Home Maternità Sostanze tossiche nei pannolini, lo studio allarmante dell’ ANSES

Sostanze tossiche nei pannolini, lo studio allarmante dell’ ANSES

CONDIVIDI

Dopo la pubblicazione dello studio ANSES sulle sostanze tossiche nei pannolini, i genitori chiedono che lo stato comunichi i nomi di marchi potenzialmente tossici per il loro bambino.

Lo scorso gennaio, l’ANSES, l’agenzia nazionale per la sicurezza sanitaria, ha emesso un rapporto allarmante che informava della presenza di sostanze chimiche tossiche in alcuni pannolini per bambini. Questa informazione ha allarmato la maggior parte dei genitori, che ha chiesto maggiore trasparenza ed informazione all’ente ma l’ANSES non ha comunicato i marchi dei pannolini in questione. Alcuni genitori si sono dunque rivolti direttamente al governo, rivendicando i nomi dei pannolini che potrebbero essere pericolosi per i loro bambini. La composizione dei pannolini dovrebbe essere nota sulla confezione e i genitori chiedono allo stato di fare in modo che si verifichi il prima possibile. Peccato che questa lettera è rimasta senza risposta.

Se vuoi essere informato su tutte le novità su Curiosità & Benessere  CLICCA QUI

Pannolini e sostanze tossiche, un nuovo studio per fare chiarezza

Ora le iniziative stabilite dai genitori per far reagire il governo saranno più radicali. Attraverso l’Associazione per la salute dei bambini, tre genitori hanno deciso di portare questo caso in tribunale, citandolo “un’emergenza sanitaria”: “I Ministeri dell’Economia, della Salute e della Transizione Ecologica non hanno risposto alla nostra lettera inviata due mesi fa, che equivale ad un rifiuto, quindi portiamo il caso in tribunale per richiedere l’elenco dei marchi ma anche la rimozione degli strati pericolosi e maggiori informazioni ai genitori, spiega uno dei genitori dell’associazione, Quentin Guillemain, sul quotidiano Le Parisien. L’associazione e i genitori sono rappresentati dall’avvocato Corinne Lepage, ex Ministro dell’ambiente. Quest’ultimo denuncia la mancanza di reattività dello stato: “Non capisco, il suo ruolo è ancora quello di servire la popolazione. Oggi i genitori non sono sicuri dei prodotti che acquistano. Non è normale “.

La direzione generale della concorrenza, del consumo e della repressione delle frodi è stata messa in discussione da Le Parisien al proposito di chiarire questa mancanza di risposta. Il direttore Loïc Tanguy ha assicurato che questo studio, già risalente a due anni fa, non è rappresentativo della posta in gioco poiché non cita tutte le marche di pannolini per neonati. Anche il Ministero della Salute ha reagito in questa direzione: “Non vogliamo dare false rassicurazioni”. spiega al giornale. Ecco perché è stato lanciato un nuovo studio che dovrebbe essere pubblicato entro la fine di quest’anno 2019.

Ti potrebbe interessare anche >>>

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI