Home Maternità

Primo mese di gravidanza: sintomi, crescita dell’embrione, esami

CONDIVIDI
primo mese gravidanza
Primo mese di gravidanza, esami da fare (Istock Photos)

Primo mese di gravidanza: tutto quello che devi sapere sull’inizio della gestazione. Sintomi, crescita dell’embrione, esami da sostenere

Il primo mese di gravidanza è, per tutte le future mamme, il mese in assoluto più emozionante. L’inizio di una nuova vita, l’emozione per la scoperta, uno sconvolgimento totale delle proprie abitudini. Tutto appare nuovo, entusiasmante e meraviglioso: il miracolo della vita sta accadendo dentro di te, ora, in questo momento. Dopo la scoperta iniziale che presto diventerai mamma, iniziano le prime domande – quelle che ti rendono un po’ ansiosa – quali sono i primi esami da fare? Come crescerà l’embrione in questo mese? Insomma, tutte quelle cose che devi sapere per davvero e, che fino a qualche giorno fa, ti sembravano lontane, ora sono lì che ti aspettano. Niente paura, niente panico, la gravidanza è un cammino lungo ma che passa in fretta, nove mesi volano via e arriverà il giorno in cui sarai pronta per abbracciare il tuo piccolo pargoletto fra le braccia. Per arrivare a quel giorno, però, dovrai affrontare con serenità, una serie di esami per il tuo benessere e quello di tuo figlio, dovrai modificare nettamente la tua dieta e capire cosa potrai mangiare e cosa è meglio evitare. E, cosa importante, i sintomi che in questo primo mese faranno la loro comparsa. Anche se ogni gravidanza viene vissuta in modo diverso da donna a donna, e di conseguenza, i sintomi varieranno. Quindi non meravigliarti se alcuni di questi disturbi non saranno presenti in te e, anzi, ritieniti fortunata! Non tutte le donne in stato interessante presentono gli stessi sintomi.

Iniziamo quindi a capire quali sono questi sintomi legati al primo mese di gestazione, ricordando che ancora si è all’inizio ed è molto probabile che molte di voi, non risentiranno ancora di tali disturbi o, comunque solo in parte.

Potrebbe interessarti anche: Primo trimestre di gravidanza: cosa devi sapere, quali esami fare

Sintomi primo mese di gravidanza

gravidanza, primo mese
Primo mese di gravidanza, i sintomi (iStock Photos)

Spesso, i sintomi delle prime settimane di gravidanza sono evidenti e/o si avvertono fin dai primi giorni dopo il concepimento. In alcune occasioni, però, questi “segnali” possono tardare a presentarsi o non manifestarsi affatto.
Si tratta di semplici fastidi, come pancia gonfia, mal di schiena o cefalea; altre volte, compaiono disturbi più sgradevoli, inclusi nausea e vomito, crampi addominali, febbre e spossatezza. La manifestazione più evidente e nota è il ritardo delle mestruazioni (amenorrea) a partire dal primo ciclo successivo al rapporto coitale fecondante. Questa non è, tuttavia, l’unica conseguenza dei cambiamenti associati all’inizio della gestazione.

  • Amenorrea: assenza delle mestruazioni nei giorni attesi.
  • Spotting da impianto: cioè le false mestruazioni, sono delle perdite ematiche di scarsa entità che si possono manifestare all’inizio della gravidanza, circa una decina di giorni dopo il concepimento. Rispetto alle mestruazioni vere e proprie, queste perdite ematiche sono generalmente di colore più scuro e presentano una durata più limitata. Nel caso il sanguinamento diventasse abbondante o insolito per altri motivi, è bene rivolgersi al proprio ginecologo per capirne le cause e decidere, eventualmente, come intervenire.
  • Aumento del volume del seno: Alcune donne risentono maggiormente di questo fastidio, altre meno ma entrambe si vedranno con il seno più bello del mondo. Uno degli effetti collaterali della gravidanza è proprio il seno che diventa irresistibile. In questo primo mese di gravidanza anche i capezzoli iniziano a cambiare colore diventando leggermente più scuri e turgidi.
  • Stanchezza e sonnolenza: uno dei principali sintomi che colpisce quasi la totalità delle donne in attesa nel primo mese di gravidanza è la sensazione costante di stanchezza e sonnolenza. Questa stanchezza è dovuta ai livelli ormonali in crescita. Infatti tale stato è riscontrato proprio con l’inizio di  questo primo mese e continuerà per altri due mesi, quando ancora le Beta HCG (gli ormoni della gravidanza) sono elevate. Con il progredire della gravidanza la sensazione di stanchezza passerà del tutto per poi, ritornare nell’ultimo trimestre, a causa del pancione che “vi peserà” particolarmente.
  • Mal di testa: questo è tra i sintomi meno associati alla gravidanza poiché capita spesso di accusare mal di testa nel corso della vita senza essere causa di una possibile gravidanza in corso. In questo caso parliamo di mal di testa come sintomo di gravidanza per quelle donne che accusano un mal di testa diverso dal solito, più severo e costante. Questo improvviso mal di testa è dovuto all’innalzamento degli ormoni nelle prime settimane di gravidanza ma è comunque consigliabile consultare un medico per una diagnosi accertata ed eventualmente i farmaci da adottare.

Potrebbe interessarti anche: Alimentazione in gravidanza: cosa mangiare e cosa evitare

  • Stimolo ad urinare frequentemente: Aumento transitorio o permanente del numero di minzioni durante le 24 ore, accompagnato dalla riduzione del volume vuotato per ogni atto minzionale.
  • Nausee gravidiche e problemi digestivi: non tutte le donne in stato interessante sono “affette” dalle classiche nausee mattutine. Ma per chi ne soffre, specie per le giovani mamme alla prima gravidanza – più soggette alla nausee – è consigliabile, per attenuare il fastidio, masticare lo zenzero, anche in comode caramelle, da comprare in farmacia. Le proprietà di questa radice sono ottimali per lo stomaco e per il senso di nausea dovuta agli sbalzi ormonali. Ricordati di portare con te sempre qualcosa di solido in borsa, come un pacchetto di taralli o un biscotto, insomma qualcosa di secco per attenuare il senso di nausea. Non associare mai, se possibile, cibi liquidi con solidi ed evita di mangiare speziato! Purtroppo le nausee gravidiche sono tra tutti i sintomi, forse, quelle più fastidiosi ma, non temete, durano per questo primo trimestre per poi scomparire nel secondo trimestre di gravidanza. Quindi, care future mamme, un po’ di pazienza.
  • Sbalzi d’umore: ti senti come su una giostra impazzita? Normale, gli sbalzi d’umore durante la gravidanza e, in particolar modo nel primo mese, è fisiologico. Tutto dipende dagli ormoni che in questo primo periodo raggiungono livelli elevati.
  • Indolenzimento addominale: è molto frequente nelle donne in stato interessante che, con l’avanzare della gravidanza, risentano di un indolenzimento addominale. Ciò è dovuto alla crescita dell’utero e dal conseguimento stiramento dei muscoli.

Se vuoi restare aggiornata su tutto ciò che riguarda la maternità, il post partum, la gravidanza e la crescita del tuo bambino CLICCA QUI!

Nel frattempo, il metabolismo rallenta ed è più facile per la gestante soffrire di:

  • Acidità di stomaco;
  • Difficoltà di digestione.
  • Alterazione del gusto e dell’olfatto

Come si sviluppa l’embrione nel primo mese di gestazione

 gravidanza
Primo mese di gravidanza (iStock Photos)

Per la biologia la vita inizia nel momento in cui lo spermatozoo entra nell’ovulo e lo feconda, dando l’avvio alla serie di trasformazioni che portano l’embrione a crescere e a svilupparsi in un feto. Subito dopo il concepimento dell’ovulo la cellula fecondata si divide in due parti, due diverse cellule che si dividono a loro volta in due nuove cellule: questo agglomerato di cellule viene detto “morula” e continua a dividersi durante il percorso dell’ovulo attraverso la tuba di Falloppio in direzione dell’utero, dove, circa 7 giorni dopo il concepimento, avverrà l’impianto.

Potrebbe interessarti anche: La Febbre nel neonato: come intervenire e quali precauzioni prendere

A questo punto la donna si trova in quella che viene indicata come la quarta settimana di gravidanza: sono trascorsi circa 28 giorni dall’ultima mestruazione e si attende il flusso successivo, che, tuttavia, non arriverà poiché si è in stato interessante, anche se probabilmente non tutte le donne ancora ne sono a conoscenza. L’embrione intanto è lungo circa 2 millimetri e sta già sviluppando il sistema nervoso, oltre al cuore (che sta già battendo) e al cordone ombelicale che avrà la funzione di collegare il feto alla placenta.

Potrebbe interessarti anche: Gravidanza: prima settimana d’attesa, quali sono i sintomi comuni

Potrebbe interessarti anche: Gravidanza: seconda settimana d’attesa, sintomi e crescita dell’embrione

Esami da fare nel primo mese di gravidanza

primo mese di gravidanza controlli ed esami da fare
Primo mese di gravidanza, esami da fare (Istock Photos)

Con l’inizio della gravidanza gli esami da sostenere sono molti. Verrai seguita dal tuo ginecologo di fiducia il quale ti prescriverà tutta una serie di test ed esami da svolgere mese per mese. Sicuramente i primi esami che dovrai sostenere saranno:

  • Esami del sangue: il primo esame del sangue serve a monitorare i valori degli ormoni beta Hcg. In generale, gli esami del sangue servono prevalentemente per tenere sotto controllo la salute della donna, diagnosticare eventuali malattie infettive o complicanze che possono mettere a rischio la gravidanza.
  • Esame delle urine: vengono fatti regolarmente ogni trimestre al fine di valutare eventuali malattie che possono mettere a rischio la gravidanza, come il diabete gestazionale o la preeclampsia. Ricordate che va analizzata l’urina del primo mattino e il campione va portato in laboratorio al massimo entro un paio d’ore.
  • Gruppo sanguigno di entrambi i partner (se non eseguito in fase pre concezionale)
  • Esami infettivologici: HIV, rosolia, sifilide, toxoplasmosi epatite B e C
  • Glicemia.
  • Transaminasi
  • Il Test di Coombs indiretto: in caso di donne con gruppo sanguigno Rh negativo a rischio di immunizzazione il test deve essere ripetuto ogni mese.
  • L’ecografia del primo trimestre: questa ecografia va fatta dalla 6-7° alla 13° settimana, (in totale sono tre, una per ogni trimestre), e serve per confermare la presenza della gravidanza in utero, la corretta datazione, la presenza del battito cardiaco, l’eventuale tipologia di gemellarità (monocoriale o bicoriale) e per identificare anomalie evidenti nelle strutture fetali.
  • Prima visita ostetrica: che non sarà la prima visita ginecologica.

Potrebbe interessarti anche: Aborto spontaneo in gravidanza: fattori, cause e prevenzione

Consigli utili nel primo mese d’attesa 

consigli nel primo mese di gravidanza
Primo mese di gravidanza, consigli (istock Photos)

In questo primo mese di gravidanza e comunque per l’intero percorso della tua gravidanza, cerca di riposare il più possibile. Goditi le giornate di sole, magari facendo una passeggiata all’aria aperta. Leggi un buon libro e inizia ad ascoltare della buona musica, possibilmente rilassante. Ti aiuterà a rilassarti e a rilassare il bebè. Soprattutto, segui una corretta alimentazione, privilegiando verdura e frutta senza dimenticare i cereali. Indispensabile almeno 1,5 lt di acqua al giorno. Fai attenzione alle tisane, non tutte sono adatte in gravidanza.

Ma più di ogni altra cosa, ricorda di essere sempre positiva, anche nei momenti di sconforto – tipici in gravidanza per causa degli ormoni “impazziti” – facendo quello che ti rende più felice, sempre nel rispetto del tuo dolce stato.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore