Allerta meteo: un’ondata di calore devastante colpirà il mondo

“L’inferno si sta avvicinando”: i meteorologi avvertono che un’ondata di calore devastante colpirà il mondo.
Caldo a Roma (ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images)

L’uomo popola la terra, usa le sue ricchezze per assicurare la sua sopravvivenza e usa i suoi materiali per proteggersi. L’uso smisurato di queste risorse ha generato un notevole inquinamento e un aumento delle emissioni di gas serra. L’essere umano creando ricchezza materiale ha causato un riscaldamento della temperatura del pianeta che lo ospita. Onde di calore, episodi polari e onde giganti sono attesi nei prossimi anni secondo i meteorologi intervistati dai nostri colleghi di Le Figaro.

Se vuoi essere informato su tutte le novità su Curiosità & Benessere  CLICCA QUI

Emergenza meteo, attese intense ondate di calore

Queste ondate di calore stanno diventando sempre  più intense. Il nome indica che sono caratterizzate da un calore elevato presente giorno e notte. La ragione di questo aumento della temperatura notturna è un fenomeno chiamato isole di calore urbano.

Al calar della notte, solitamente si avverte un raffreddamento della temperatura. Ma i materiali che compongono le strade e gli edifici della città assorbono calore durante il giorno e lo liberano la sera. Queste ondate di calore sono indicative di variazioni del clima terrestre, in realtà sono raddoppiate tra il 1990 al 2010 rispetto al periodo tra il 1950 e il 1990.

In totale, ci sono quattro livelli di attenzione per quanto riguarda l’ondata di calore:

Livello 1 (verde) che equivale a un orologio stagionale

Livello 2 (giallo) che è un avviso di calore

Livello 3 (arancione) che indica un avviso relativo a un’onda di calore

Livello 4 e quindi il livello più alto che è un codice rosso e incoraggia la mobilitazione generale.

Durante questo periodo di ondata di caldo, fino a 78 reparti sono stati messi in modalità di vigilanza arancione mentre 4 sono stati decretati secondo un codice rosso, si tratta di un caso unico mai verificato.

Queste proiezioni meteorologiche sono state fatte da Météo France e mostrano che in seguito ai cambiamenti dovuti al fenomeno del riscaldamento globale, l’episodio delle ondate di calore del 2003 sarà di fatto la norma per le temperature estive verso la fine del XXI secolo.

Ovviamente la Francia non è l’unico paese colpito, ma lo saranno anche diversi paesi europei a causa della calda aria sahariana che ha superato i record di temperatura registrati in precedenza.

Paesi con soglie termiche particolarmente elevate includono Germania, Spagna, Svizzera, Portogallo e Polonia.

Quali precauzioni da prendere in caso di ondata di caldo?

Per affrontare al meglio il periodo estivo ci sono una serie di precauzioni da adottare per proteggersi e garantire il benessere dei propri cari. Il Ministero della Salute ha sviluppato alcune raccomandazioni essenziali da tenere in considerazione in caso di ondata di calore.

– Se nel tuo gruppo di amici o familiari ci sono persone malate, anziane o disabili che vivono da soli, richiedi per loro assistenza presso il minicipio di riferimento in caso di temperature elevate.

– Fai un elenco dei luoghi climatizzati vicino a te per rinfrescarti quando necessario: chiesa, negozi, cinema …

– In caso di caldo intenso, non stare isolato e rimaniin contatto con i tuoi cari.

– Evitare di uscire tra le 11:00 e le 16:00 ed evita di fare sforzi durante questi periodi caldi.

– Rinfresca i tuoi interni durante il giorno e assicurati di mantenere le finestre chiuse durante il giorno.

– Metti vestiti larghi, a trama leggera con colori chiari. Scegli vestiti di cotone.

– Bevi acqua regolarmente e tienila sempre a portata di mano.

– Non bere alcolici con le temperature elevate.

– Usa un ventilatore e un fogger.

– In caso di sintomi somatici violenti come mal di testa, vomito o perdita di coscienza, chiamare il numero di emergenza.

Ti potrebbe interessare anche >>>

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

 

Da leggere