Home Curiosita Instagram ha creato una generazione depressiva e narcisistica

Instagram ha creato una generazione depressiva e narcisistica

CONDIVIDI

Instagram ha creato una generazione di narcisistici non pensanti

In un momento in cui i nostri smartphone sono quasi diventati un’estensione delle nostre braccia, scorrere il feed sui social network è un’attività quotidiana. Inoltre, grazie a loro, il mondo non è mai stato così connesso! I social network hanno un forte impatto sul nostro umore, il nostro comportamento e le nostre relazioni e detta oggi tutto il nostro modo di vivere e comunicare. Tuttavia, questa dipendenza può essere particolarmente pericolosa e potenzialmente la fonte di una generazione depressiva e narcisistica.

Che tu sia un utente avido o no, che tu sia a favore o contro il loro avvento, c’è un punto che nessuno può contestare: i social media hanno davvero cambiato il mondo!

È chiaro che la nascita dei social network ha notevolmente facilitato l’accesso alle informazioni in tutto il mondo. Questi hanno contribuito a spingere le barriere della comunicazione consentendo alle persone di entrare in contatto tra loro in modo rivoluzionario e con una banalità sconcertante.

Hai memoria di un mondo senza social network?

È difficile credere che poco più di 10 anni fa il nostro modo di vivere fosse completamente diverso. Certo, alcuni social media esistevano molto prima, ma il loro impatto non era chiaramente importante come lo è oggi. La maggior parte delle persone non ne aveva nemmeno accesso.

In effetti, è con la democratizzazione degli smartphone che le cose hanno iniziato a cambiare. Inutile dire che da allora i social network hanno davvero trasformato il modo di lavorare della società, che si tratti di comunicazione, condivisione e persino abitudini di consumo.

Tocca, trascina, fai clic e ti perderai nell’abisso dei feed live e delle storie di Instagram. A proposito, tocca semplicemente le impostazioni del tuo account per vedere quanto tempo hai trascorso amando, commentando, ammirando o guardando i post dei tuoi amici preferiti.

Per i più abili di voi, i numeri possono essere sorprendenti e per buoni motivi! I social media creano dipendenza come una droga e l’amore che questa generazione porta loro sembra illimitato. Quindi, viviamo in un’era in cui le persone sono più preoccupate di mettere in scena una vita perfetta piuttosto che viverla realmente. Questa dipendenza può portare a una limitazione dello sviluppo di un individuo o anche a maggiori disturbi mentali.

Se vuoi essere informato su tutte le novità su Curiosità & Benessere  CLICCA QUI

Millenni e ossessione per le apparenze

Dovresti sapere che i social media sono principalmente focalizzati sul singolo utente. Di conseguenza, all’aumentare del numero di “mi piace”  la persona può sentirsi più apprezzata, il che può migliorare la propria autostima.

Tuttavia, ciò può anche portare ad una continua necessità di ricevere maggiore attenzione. In effetti, la facilità con cui puoi pubblicare una foto in pochi clic, indipendentemente da dove ti trovi nel mondo o dalla tua attività, può portare a una condivisione eccessiva. Questo uso predominante nutre l’ego in un modo potenzialmente problematico e quindi incoraggia il comportamento narcisistico.

Vi è stata molta procrastinazione sull’ascesa del narcisismo tra i millennial. Questa controversa generazione ha accusato di valorizzare denaro, immagine e gloria a spese dei valori della comunità, dell’affiliazione e dell’accettazione di sé. Ma allora, come ha avuto luogo questo aumento generazionale del narcisismo?

Ciò è in parte dovuto al fatto che i social media incoraggiano l’autopromozione, poiché l’utente genera tutto il contenuto del suo profilo da solo. Ad esempio, la maggior parte delle persone usa Instagram per apparire più importante, per attirare l’attenzione e creare uno stato che in realtà non esiste. Pertanto, il problema principale con questo aspetto dei social network è che le persone stanno cercando di ritrarre un quadro illusorio. Scelgono le foto più interessanti e tendono ad alimentare i loro feed di notizie con informazioni chimeriche. Questa immagine favolosamente distorta può avere un effetto psicologico negativo sui loro seguaci.

Inoltre, uno studio condotto da ricercatori dell’Università di Swansea e pubblicato su Open Psychology Journala ha scoperto che un uso eccessivo dei social media era associato a un successivo aumento del narcisismo. Questa caratteristica può comportare l’esibizionismo esacerbato e viene amplificata attraverso messaggi visivi.

La maggior parte degli esperti comportamentali concordano sul fatto che il narcisismo è una condizione sociale e non biologica. I social network creano quindi un approccio pubblico che incoraggia il costante e irresistibile bisogno di ammirazione.

Ti potrebbe interessare anche >>>

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI