Home Maternità Tatuaggi henné in vacanza, attenzione ai pericoli per la salute

Tatuaggi henné in vacanza, attenzione ai pericoli per la salute

CONDIVIDI

Bambina di 7 anni con vesciche, ustioni e gravi cicatrici dopo le vacanze in famiglia

Tatuaggi henné in vacanza, attenzione ai pericoli per la saluteDurante le vacanze molte persone sono tentate dai tatuaggi all’henné, tatuaggi che durano solo pochi giorni, ma che rappresentano un piacevole ricordo dei luoghi visitati oltre ai loro motivi molto graziosi. Sfortunatamente, i prodotti utilizzati a questo scopo possono esporre le persone a gravi problemi di salute, come dimostrato dalla storia di Little Madison, trasmessa dal DailyMail.

Se vuoi essere informato su tutte le novità su Curiosità & Benessere  CLICCA QUI

I tatuaggi all’henné sono fashion, accessibili da tutti, adorati anche da chi non ama disegni prmanenti sulla pelle. Da sfoggiare per la durata dell ‘estate sono molto apprezzati soprattutto dai giovani. Quello che in molti ignorano è che in alcuni casi, questi tatuaggi contengono additivi allergici che possono causare prurito, eruzioni cutanee sotto forma di vescicole, eczema per 2 o 3 giorni o anche 1-2 settimane lasciando cicatrici irreversibili. Questo è il caso di questa bambina di 7 anni che ha visto tramutare la sua vacanza in tragedia dopo essersi sottoposta ad un tatuaggio all’henné.

Originaria dell’Isola di Wight, la famiglia Gulliver nel 2017, decide di tentare l’avventura in Egitto.

Una settimana dopo il loro arrivo, il piccolo gruppo affronta la sua prima paura. La madre, Sylvia, viene ricoverata urgentemente in ospedale a causa di un’infezione alla cistifellea. Fortunatamente, grazie alle cure migliora rapidamente. La donna ha dovuto comunque passare alcuni giorni lontana dai suoi figli per essere ricoverata in ospedale.

Per premiarli di essere stati buonissimi durante la sua assenza, la donna ed il marito  decidono di acconsentire alla richiesta dei loro piccoli, Madison e Sébastien di 7 e 9 anni, di farsi fare dei tatuaggi all’henné. Ovviamente, erano ben lungi dal sospettare quello che li attendeva.

Dopo essere stato tatuato nel salone dell’hotel, Sébastien ha iniziato ad avvertire irritazione, corse a lavarsi e pocoa poco iniziò a stare meglio. Madison non ebbe la stessa reazione del fratello,  la bambina non manifestò alcun disturbo prima del suo ritorno nel Regno Unito.

Dopo qualche giorno anche Madison iniziò ad avvertire prurito, un prurito che aumentò considerevolmente, trasformandosi in una serie di dolorose vesciche. I medici attribuirono la causa ad una reazione allergica verso una sostanza nota come parafenilendiammina (PPD) e presente nell’inchiostro del tatuaggio.

Data l’entità della situazione, Madison dovette essere trasferita urgentemente all’unità di degenza dell’ospedale distrettuale di Salisbury.

I suoi genitori intervistati dal Dailymail hanno affermato che non riuscivano a credere che un hotel potesse offrire servizi così pericolosi per i bambini: “Questi segni e cicatrici la segneranno sicuramente per la vita […] Non potevamo immaginare di esporre nostra figlia ad un danno simile, questi saloni dovrebbero specificare i pericoli nella loro brochure […] È in parte colpa nostra, avremmo dovuto prestare maggiore attenzione, ma è anche responsabilità dell’hotel informare i genitori dei possibili rischi”

Madison ha dovuto indossare bende per 6 mesi per ridurre i danni causati dalle sue cicatrici. La sua salute è fuori pericolo, ma una guarigione completa è improbabile.

Cosa fare per evitare questo danno:

Per evitare ripercussioni così gravi come quelle di Madison, è essenziale porre alcune domande al tatuatore, vale a dire il colore dell’henné, la sua durata e il tempo di asciugatura del tatuaggio. In effetti, il colore nero dell’henné si ottiene principalmente attraverso la parafenilendiammina che, in molti paesi, è vietata sulla pelle proprio perchè può causare gravi allergie.

D’altra parte, l’henné naturale dovrebbe svanire con il tempo e di solito si asciuga dopo un’ora. Se ti viene detto che il tuo tatuaggio durerà più di 3 settimane e che si asciugherà dopo 15 minuti, astieniti dal farlo.

Ti potrebbe interessare anche >>>

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI