Home Ricette Secondi Piatti Uova, regine in tavola: due ricette per valorizzarle

Uova, regine in tavola: due ricette per valorizzarle

CONDIVIDI

Le uova sono protagoniste ovunque della nostra cucina, perché fanno bene e costano poco. Vediamo un paio di ricette che piaceranno anche ai vostri bambini

uova infarto ictus
Uova, IStock

Impossibile immaginare la cucina italiana senza le uova, quelle di gallina che sono anche le più utilizzate.

Non più di quattro, massimo cinque alla settimana, come consigliano i nutrizionisti, altrimenti il livello del colesterolo rischia di salire troppo. Ma pensateci bene: quanti piatti gustosi possono avere come base le uova accompagnate anche solo da pochi altri ingredienti per essere giù gustosi, appetitosi e adatti a tutte le età?

Se vuoi rimanere aggiornato giorno per giorno su tutte le notizie riguardanti le categorie salute e benessere, dieta e alimentazione, CLICCA QUI!

Uova in tavola; bastano prosciutto, formaggio e fantasia per piatti gustosi

uova ictus infarto
Uova, IStock

Le uova fanno bene a tutti, su questo non ci sono dubbi: sono ricche di vitamina A, vitamina B6 e B12, vitamina D che previene l’osteoporosi, acido folico e colina che servono alle donne in gravidanza e per il corretto sviluppo del feto (ma la colina serve anche per migliorare la funzionalità del fegato e protegge dal rischio di cancro al seno), contengono le proteine necessarie per i diabetici che devono seguire un regime alimentare speciale.

E ancora, ogni uovo contiene 6 grammi di proteine di qualità elevata e solo 70 calorie, quando danno una resa proteica notevole, aiutano i muscoli ad essere sempre tonici e grazie alla lipoproteine aumentano il livello di colesterolo buono riducendo anche il rischio di avere un ictus e lo sviluppo di una malattia cardiaca.

A loro sfavore hanno la quantità di colesterolo, circa 200 milligrammi per ogni uovo quando il consumo giornaliero giusto per l’uomo è di 300 milligrammi. Ma ad esempio, digerire due uova richiede molto meno tempo rispetto ad una bistecca e quindi anche il vantaggio per la digestione è notevole.

Leggi anche: Uova: ecco perché non mangiarne più di una al giorno

Le ricettea base di Uova

E allora adesso vi diamo un paio di idee per un piatto a base di uova diverso dal solito. Uova strapazzate al formaggio, per una cena veloce, nutriente e risparmiosa, sono il massimo.

6 uova
120 g di fontina
burro
sale
pepe nero

Per le uova strapazzare alla fontina (ma potete anche usare altri tipi di formaggi a pasta dura come la toma, l’asiago e simili) grattugiate la fontina con una grattugia a fori grossi, oppure tagliatela a listarelle con un pelapatate.

Rompete le uova in una terrina, sbattetele energicamente con una forchetta e intanto in una padella antiaderente sciogliete una noce di burro a fuoco moderato. Quindi versate le uova e strapazzatele facendole cuocere un paio di minuti. Quando sono quasi pronte aggiungete il formaggio, salate prestando attenzione alla sapidità della fontina e spolverate con una macinata di pepe. Continuate a mescolare e quando il composto sarà morbido togliete dal fuoco.

Potete accompagnare questo piatto con una bruschetta di pane ai cereali o integrale.

PIZZA FINTA DI ALBUMI
L’altra ricetta di oggi è la pizza finta di albumi, un modo diverso per proporre la classica frittata.

200 g di albumi (almeno 6 albumi)
100 g di prosciutto cotto al forno o prosciutto di Praga tagliato a fette
50 g di scamorza affumicata
40 g di pomodori secchi sott’olio
olio extravergine di oliva
sale
pepe nero

Iniziate a montare gli albumi a neve insieme al sale e al pepe. Poi un cucchiaio alla volta mettete gli albumi montati all’interno di uno stampo da crostata da 26 centimetri di diametro, foderato di carta forno. Distribuitelo su tutta la superficie dello stampo senza premerlo troppo e riempiendo tutti gli spazi, poi mettete in forno già caldo a 200° per 5 minuti.

Dopo aver sfornato gli albumi, farcite con il prosciutto, la scamorza a dadini e i pomodorini secchi scolati dall’olio. Infornate di nuovo a 200° almeno per 5 minuti o fino a quando il formaggio si sarà fuso. Sfornate di nuovo e servite caldo.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI