Home Maternità Il loro bambino muore in ospedale, poi il miracolo

Il loro bambino muore in ospedale, poi il miracolo

CONDIVIDI

Il loro bambino muore in ospedale, ma 4 giorni dopo l’infermiera li chiama con una grande novità

Avviare una famiglia è un sogno per la maggior parte delle giovani coppie. Katie e Josh Butler, hanno visto realizzare questo grande sogno, quello di accogliere un bambino nelle loro vite. Purtroppo le circostanze hanno negato un futuro a questo bambino tanto atteso. Il Daily Mail, racconta la storia di questa giovane coppia che ha affrontato questo doloroso evento, il lutto perinatale.

Dopo aver scoperto durante un’ecografia di 20 settimane, che la gravidanza di Katie presentava serie complicazioni, la vita della coppia è stata capovolta, e avrebbero dovuto affrontare una lunga strada in salita.

Se vuoi essere informato su tutte le novità su Curiosità & Benessere  CLICCA QUI

Il lutto perinatale è un calvario doloroso nella vita di una donna

Il lutto perinatale è un evento difficile da affrontare per una giovane madre e che non dovrebbe essere banalizzato. È un vero lutto, per la madre, il cui bambino è nato morto, o è morto pochi giorni dopo. Per facilitare questo periodo difficile, è essenziale dare un nome a questo bambino perduto, per dargli un posto reale anche se non fa più parte di questa vita e seppellirlo con una cerimonia.

I genitori in lutto possono richiedere un supporto psicologico al fine di superare questo periodo doloroso e accettare questa tragica perdita; il dolore è più acuto nella madre che porta questo bambino nel suo grembo da mesi e vive con lui momenti privilegiati durante la gravidanza.

Questo caso doloroso è stato vissuto da una giovane coppia che ha cercato di sopravvivere a questa tragedia nel miglior modo possibile.

Dewey, un piccolo angelo andato troppo presto

Dopo la nascita Dewey è stato ricoverato in terapia intensiva neonatale nella speranza di tenerlo in vita. Sfortunatamente, questo non è accaduto, il neonato morì dopo 132 giorni poichè il suo cuore non resse all’implementazione della sonda di alimentazione.

Katie e Josh erano devastati,  erano sicuri che il loro bambino avrebbe vinto questa battaglia, ma non è stato così.

I genitori continuarono tuttavia a pregare per affrontare questo triste evento, nella speranza che il loro dolore potesse essere attenuato, fino a quando avvenne un miracolo.

Il loro bambino muore in ospedale, poi il miracolo

Poco dopo l’inizio del lutto la coppia ricevette una telefonata dall’infermiera neonatale dell’ospedale di terapia intensiva che li informava che un neonato che si trovava al quinto piano di quell’ospedale avrebbe avuto bisogno una mamma e un papà.

Questo bambino di nome Brax, fragile con molteplici problemi di salute, era stato abbandonato dai suoi genitori biologici.

Katie e Josh non sapevano cosa aspettarsi, ma quattro giorni dopo decisero di incontrare questo bambino nato prematuramente a 27 settimane.

A 11 mesi, Brax non ha mai lasciato l’ospedale, ha avuto diverse complicazioni, una insufficienza respiratoria, ipertensione arteriosa polmonare e la necessità di un respiratore artificiale.

Tuttavia, a Katie e Josh è stato detto che le condizioni di Brax sarebbero migliorate nel tempo. Senza alcuna esitazione, la coppia iniziò i passi amministrativi per adottare formalmente il bambino.

“Una volta a casa, la salute di Brax ha iniziò a migliorare. Il bambino aveva ancora bisogno della maschera d’ossigeno, anche se poteva finalmente muoversi facilmente e mangiare correttamente.

“Lui ci riconosce e ci sorride spesso. L’abbiamo davvero adottato, Brax è ora parte della nostra famiglia, vogliamo dargli tutto il nostro amore. ” queste le parole dei suoi nuovi genitori.

La storia di Dewey è terribilmente tragica, ma la vita è sempre piena di sorprese, così due genitori che hanno perso un figlio incontrano un bambino che ha perso i genitori e colmare il loro bisogno di amore.

Ti potrebbe interessare anche >>>

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI