Home Gossip Pamela Perricciolo: “ecco come è nato Mark Caltagirone”

Pamela Perricciolo: “ecco come è nato Mark Caltagirone”

CONDIVIDI

Pamela Perricciolo, in una lunga intervista rilasciata a Fanpage, racconta come è nato Mark Caltagirone spiegando che Pamela Prati sapeva tutto.

Pamela Perricciolo
Fonte: facebook

Ai microfoni di Fanpage, Pamela Perricciolo racconta la propria verità replicando alle dichiarazioni finora rilasciate da Eliana Michelazzo a Non è la D’Urso e da Pamela Prati a Verissimo. Dopo essere stata a lungo in silenzio, Pamela Perricciolo racconta a Fanpage come è nata l’operazione Mark Caltagirone che, per settimane, ha occupato i salotti delle varie trasmissioni televisive e dei principali giornai italiani.

Se vuoi restare sempre aggiornato su tutto ciò che riguarda il gossip, le notizie e i video del gf e altri reality clicca qui!

Pamela Perricciolo racconta la propria verità: “ecco come è nato Mark Caltagirone. Pamela Prati sapeva”

Pamela Perricciolo
Fonte: facebook

Pamela Perricciolo, in attesa di parlare anche ai microfoni di Live Non è la D’Urso nella puntata in onda il 5 giugno, a Fanpage, svela i dettagli di quanto accaduto tra lei, Pamela Prati ed Eliana Michelazzo.

Avevo detto a Pamela Prati che c’era un uomo che ha frequentato il mio ristorante e che mi chiedeva spesso di lei. Mi diceva di chiamarsi Marco e di non vivere in Italia. Verso fine marzo, Pamela mi dice di avere cominciato a scambiarsi messaggi con questo uomo“ – spiega Pamela Perricciolo che poi aggiunge: “A oggi nemmeno io posso dire se si chiamasse Caltagirone, ma proprio da quel momento Pamela ha cominciato a raccontare di avere conosciuto questo imprenditore che lavorava all’estero. Da qui la situazione ci è sfuggita di mano”.

Potrebbe interessarti anche—>Pamela Prati: emerge un file audio in cui parla di Mark

Pamela Perricciolo, poi, a Fanpage ha ribadito che Mark Caltagirone non esiste: “Il matrimonio non c’è stato perché questo uomo non c’era“. Infine, ha aggiunto: “Abbiamo fatto questa grandissima cavolata in tre. In agenzia disponiamo di tanti profili falsi, impossibile dire chi di noi li abbia utilizzati. Creai questi profili molti anni fa insieme ad alcuni amici. Ci sono serviti negli anni per avvicinare persone, crearci una rete intorno e anche per gioco”.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI