Home Ricette Pranzo al sacco? Prepariamo la focaccia genovese

Pranzo al sacco? Prepariamo la focaccia genovese

CONDIVIDI

Anche il pranzo al sacco, per i bambini e gli adulti, ha la sua importanza. Farete bella figura con tutti puntando su un cibo sano come la focaccia genovese, che si prepara tranquillamente in casa.

Si fa presto a dire ‘pranzo al sacco‘. Fono a qualche anno fa bastava comprare dei panini o del pancarrè, qualche affettato, due pezzi di formaggio e il gioco era fatto. Oggi però adulti e bambini sono alla ricerca di qualcosa di diverso anche quando devono mangiare velocemente, oppure fuori casa, in gita o in spiaggia.

Ecco perché invece di comprare il pane o la pizza al supermercato e nel negozio sotto casa, perché non preparare tutto noi? Volete mettere il piacere della focaccia fatta in casa, da farcire a piacere?

Se vuoi restare aggiornata su tutto quel che riguarda l’alimentazione e le strategie per restare in forma CLICCA QUI!

Focaccia genovese, un must per il pranzo al sacco

Prima di partire con le ricette per un perfetta pranzo al sacco, qualche consiglio generale. Ogni pasto, per essere efficace, dovrebbe comprendere carboidrati (quindi pasta, riso, pane), abbinati ad una buona fonte proteica (carne, uova, formaggio, legumi, pesce), integrandoli con una parte di fibre e vitamine, quindi verdura e frutta di stagione, e grassi buoni come l’olio extravergine.

Potrebbe interessarti anche: Brunch domenicale a casa: come organizzarlo? consigli e ricette veloci

In concreto significa che nel pranzo al sacco ogni porzione deve rispettare anche un peso: 70 grammi di panino o focaccia per i bambini fino a 7 anni, fino a 100 grammi per quelli dagli 8 ai 12 anni. Se sono più grandi e per gli adulti servono almeno 150-180 grammi di pane o focaccia. E poi attenzione alla conservazione: l’ideale sarebbe tenere il cibo ad una temperatura non superiore ai 4-5 gradi, quindi usando una borsa termica per il trasporto.
E adesso passiamo al piatto forte del pranzo al sacco, la focaccia. In Italia esistono decine di ricette, molte sono tipiche.

Noi abbiamo preso come esempio la focaccia genovese che è alta e morbida, facile da farcire in ogni modo.

Focaccia genovese

300 g farina di grano duro
240 g farina 00
50 g lievito di birra
7 cucchiai olio di oliva extravergine
1 cucchiaino da caffè di zucchero
acqua tiepida

Setacciate le due farine e mescolatele, poi sciogliete il lievito di birra in una ciotola con 1 decilitro di acqua tiepida e il cucchiaino di zucchero. Cominciate a mettere la miscela di farine in una ciotola insieme al lievito e mescolate fino a ottenere un panetto morbido, coprite con un telo e lasciate lievitare per un’ora.
Passati 60 minuti prendete il panetto lievitato e unite 1,5 decilitri di acqua, 2 cucchiai di olio e un cucchiaino di sale fino. Formate una palla e lasciatela ancora lievitare per 30 minuti coperta. Poi lavorate l’impasto per qualche minuto, formate una palla e fate lievitare per un quarto d’ora.

A parte mescolate 4 cucchiai d’olio con 4 cucchiai di acqua e uno di sale grosso. Stendete l’impasto in una teglia da forno unta con un filo d’olio e premetela con le mani. Pizzicatela con le dita formando delle buchette, spennellatela con metà del mix di olio e acqua e fatela lievitare ancora per 20 minuti.
Mettete la focaccia in forno caldo a 230° C e cuocetela fino a quando sarà dorata in superficie (bastano 20 minuti). Poi toglietela dal forno, spennellatela con il resto della miscela di olio e acqua e lasciatela riposare prima di servirla. Eventualmente si può arricchire con olive verdi o nere in superficie per renderla ancora più gustosa.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI