Home Uomini

Paolo Sorrentino chi è: età, altezza, carriera, vita privata e Instagram

CONDIVIDI

Chi è Paolo Sorrentino? Una biografia completa del regista premio Oscar per scoprire i dettagli della sua carriera e della sua vita privata.

  • Data di nascita: 31 maggio 1970
  • Età: 48 anni
  • Segno zodiacale: Gemelli
  • Professione: Attore, Regista, Sceneggiatore
  • Titolo di studio: Maturità classica
  • Luogo di nascita: Napoli
  • Altezza: 178 cm
  • Peso: 74 kg

Paolo Sorrentino film

Foto da Instagram @paolosorrentino_real

L’esordio nel mondo del cinema di Paolo Sorrentino è con i lungometraggi.

Il primo è L’uomo in più pellicola che ha come protagonista Toni Servillo, vincitore nell’occasione della Grolla d’oro.

Segue Le conseguenze dell’amore, film acclamato dalla critica e superpremiato.

Porta poi diversi film al Festival di Cannes e raggiunge la popolarità in Europa. ricordiamo tra tutti Il divo, incentrato sulla figura di Andreotti e oggetto di grande clamore.

Tra i suoi titoli più famosi c’è poi This Must Be The Place con Sean Penn.

Tre anni dopo nel 2014 Paolo Sorrentino vince il premio Oscar per miglior film straniero con La grande bellezza al quale segue Youth e la fortunata serie televisiva The Young Pope.

Infine, nel 2018, Sorrentino torna a interessarsi del panorama politico italiano con Loro, film indie parti dedicato alla complessa e controversa figura di Silvio Berlusconi.

Ad oggi la produzione di Palo Sorrentino come regista conta otto pellicole per il cinema, tre per la televisione, nove cortometraggi e  sette spot pubblicitari.

Paolo Sorrentino Loro

Foto da facebook @universalpicturesinternationalitaly

Il 24 aprile 2018 esce l’ultima opera di Paolo Sorrentino, Loro, un racconto ispirato alla figura di Silvio Berlusconi, qui interpretato dall’immancabile Toni Servillo.

La pellicola verrà divisa in due parti: Loro 1 e Loro 2.

Le vicende professionali, politiche e private di Silvio Berlusconi e delle tante figure che ruotavano attorno a lui negli anni del decadimento, vengono raccontate in due film che hanno avuto un costo di 18milioni di euro incassando poi complessivamente 6,5 milioni di euro.

Inutile sottolineare come il personaggio raccontato fosse una vera e propria calamita per la curiosità del pubblico.

“Per me, un film è scoprire un mistero. – ha detto Sorrentino alla BBC – E in Italia molti misteri sono legati strettamente alla chiesa, alla politica, alla mafia. Mi interessa raccontare questi mondi. […] Il mondo ha un’idea di Berlusconi come persona molto semplice, ma studiandolo ho capito che è molto più complicato. Vorrei provare a descrivere questo personaggio complesso. Sono interessato all’uomo che sta dietro il politico. Non sono interessato agli aspetti politici. […] Sono abituato a vedere il potere dappertutto: il film non è solo su Berlusconi. È su qualche altro italiano, persone che stavano attorno a Berlusconi, che provavano a cambiare il corso della loro vita usando Berlusconi”.

Il film ha ricevuto critiche non sempre positive, incentrate soprattutto sul ritratto del protagonista.

Paolo Sorrentino libri

Foto da Facebook @araccontarecominciatu

Tra il 2010 e il 2016 Paolo Sorrentino si scopre scrittore entrando a far parte di quella schiera di grandi registi che non si sono fermati alla macchina da presa ma hanno voluto cimentarsi e mettersi in gioco con la penna, approfondendo molti dei vari generi letterari.

Il suo romanzo d’esordio gli vale subito un terzo posto al Premio Strega. Qui Sorrentino racconta a tutto tondo un personaggio apparentemente cattivo, ma pieno di umanità: cantante melodico napoletano Tony Pagoda, personaggio ispirato a Tony Pisapia (Toni Servillo) protagonista del film L’uomo in più diretto dallo stesso Sorrentino.

Secondo lavoro del Sorrentino-scrittore arriva nel 2012 con Tony Pagoda e i suoi amici, protagonista sempre il cantante napoletano fuori dalle righe, invecchiato e con un pizzico di esperienza in più. Si tratta di una serie di racconti tristi e malinconici in cui l’autore ci invitano a guardarci dentro e a interrogarci sul dilemma per eccellenza, il senso della vita.

Nel 2016 poi Gli aspetti irrilevanti, una raccolta di storie che partono dagli scatti in bianco e nero del fotografo Jacopo Benassi.

Vediamo insieme un elenco che riassume la produzione sciatoria di Paolo Sorrentino.

Romanzi

Paolo Sorrentino, Hanno tutti ragione, Milano, Feltrinelli, 2010.
Paolo Sorrentino, Gli aspetti irrilevanti, Milano, Mondadori, 2016

Racconti

Paolo Sorrentino, Tony Pagoda e i suoi amici, Feltrinelli, 2012,

Saggi

Paolo Sorrentino, con foto di Gianni Fiorito, La grande bellezza. Diario del film, Feltrinelli, 2013,

Paolo Sorrentino moglie

Foto da Instagram @paolosorrentino_real

Quando si parla di vita sentimentale un solo nome può esser legato a quello di Paolo Sorrentino: Daniela D’Antonio.

La donna, coetanea del regista, è una giornalista nonché senza dubbio il grande amore di Paolo Sorrentino che la conosce ben prima di vedere il suo successo esplodere, quando lei lavora per Repubblica e lui per la compagnia teatrale Teatri Uniti, di cui l’amico Servillo è direttore.

I due da allora non si separeranno più. Avranno due figli, Anna e Carlo, e cercheranno sempre di far condurre alla famiglia una  vita quanto più possibile normale: pare che dopo la vittoria del Golden Globe Paolo abbia accompagnato il figlio Carlo dal dentista e che la famiglia Sorrentino non perda mai una puntata di Masterchef.

Paolo Sorrentino Instagram

Foto da Instagram @paolosorrentino_real

Paolo Sorrentino non è certo un addicted dei social network ma ciò nonostante utilizza il suo profilo Instagram per raccontare parte della sua vita ma soprattutto del suo lavoro.

Poche le foto pubblicate e quasi sempre ricordi dal set, piccoli spoiler dei suoi nuovi progetti e solo uno catto con l’amatissima moglie.

Un profilo interessante ma, senza dubbio, sintomo di un grande attaccamento alla privacy.

Paolo Sorrentino premi

Foto da Instagram @paolosorrentino_real

Un lungo elenco di premi costella la carriera di Paolo Sorrentino: un Bafta, due vittorie a Cannes, 5 David di Donatello, otto Nastri d’Argento e l’elenco potrebbe continuare ancora a lungo, sino alla statuetta più ambita, il Premio Oscar conquistato nel 2014.

Già con il suo primo lungometraggio, L’uomo in più, nel 2001 conquista un Nastro d’Argento come miglior regista emergente. Segue poi Le conseguenze dell’amore, film da 5 David di Donatello e 3 Nastri d’Argento.

Da qui i successi e i riconoscimenti non si fermeranno più e la carriera di Sorrentino proseguirà nel plauso generale, fino alla consacrazione agli Oscar del 2014, in cui La grande bellezza conquista la statuetta per miglior film straniero.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI