Arancia Meccanica, scoperto il sequel mai arrivato

arancia meccanica sequel
Malcom McDowell, attore di Arancia Meccanica, Getty Images

La storia di Arancia Meccanica, che ha affascinato intere generazioni, ha un sequel ritrovato nel 1993, ma mai messo su pellicola. Ecco di cosa parla..

arancia meccanica sequel
Malcom McDowell, attore di Arancia Meccanica, Getty Images 

Grottesco, drammatico, cult indiscusso della prima fantascienza, “Arancia Meccanica” ha fatto appassionare intere generazioni prima con la sua versione cartacea, scritta da Anthony Burgees, e poi con il famoso film di Stanley Kubrick.

Eppure, nonostante siano passati moltissimi anni (il romanzo è stato pubblicato nel 1962, e il film nel 1972), questa storia non ha mai smesso di sorprendere.

Si è infatti tornati a parlare di un famoso manoscritto, ritrovato nel 1993 nella casa dello stesso Burgess, proprio in seguito alla sua morte. In queste pagine (circa 200) si traccia un nuovo racconto che avrebbe dovuto essere il seguito della prima e amatissima storia. Il romanzo però, non è stato mai portato a termine.

Se vuoi rimanere aggiornato giorno per giorno sulle curiosità del mondo dei film, CLICCA QUI!

Arancia Meccanica, ecco la storia del sequel mai concluso e mai arrivato al cinema

arancia meccanica sequel
Malcom McDowell, attore di Arancia Meccanica, Getty Images 

Di cosa parla quindi, quello che sarebbe stato l’attesissimo seguito di una delle storie macabre più amate di sempre?

Il titolo del manoscritto è “A Clockwork Condition“, e pur essendo incompiuto, rappresenta una trasposizione dell’autore di alcuni pensieri e idee sulla condizione umana, sviluppando alcuni temi e dando risposta ad alcune perplessità sorte con Arancia Meccanica.

Infatti, specialmente dopo la versione cinematografica del racconto, molte erano state le critiche sollevate, specialmente in merito alla rappresentazione della violenza nelle periferie delle grandi metropoli.

A quanto dichiarato da Andrew Biswell, direttore della fondazione dedicata all’autore, queste carte inedite possono essere considerate a tutti gli effetti come “parte della riflessione filosofica e parte dell’autobiografia” dello stesso Burgess.

Il romanzo però, non resterà nelle teche della fondazione che ha sede a Manchester: è stato infatti riesaminato e ricatalogato in vista di una futura pubblicazione. Per i fan dei “drughi” quindi, non resta che aspettare.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

LEGGI ANCHE:

RIHANNA OMAGGIA ARANCIA MECCANICA

Le 13 inquietanti curiosità sul film L’Esorcista

Vuoi scacciare l’ansia? Guarda un film horror