Arrestata per colpa dei suoi capelli, la sua vendetta fa impazzire il web

Questa donna transgender dopo essere stata in prigione a causa dei suoi capelli si prende la sua rivicinta utilizzando proprio i suoi capelli.

Una donna transgender è stata arrestata all’età di 19 anni perché le autorità iraniane avevano giudicato i suoi capelli troppo lunghi. Da allora ha sempre desiderato vendicarsi e ci è riuscita collaborando con il marchio Pantene.

Se vuoi essere informato su tutte le novità su Curiosità & Benessere  CLICCA QUI

L’incredibile storia di Prooya, testimonial Pantene

Da adolescente, Pooya Mohseni ha avuto un’esperienza che non potrà mai dimenticare.. Quando aveva 19 anni, stava tranquillamente camminando in un parco a Teheran, nella sua terra natia dell’Iran, vestita con una semplice maglietta nera e jeans bianchi, quando gli agenti di polizia le si avvicinarono. Secondo loro, la giovane donna transessuale era troppo mascolina e quindi aveva i capelli troppo lunghi. “I miei capelli arrivavano a metà orecchie”, dice Pooya Mohseni, ora 41 anni, in un’intervista per Refinery29. “Non erano per niente molto lunghi, quindi se li avessi allungati davanti alla mia faccia, sarebbero arivati a metà del mio naso”, aggiunge.

Secondo l’attrice iraniana-americana, i suoi capelli non erano il vero problema, ma ciò che questa “lunghezza” rappresentava per le autorità. A metà degli anni ’90, l’Iran era uno stato fondamentalmente islamico fondamentalista. Atti come omosessualità e copricapo inappropriato venivano puniti con pene estremamente severe. Il modo di vestire di Pooya Mohani, con abiti occidentali come i jeans era disprezzato, così come lo era la sua apparenza considerata non conforme alle rigide norme imposte sul genere.

Secondo questi agenti di polizia, i capelli della giovane donna erano più degni di una donna cisgender. Così non hanno avuto problemi a metterla in prigione.

Quasi 20 anni dopo, i capelli dell’attrice sono diventati la sua forza e un simbolo della sua libertà. Prooya si è presa la rivincita sul passato apparendo in una nuova campagna Pantene intitolata “Non odiarmi perché sono #BeautifuLGBTQ”. In un video della campagna in collaborazione con GLAAD in onore del Pride Month, Pooya Mohseni racconta il suo arresto e afferma che “i capelli sono la parte del tuo corpo che ti trasforma più visibilmente”.

I suoi genitori hanno pagato una multa e firmato un documento nel quale dichiaravano che avrebbero provveduto a tagliare i capelli di Prooya ad una “lunghezza appropriata”, per non ledere alla libertà della figlia hanno poi preferito per lasciare l’Iran per New York, dove ora Prooya vive e lavora come attrice, scrittrice, regista e attivista . “La prima cosa che potevo fare, perché non potevo ancora iniziare la terapia ormonale o comprare vestiti femminili, era farmi crescere i capelli, non c’era nient’altro. I capelli erano l’unica cosa che potevo guardare e questo mi faceva pensare: Eccoti, la persona che vedo in me stesso e nessun altro può vedere”, spiegò.

Per lei, i capelli sono qualcosa che è molto significativo per una persona. “Penso che per tutti gli esseri umani, i capelli siano la nostra corona, quando vuoi sentirti sexy, puoi fare qualcosa con i tuoi capelli. Quando vuoi diffondere un’immagine diversa di te stesso, è la prima cosa che rivoluzioni”, ha affermato. Inoltre, ammette che la lunghezza dei capelli è una delle poche cose libere che può aiutare una persona in transizione a sentirsi più simile a se stessa.

Una campagna condivisa sul web

Il video ha ricevuto molti commenti positivi da parte di persone LBGTQ + in Iran, dove l’omosessualità viene ancora percepita come un crimine. Mentre la legge si è evoluta per le persone transgender, c’è ancora un’enorme pressione, molestie e discriminazione nei loro confronti. Pooya Mohseni spera di contribuire con il suo esempio a cambiare questa mentalità.

Ti potrebbe interessare anche >>>

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

 

Da leggere