Dieta contro le infiammazioni, i segreti del dottor Weil

Da alcuni anni una dieta nata negli Usa e arrivata anche in Europa serve per prevenire alcune malattie gravi: è la dieta del dottor Weil che cura non tanto il peso quando la salute quotidiana.

dieta reflusso gastroesofageo
Dieta, IStock

La dieta non serve esclusivamente per dimagrire e altre che invece ci fanno stare bene. Come la dieta del dottor Weil, un regime alimentare che ha lo scopo di contrastare le infiammazioni croniche.

Sono loro infatti secondo il suo ideatore, un noto medico americano, i principali responsabili di malattie come i tumori e l’Alzheimer, quindi vanno combattute anche a tavola con un’alimentazione sana e responsabile.

Se vuoi restare aggiornata sulle proprietà degli alimenti e su quali mangiare per vivere sempre in salute CLICCA QUI!

Dieta del dottor Weil, come funziona e cosa si mangia

Cosa cucino oggi? Il menu completo crudista
Fonte foto: Pixabay

In Italia non è ancora così conosciuta, ma la dieta del dottor Weil è un passo importante nella lotta contro le principali infiammazioni dell’organismo, quelle che sono alla base di malattie spesso mortali o comunque debilitanti.
Secondo lo schema di questa dieta, ogni giorno bisogna mangiare almeno 2000 ma anche 3000 calorie, una quantità che cambia in base al sesso, all’età della persona e a quanta attività fisica pratica. Il rapporto del cibo in ogni pasto della giornata deve essere per il 50% di carboidrati, per il 20-30% di proteine e per il restante 20-30% di lipidi.

Come in ogni regime alimentare che si rispetti, anche nella dieta del dottor Weil alla base di tutto lo schema c’è una piramide alimentare che mette alla base gli alimenti più importanti e salendo fino in cima quelli di cui possiamo anche fare a meno. Ripete un po’ lo schema della dieta mediterranea, aggiungendo però alcuni cibi come il cioccolato fondente e il thé verde che secondo l’ideatore è meglio del caffè.

Leggi anche -> Glicemia alta? Usa limone e zenzero

Alla base, cioé quello che proprio non può mancare a tavola, ci sono la verdura a foglia verde e la frutta di stagione, se possibile da coltivazioni biologiche. Poi a seguire i cereali (preferibilmente integrali e con basso indice glicemico), i legumi seguiti dai grassi monoinsaturi e polinsaturi come l’olio extravergine d’oliva, la frutta secca e il pesce azzurro, le proteine che ci sono nei latticini, le spezie. Il vino, i dolci e il cioccolato sono considerati cibi da assumere ogni tanto, ma non fondamentali.
Altro passaggio fondamentale per la dieta del dottor Weil è quello degli Omega 3 che si trovano in quantità elevate nelle aringhe, nelle sardine, nel salmone selvatico e devono essere presenti nei pasti almeno due volte alla settimana.

E il bere? Un po’ di vino è consentito, ma fondamentale è l’acqua che deve essere priva di cloro e cloramina. Inoltre ogni giorno bisogna integrare i pasto con una dose da 60 a 100 milligrammi di coenzima Q10. Forse non perderete peso, ma di sicuro prevenite molte malattie.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Da leggere