Home Personaggi Donne Susan Sarandon: chi è? Età, altezza, carriera, vita privata e Instagram

Susan Sarandon: chi è? Età, altezza, carriera, vita privata e Instagram

CONDIVIDI

Scopri un ritratto a 360 gradi di una delle attrici più amate e popolari di Hollywood: Susan Sarandon. Ripercorriamone amori e carriera, film dopo film.

  • Nome d’arte: Susan Sarandon
  • Data di nascita: 4 ottobre 1946
  • Età: 72 anni
  • Segno zodiacale: Bilancia
  • Professione: Attrice
  • Titolo di studio: Laurea
  • Luogo di nascita: New York
  • Altezza: 170 cm

Se vuoi restare aggiornata su tutto ciò che riguarda i personaggi più celebri di oggi e di ieri CLICCA QUI!

Susan Sarandon film

Foto da Instagram @susansarandon

Con cinque candidature al Premio Oscar, nove ai Golden Globe e sei al Premio Emmy, Susan Sarandon è considerata ad oggi tra le migliori attrici della sua generazione. Pensare che il suo ingresso nel mondo del cinema non fu certo trai più facili.

Il primo approccio al mondo della recitazione avviene durate gli studi per la laurea presso la Catholic University of America. Prende parte al film La guerra del cittadino Joe, che arriva nelle sale cinematografiche solo nel 1970, e a La mortadella di Mario Monicelli, che le permette di farsi conoscere anche in Italia.

Le porte di Hollywood stentano però a spalancarsi per l’attrice che allora prenderà parte a film minori come Lovin’ Molly (1974).

La critica la scoprirà e apprezzerà solo nel 1975 quando si fa ammirare nel cult-movie britannico The Rocky Horror Picture Show di Jim Sharman.

Il vero anno d’oro per l’attrice sarà però il 1979 quando Malle la dirige nuovamente in Atlantic City, USA, per la cui interpretazione viene nominata per la prima volta agli Oscar.

Seguiranno poi Posizioni compromettenti, film di Frank Perry del 1985, in Le streghe di Eastwick (1987, di George Miller, al fianco di Jack Nicholson, Cher e Michelle Pfeiffer) ed in Bull Durham – Un gioco a tre mani, pellicola del 1988 per la regia di Ron Shelton

Nel 1991 arriva poi il road movie Thelma & Louise di Ridley Scott, che le vale una nomination all’Oscar e la vittoria del David di Donatello come migliore attrice straniera, insieme alla coprotagonista Geena Davis.

Nel 1993 ottiene una nuova nomination all’Oscar come miglior attrice protagonista per L’olio di Lorenzo, di George Miller, film che narra la vera vicenda della famiglia Odone e della malattia del piccolo figlio Lorenzo, l’adrenoleucodistrofia. La quarta nomination al prestigiosissimo premio (sempre in categoria protagonista) arriva nel 1995 con Il cliente, di Joel Schumacher, tratto dal romanzo di John Grisham.

La conquista della statuetta arriverà però solo nel 1995 per il ruolo di suor Helen Prejean in Dead Man Walking – Condannato a morte.

Seguiranno diversi successi come Il prezzo della libertà (1999), la commedia drammatica Nemiche amiche accanto a Julia Roberts, Due amiche esplosive (2002) a fianco di Goldie Hawn e di sua figlia Eva, Un amore sotto l’albero (2004); Shall we dance? (sempre del 2004, con Jennifer Lopez e Richard Gere) ed infine Elizabethtown (con Kirsten Dunst e Jessica Biel) e Romance & Cigarettes, entrambi del 2005.

Susan Sarandon oggi

Foto da Instagram @susansarandon

Superati i settanta, Susan Sarandon rimane una delle star più ammirate del Pianeta.

Il suo fascino appare intramontabile, così come la sua innata sensualità e quello spirito combattivo che la fa essere sempre in prima linea per le cause a lei care.

Prova di tutto ciò ne sono l’arresto nel 2018, dopo una manifestazione non autorizzata a Washington contro il presidente Donald Trump e la sua politica nei confronti degli immigrati, e il red carpet di Cannes nel 2017, durante il quale sfoggiò un abito nero e degli occhiali da sole da molti considerati come l’incarnazione stessa della femminilità.

Una donna che non cessa di essere una vera e propria icona, esempio per le altre donne.

Susan Sarandon altezza

Foto da Instagram @susansarandon

Nata a New York da da Phillip Leslie Tomalin (1917-1999), statunitense di origini inglesi, irlandesi e gallesi, e da Leonora Marie Criscione (1923), statunitense di origini italiane (il nonno, Giuseppe Vincenzo Criscione, era infatti di Ragusa e la nonna, Anita Rigali, era una ballerina figlia di emigrati di Coreglia, a sua volta figlia di Mansueto, uno scultore; Susan Abigail Tomalin (questo il vero nome dell’attrice) ha otto fratelli (quattro maschi e quattro femmine) e cresce con una rigida educazione cattolica che però, già da giovanissima, avversa almeno in parte.

Susan è un’adolescente ribelle e anticonformista, che si scatena in piazza durante le manifestazioni contro la guerra del Vietnam e a favore dei diritti civili.

All’università conosce il futuro attore Chris Sarandon, con cui si sposa nel 1968 e di cui, anche dopo il divorzio, terrà il cognome come suo pseudonimo. Un nome che oggi è sinonimo del grande cinema ma anche di “girl power”.

Fortemente pacifista ed ecologista, Susan Sarandon è da sempre politicamente schierata con i democratici e si è più volte impegnata in prima persona per le battaglie a lei più care, come la lotta per i diritti civili e degli omosessuali.

Nel 2018, la partecipazione a una marcia contro la “tolleranza zero” del presidente statunitense Donald Trump sull’immigrazione, le costò l’arresto.

Susan Sarandon Tim Robbins

Photo by Evan Agostini/Getty Images

Diversi uomini hanno costellato la vita di Susan Sarandon ma il più significativo rimane senza dubbio lui, Tim Robbins.

Dopo il primo matrimonio, quello con Chris Sarandon, uomo incontrato all’università e con il quale rimarrà legata dal 1968 al 1979, Susan incontrerà  il regista Louis Malle, con il quale rimarrà per due anni.

Seguirà un breve flirt con David Bowie e una chiacchieratissima relazione con Sean Penn.

Dal 1988 al 2009 avrà però una lunga relazione con Tim Robbins, dal quale avrà anche  Jack Henry (nato nel 1989 e così chiamato in onore dello scrittore Jack Henry Abbott) e Miles (nato nel 1992), i due figli seguiti alla primogenita, l’attrice Eva Amurri, nata nel 1985 dalla breve relazione con il regista italiano Franco Amurri.

Sulla fine dell’amore durato oltre 20 anni con Tim Robbins, Susan Sarandon dirà:

“Per le strade le persone mi dicevano: “Ho pianto quando ho sentito la notizia”. Beh, io ero anche più triste. Neanche io mi aspettavo che succedesse. A volte lasci che delle persone entrino nella tua vita in determinati periodi. Magari hai una relazione per fare dei bambini e capisci che si è compiuta una volta raggiunto quel punto.”

Dal 2010 al 2015 è poi legata allo sceneggiatore Jonathan Bricklin.

Susan Sarandon Instagram

Foto da Instagram @susansarandon

Tra scatti vecchi e nuovi, ricordi di film e di momenti condivisi con celebri colleghi scorre il profilo Instagram di Susan Sarandon, un social su cui sono oramai in 1,2milioni a seguire la celebre attrice.

Susan non si risparmia e condivide le sue passioni con i suoi fan senza però mai lasciare che la sua privacy ne venga eccessivamente sconvolta.

Un sistema che sembra funzionare alla grande!

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI