Home Maternità Salute L’abbraccio contenitivo per calmare i bambini: il metodo Holding

L’abbraccio contenitivo per calmare i bambini: il metodo Holding

CONDIVIDI
L’abbraccio contenitivo del metodo Holding (Istock Photos)

L’abbraccio contenitivo per calmare i bambini: il metodo Holding. Cos’è, come attuarlo con il proprio bambino e come agisce sulla rabbia dei piccoli

E’ capitato a tutti i genitori di trovarsi di fronte il proprio bambino che ha una crisi di pianto incontrollato, uno slancio di ira o di rabbia ed è capitato che noi, genitori, a volte non sappiamo bene quale sia la cosa giusta da fare in quel momento per poterlo calmare. Mille domande ci frullano in testa, mille modi di agire diversi, forse dovremmo lasciarlo perdere? oppure, forse dovremmo parlargli per farci spiegare cosa l’affligge in quel momento? Non so, sambra a volte che tutto ciò che facciamo, da genitori, sia sbagliato. Ma, probabilmente l’unica cosa davvero esatta da fare in casi come questo è abbracciarlo, nostro figlio. L’abbraccio contenitivo è un metodo ancora poco conosciuto e attuato in Italia che, però, se utilizzato costantemente, da i suoi frutti nell’immediato, con conseguenze davvero eccellenti per la gestione della rabbia del nostro piccolo bimbo. Oggi, infatti, vogliamo parlarvi proprio del metodo Holding, che spiega appunto, cos’è l’abbraccio contenitivo, come metterlo in pratica e quali reazioni scatena in nostro figlio. Non abbiate timore se all’inizio il bimbo non “apprezzerà” l’abbraccio, ci vuole solo un po’ di pazienza, perché la rabbia è un sentimento forte e, come tale, ha i suoi tempi per andare via.

Potrebbe interessarti anche: Aggressività nei bambini piccoli: fattori di influenza e comportamenti

Potrebbe interessarti anche: Metodo Montessori per gestire la rabbia e i capricci dei bimbi

L’abbraccio contenitivo: il metodo Holding

mamma e figlio
Abbraccio contenitivo: il metodo holding, come attuarlo (istock Photos)

L’abbraccio contenitivo del metodo Holding è un abbraccio che si applica in un momento di forte agitazione psicomotoria del bambini. L’esempio classico è la crisi di rabbia incontrollata, con pianti e urla. E’ un abbraccio forzato, inizialmente non corrisposto: l’adulto infatti abbraccia con fermezza il bambino, contenendone le emozioni e lasciando che, attraverso la forza di quell’abbraccio, il piccolo possa ritrovare l’equilibrio. Dobbiamo alla psichiatra infantile Martha Welch, lo sviluppo del cosiddetto metodo Holding. Secondo la psichiatra infantile Welch, con il suo sistema è possibile gestire conflitti di ogni genere, capricci, rivalità tra fratelli, scatti di ira, rabbia incontrollata ecc. crescendo bambini felici e amorevoli.

Ma qual è lo scopo dell’abbraccio contenitivo?  Lo scopo ultimo è sviluppare un legame di fiducia e sicurezza tra bambini e adulti, quest’ultimi sono coloro che, ovviamente, devono stabilire limiti e restrizioni per i più piccoli ma lo fanno ponendosi anche come una vera e propria “barriera” (in senso positivo) fisica. Ecco perché nel metodo Holding il cosiddetto abbraccio contenitivo è di fondamentale importanza. Questo metodo inizialmente era applicato a bambini affetti da disturbi dello spettro autistico o disturbi pervasivi dello sviluppo; negli anni ‘70 la Welch ne ha proposto la sperimentazione con i bambini normodotati. Alla base di questa idea vi è la constatazione che, come i neonati che hanno il bisogno di sentirsi protetti dall’abbraccio della mamma, così anche i bambini un po’ più grandicelli necessitano dello stesso abbraccio per sentirsi confortati dalla madre, traendo beneficio da questo contatto fisico.

Potrebbe interessarti anche: I diversi stili di attaccamento nel bambino: sicuro e insicuro

Come utilizzare l’abbraccio contenitivo del metodo Holding

Abbraccio contenitivo del metodo holding (istock Photos)

Alla base vi è sempre un momento di crisi, da parte del bambino, di fronte alla quale il genitore, così come l’educatore, non sanno come reagire o meglio, reagiscono in maniera del tutto personale: con tentativi di conciliazione sbagliati, rabbia, frustrazione, ricatti e premi. I risultati sono sempre palliativi e non risolvono veramente la situazione, perché il bimbo, prima o poi, ricadrà nuovamente, in un altro scatto di ira incontrollato o di capricci.

Potrebbe interessarti anche: Tutti i benefici dell’abbraccio sia fisici che psicologici

Ecco perché in questi casi, quando il piccolo piange, si dimena, urla o ha altre espressioni emotive incontrollate, il metodo Holding propone di intervenire con un abbraccio contenitivo che serve appunto a placare la crisi emotiva e a gestire la rabbia.

Inizialmente il bambino non accetterà il contenimento ma l’adulto deve insistere continuando ad abbracciare con dolcezza e fermezza fino a che piano piano il bambino non riacquisti calma ed equilibrio. La tensione iniziale, quindi, si scioglie e il bambino ricambierà finalmente l’abbraccio grazie al fatto di essere riusciti a placare la sua frustrazione o rabbia.

Fondamentale affinché l’abbraccio contenitivo porti dei benefici al bimbo è che gli adulti mantengano la serenità e la pazienza per qualche minuto (e questo è probabilmente l’aspetto più difficile della tecnica), il tempo necessario affinché questo tipo di abbraccio faccia effetto. All’inizio dell’abbraccio, è quasi certo che il bambino si dimenerà, scalcerà o proverà a mordere e picchiare per liberarsi dal vincolo, la bravura di colui che “contiene” è proprio la perseveranza e la determinazione. L’adulto deve fare in modo di passare il messaggio al piccolo che le sue emozioni sono accolte per quello che sono, che comunque non verrà mai rifiutato per i suoi comportamenti ma che anzi si sta mettendo in atto qualcosa in grado di confortarlo anche se con fermezza.

Se vuoi restare aggiornata su tutto ciò che riguarda la maternità, il post partum e la crescita del tuo bambino CLICCA QUI!

Adottando questo metodo, il bambino si sentirà compreso ed accettato, calmando le sue paure e instaurando uno speciale legame affettivo.

È possibile però, essendo ogni bambino differente dall’altro, che ci siano dei piccoli che anziché calmarsi, si agitino ulteriormente, arrivando addirittura ad avere una vera e propria crisi di panico. In questo caso sarà meglio scegliere un altro approccio. A tal proposito, c’è da sottolineare che il metodo Holding è assolutamente sicuro, da un punto di vista fisico. L’abbraccio deve essere fermo ma non rappresenta una forma di violenza per il bambino. Quindi non preoccupatevi se pensate che questo sistema possa essere in qualche modo una forzatura per i vostri figli, si tratta solo di un semplice abbraccio che non crea alcun tipo di danno ma anzi esprime tutto l’amore e le buone intenzioni di chi si prende cura dei propri bambini.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI