ogni giorno più finto, qualcuno ha capito di dover fare qualcosa. Anche se per ora, è solo un piccolo passo e la strada è tanta da percorrere, si spera che in qualche modo – almeno i social – abbiano il modo di non mentire (sempre)

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI