Dieta: combattere il reflusso gastroesofageo si può

Una patologia che colpisce molte persone nel nostro Paese e che spesso da molto fastidio: ora però c’è una dieta per combattere il reflusso gastroesofageo..

dieta reflusso gastroesofageo
Disegno dell’apparato digerente, IStock

Quella del reflusso gastroesofageo è una vera e propria malattia che spesso da fastidio e può rivelarsi problematica soprattutto nella quotidianità di chi ne soffre. Questa patologia, nello specifico, si sviluppa quando i succhi gastrici entrano in contatto con l’esofago, fino a provocare bruciore dietro e acido nello stomaco, che tende poi a salire soprattutto dopo i pasti.

Questi sintomi rappresentano una vera e propria malattia nel momento in cui si ripetono più volte e hanno una durata prolungata. Ciononostante, esistono alcuni accorgimenti che possono essere presi dal punto di vista alimentare per stare meglio e tenere sotto controllo questa situazione fastidiosa.

Prima di tutto nel caso di reflusso gastroesofageo è fondamentale fare attenzione a ciò che potrebbe stimolare la produzione di acido, irritare l’esofago o la zona situata tra l’esofago e lo stomaco. Proprio per questo alcuni alimenti dovrebbero essere completamente banditi dalla propria dieta, come pompelmo, caffè, pomodoro, ananas, e limone.

Se vuoi rimanere aggiornato giorno per giorno su tutte le notizie delle categorie salute e benessere e dieta e alimentazione, CLICCA QUI!

Dieta contro il reflusso gastroesofageo: stare meglio è possibile, ecco come

dieta reflusso gastroesofageo
Dieta, IStock

Non solo: purtroppo i cibi “da evitare” o che è consigliabile mangiare con moltissima moderazione per chi è affetto da questa malattia sono moltissimi. Bisognerà dimenticarsi anche di arancia, cipolla, alcuni formaggi, i fritti e alcune leccornie, come gelato e cioccolata.

Eppure, ci si può aiutare anche in altro modo: prima di tutto è necessario imparare a mangiare più lentamente del solito se non lo si fa già e a mangiare più volte durante la giornata, evitando le grandi abbuffate che complicano la digestione.

Tra le accortezze da seguire assolutamente ce n’è poi una che riguarda il fumo: la nicotina infatti aumenterebbe drasticamente la possibilità di reflusso e renderebbe più vulnerabile lo stomaco alla produzione di acido.

Infine, strano ma vero, è consigliabile anche evitare di usare le cannucce per bere le bibite: in questo modo infatti si rischia di ingerire aria “inutile” nello stomaco, favorendo così anche la formazione di gas nella pancia che potrebbero provocare meteorismo.

Da Quotidiano di Ragusa

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

LEGGI ANCHE:

Reflusso gastroesofageo: come combatterlo con l’alimentazione

Dieta: ecco perché dovresti mangiare i cibi integrali

Post Partum: Il reflusso gastrico e il rigurgito quando preoccuparsi e cosa fare

Da leggere