Home Coppia Partner depresso, come comportarsi? Gestire la depressione nel rapporto di coppia

Partner depresso, come comportarsi? Gestire la depressione nel rapporto di coppia

CONDIVIDI

Se in una relazione ci si trova a confronto con un partner depresso, tutto il rapporto ne risente: ecco come gestire la depressione nella coppia.

partner depresso
Fonte iStock Photo

Quando in una relazione di coppia si affaccia il problema della depressione, è normale che le attenzioni siano quasi interamente rivolte verso il partner depresso. Tuttavia, nonostante la necessità di aiutare l’altro, non bisogna comunque ignorare del tutto le proprie necessità e anche il partner depresso dovrebbe continuare a preoccuparsi anche dei bisogni dell’altro.

Ad ogni modo, seppure si tratta di una situazione piuttosto difficile, aiutare il partner ad uscire dalla depressione è possibile: la prima cosa da fare, naturalmente, è individuare i segnali del problema imparando a riconoscere i sintomi di un partner depresso.

Molte persone, infatti, tendono a confondere la depressione con il semplice sentirsi tristi, inquieti o giù di morale: la depressione è un problema molto più grave, che quando si manifesta può presentare una serie di possibili sintomi.
Se riconosci la depressione nel tuo partner, potrai essergli di supporto seguendo alcuni consigli e indicazioni ben precise.

Partner depresso: sintomi e consigli utili per aiutarlo

depressione
Fonte iStock Photo

Una persona depressa mostra alcuni segnali ed avvisaglie che è fondamentale saper cogliere. Tra questi possiamo ricordare:

– sensazione di tristezza, ansia o vuoto costante,
– spiccato senso di pessimismo e disperazione,
senso di colpa, di inutilità o di impotenza,
– perdita di interesse, stanchezza e affaticamento,
– cambiamenti nel sonno e nell’alimentazione,
– sintomi fisici inspiegabili, irrequietezza e irritabilità.

Se vuoi essere sempre aggiornata su tutte le novità e i consigli utili in tema di amore e vita di coppia CLICCA QUI!

A seconda della gravità, della frequenza e della durata dei sintomi si distinguono varie tipologie di depressione. La diagnosi, ovviamente, va effettuata da uno specialista: in questa sede ci limitiamo solo a descriverle.

1. Depressione minore: sintomi poco gravi e di breve durata,
2. Distimia o disturbo distimico: sintomi poco gravi, ma persistenti da almeno due anni,
3. Depressione maggiore: sintomi gravi che interferiscono con la quotidianeità della persona,
4. Depressione post-partum: se la tristezza dopo il parto persiste per più di qualche settimana è consigliabile indagare più a fondo.

Come gestire la depressione in una coppia?

incomprensioni di coppia

La prima cosa da fare è capire che, anche se non sei tu a soffrire di depressione, il problema riguarda anche te e hai tutto il diritto di parlarne con qualcuno.
Ovviamente, vista la delicatezza della situazione, è bene scegliere con attenzione qualcuno con cui confidarti e che possa sostenerti: in ogni caso, parla con qualcuno soltanto se il tuo partner ti ha dato il consenso a farlo.

Cerca anche di informarti più possibile sull’argomento, probabilmente la famiglia e gli amici più stretti avranno delle domande da farti sull’argomento e spetta a te rassicurarle e informarle. Inoltre, le persone care probabilmente ti chiederanno come possono essere utili nella situazione: approfitta per chiedere loro apertamente il sostegno emotivo che ti serve.

Il terzo step da affrontare in caso di partner depresso è chiedere l’aiuto del medico curante o del terapeuta: non c’è nessuno di più qualificato per aiutarti a capire meglio la diagnosi di depressione e per rispondere a tutti i tuoi dubbi e le tue domande. Se il tuo partner è poco propenso a parlarne, considera l’idea di organizzare un appuntamento con un professionista di cui si fida.

A questo punto, è importante aiutare il tuo partner a sviluppare delle abitudini sane che lo aiutino a sentirsi meglio: puoi proporgli delle attività a contatto con la natura come un pic-nic o delle escursioni.
Inoltre, assicurati che segua delle sane abitudini alimentari (magari coinvolgendolo nell’ideazione di ricette gustose e salutari) e incoraggialo a fare sport, anche insieme a te se può essere utile.

Infine, non dimenticare gli aspetti sociali: continua a mantenere i rapporti con amici e parenti, soprattutto per avere tu stessa un momento di evasione.
Partecipate a nuove attività da svolgere in gruppo, riunite regolarmente la famiglia e gli amici, fate volontariato e frequentate luoghi pubblici.

Naturalmente, una diagnosi di depressione va sempre affrontata con l’aiuto di uno specialista che potrà prescrivere la terapia relazione ed eventualmente farmacologica più adeguata alla situazione: assicurati che il tuo compagno la segua con precisione.

Potrebbe interessarti anche >>> Depressione: è possibile sconfiggerla con la dieta mediterranea

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI