Home Gossip

Lady D.: testimonianza choc del pompiere che l’ha soccorsa nei suoi ultimi momenti

CONDIVIDI

Il pompiere che ha visto Lady Diana nei suoi ultimi momenti, non più vincolato dal segreto professionale, rompe il silenzio e rilascia un’intervista choc.

Nel 20° anniversario di morte di Lady Diana, Xavier Gourmelon, il pompiere che le ha prestato soccorso nei suoi ultimi istanti, ha rotto il silenzio.

L’ eroico pompiere che ha potuto ascoltare le ultime parole della principessa Diana ha rivelato alcuni mesi fa la sua opinione in merito a quell’orribile incidente d’auto avvenuto a Parigi 31 agosto 1997, affermando di essere convinto di averle salvato la vita eseguendo diversi tentativi di rianimazione cardiopolmonare. Ecco la sua testimonianza choc.

Se vuoi essere informato su tutte le novità su Curiosità & Benessere  CLICCA QUI

Testimonianza choc del pompiere che ha soccorso Lady D.

Xavier Gourmelon, 50 anni, ha detto che la principessa era cosciente e aveva gli occhi aperti mentre cercava di farla uscire dalla Mercedes Benz in frantumi, anche se ha avuto momenti di arresto cardiaco prima che riuscisse a raggiungere la barella.

Tuttavia, è riuscito a rianimarla ogni volta, facendole battere nuovamente il cuore. Fu inorridito quando apprese che Lady D., allora 36 anni, era morta alle 4 del mattino in ospedale, nonostante gli enormi sforzi dei chirurghi per salvarle la vita.

Xavier, pompiere da 22 anni di origine inglese, ha parlato in pubblico dell’incidente solo una volta, 20 anni dopo quella terribile giornata nell’agosto del 1997, dal momento che non lavora più per i vigili del fuoco.

Xavier Gourmelon nella sua prima intervista giornalistica ha affermato che all’inizio non aveva idea che stesse soccorrendo la principessa Diana all’interno del tunnel del Pont de l’Alma, vicino alla caserma dei pompieri di Malar, dove lavorava come ufficiale di guardia. “Eravamo molto vicini al luogo e ci sono voluti meno di tre minuti per raggiungere l’incidente. Il mio team di dieci uomini è stato diviso in due camion, e siamo stati i primi ad arrivare.”

Le condizioni della Principessa Diana al suo arrivo sul posto

“La macchina era completamente distrutta noi abbiamo agito come per qualsiasi altro incidente stradale. Quando siamo arrivati ​​sul posto per vedere chi aveva bisogno di aiuto e chi era ancora vivo  Diana mi ha detto:” Mio Dio, cosa è successo? “La donna, che in seguito scoprii essere la principessa del Galles, era sul pavimento dei sedili posteriori, si muoveva molto lentamente, ma potevo vedere che era viva e vidi anche che aveva una piccola ferita alla spalla destra ma, a parte questo, non c’era nulla di significativo, non sanguinava affatto “, ha detto.

“Le ho preso la mano e le ho detto di stare calma e che l’avrei portata via, che ero lì per aiutarla e rassicurarla. Le ho dato dell’ossigeno e la mia squadra e io siamo rimasti al suo fianco mentre cercavo di farla uscire dalla macchina. Tutto è stato molto veloce perché non abbiamo nemmeno dovuto tagliare nulla “, ha detto.

Tuttavia, pochi istanti dopo, la principessa ferita smise di respirare. Xavier, responsabile dei servizi di emergenza all’aeroporto di Brest, ha dichiarato: “Siamo tutti addestrati a offrire il primo soccorso, e ho visto che ha avuto un arresto cardiaco e ha smesso di respirare”.

“Le ho fatto un massaggio cardiaco, e pochi secondi dopo, lei ha ricominciato a respirare: è stato un sollievo, ovviamente, perché, come prima risposta, vuoi salvare delle vite, ed è quello che pensavo di aver fatto per essere onesti. Per quanto ne sapevo, quando era nell’ambulanza, era viva, quindi mi aspettavo che sopravvivesse, ma in seguito ho scoperto che era morta in ospedale. Ora so che aveva riportato gravi lesioni interne, il ricordo di quella notte rimarrà con me per sempre “, ha aggiunto.

Quando ha scoperto che si trattava della Principessa Diana

L’uomo scoprì di aver salvato la Principessa solo dopo che le operazioni di soccorso erano terminate: “non avevo idea che fosse la principessa Diana, è stato solo quando l’hanno messa sull’ambulanza che uno dei medici mi ha detto che era lei. Ero totalmente scioccato, mi sono avvicinato all’ambulanza e, quando ho guardato, ho potuto riconoscerla “.

Diana, morì nell’incidente insieme al suo amante Dodi Fayed e all’autista del veicolo, Henri Paul. La guardia del corpo Trevor Rees-Jones è sopravvissuto, e ora ha 49 anni. Da parte sua, Xavier ha continuato dicendo: “Posso ancora immaginarlo nella mia testa, questa è la prima volta che parlo con i media: in qualità di vigile del fuoco, mi è stato vietato parlarne, ma ora che non lo sono più, mi hanno detto che potevo ”

Cose ne pensa della causa dell’incidente

Per me, questo è stato solo un comune incidente d’auto, uno dei tanti con cui hanno a che fare i servizi di emergenza e per le solite cause: la velocità e un autista ubriaco. Quando sono arrivato in macchina ho potuto vedere che l’autista era già morto e che nulla poteva essere fatto per lui. Il signor Fayed era nel retro della macchina e in cattive condizioni, ha subito un arresto cardiaco in auto e, quando è stato portato fuori, è stato dichiarato morto da un paramedico. La guardia del corpo era cosciente, ma era intrappolato con ferite facciali molto gravi, chiedeva continuamente della principessa, ma gli dissi di non preoccuparsi perché ci stavamo prendendo cura di tutti “, ha concluso.

Fonte: Instagram.com/Twitter.com

Ti potrebbe interessare anche—->>>La principessa Diana e la conversazione agghiacciante che ha avuto con uno spiritualista dopo la morte

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

 

 

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore