Home Salute e Benessere Dieta e Alimentazione Teff: proprietà, benefici, controindicazioni e come mangiarlo

Teff: proprietà, benefici, controindicazioni e come mangiarlo

CONDIVIDI

Il teff è uno pseudo cereale ancora poco conosciuto ma la cui diffusione è in costante aumento. Scopriamone insieme le proprietà, le eventuali controindicazioni e tutte le curiosità che lo riguardano.

teff, proprietà
Fonte: Istock

Il teff è uno pseudo cereale, da molti considerato più che altro un seme antico. Con chicchi minuscoli che non arrivano ad 1 mm di diametro ha una colorazione che può andare dall’avorio al marrone ed un sapore che si trova a metà tra quello dell’amaranto e della quinoa. Ricco di vitamine e minerali è considerato un alimento con effetto probiotico. Come ogni cibo può avere delle controindicazioni. Scopriamo, quindi, tutto quel che c’è da sapere sul teff, iniziando dai valori nutrizionali e continuando con i benefici e i modi di usarlo in cucina.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Amaranto: proprietà, benefici, controindicazioni e come mangiarlo

Se vuoi restare aggiornata sulle proprietà degli alimenti e su tutto ciò che riguarda diete e alimentazione CLICCA QUI!

Tutto sul teff: proprietà, controindicazioni, curiosità e ricette

Teff
Fonte: Istock

Il teff appartiene alla famiglia delle Graminacee. Il suo nome significa “perduto” e si riferisce al fatto che i suoi granelli sono così piccoli da poter sfuggire di mano proprio come la sabbia fa tra le dita. Di qualità bianca e rossa che mantengono gli stessi valori nutrizionali, il teff è ricco di carboidrati, proteine, vitamine e minerali. Particolarmente indicato per i celiaci, è perfetto anche per chi desidera variare e mangiare carboidrati provenienti da fonti più sane rispetto a quelle note che sono anche più raffinate e quindi meno ricche di nutrienti. Pur non avendo una dose giornaliera consigliata, in genere una porzione di 50 grammi è da intendersi come più che sufficiente per usufruire dei suoi benefici ed ottenere un pasto in grado di saziare.

Calorie e valori nutrizionali
Il teff ha circa 367 calorie per 100 grammi. Oltre a contenere un discreto apporto di fibre è ricco di calcio (180 mg), fosforo (430 mg), magnesio (184 mg), potassio (427 mg), e poi sodio, manganese, ferro, etc… Contiene anche le vitamine del gruppo B, e piccole quantità di beta carotene, triptofano, leucina e betaina.

Proprietà e benefici

Il teff apporta diversi benefici all’organismo. Tra questi, i più noti sono:

  • È privo di glutine e quindi adatto a chi soffre di celiachia
  • Ha proprietà antiossidanti e aiuta a combattere i radicali liberi
  • È altamente digeribile
  • Sazia molto ed è quindi utile per chi è a dieta
  • Dona molta energia, rivelandosi utile per gli sportivi
  • Ha un basso indice glicemico
  • Aiuta a mantenere bassi i livelli di zucchero nel sangue
  • Aiuta a mantenere in salute le ossa
  • È ricco di ferro e pertanto garantisce una buona ossigenazione del sangue
  • È utile per chi soffre di anemia
  • Svolge un’azione probiotica per la flora batterica
  • Allevia le infiammazioni del colon
  • È utile contro la stitichezza

Controindicazioni
Il teff non ha particolari controindicazioni a meno di non essere allergici o intolleranti al prodotto. Avendo effetti lassativi è sconsigliato abusarne se si soffre di infiammazioni o altri problemi all’intestino. In ogni caso, il consiglio è come sempre quello di chiedere un parere al proprio medico curante.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Pomelo: proprietà, benefici, controindicazioni e come mangiarlo

Fonte: Istock

Come mangiare il teff e curiosità

Il teff è un alimento che si presta a svariati consumi. Lo si può mangiare come la quinoa e l’amaranto, addirittura mescolato agli altri due per un piatto ricco di sapore e sostanze nutrienti. Si può abbinare a riso e legumi ed usare nelle zuppe o affiancato a secondi di vario tipo. La sua farina è utile per addensare le zuppe o per preparare dolci ai quali è sempre consigliabile aggiungere anche altre farine come, ad esempio, quella di riso.

Andando alle curiosità che lo riguardano:

  • Il suo nome scientifico è Eragrostis teff
  • Le sue origini sono africane
  • Un alimento molto famoso che lo contiene è la injera, una sorta di focaccia spugnosa realizzata con farina di teff fermentata

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

GUARDA ANCHE:
Banane: proprietà, benefici, controindicazioni e come mangiarle
Cioccolato fondente: proprietà, benefici, controindicazioni e come mangiarlo
Pistacchi: proprietà, benefici, controindicazioni e come mangiarli