Home Attualità «Basta chiedere alle donne quando faranno figli»: post diventa virale

«Basta chiedere alle donne quando faranno figli»: post diventa virale

CONDIVIDI

Katie Lee, star di Food Network, racconta il dolore di non riuscire ad avere figli e la difficoltà di dovere rispondere a chi pone domande inopportune come “perché ancora non sei incinta?”. Il post pubblicato su Instagram diventa virale.

Katie Lee incinta
Foto da Instagram @katieleekitchen

“Quando avrai un figlio?”, “come mai ancora non sei incinta?”, “hai preso qualche chilo, sei in dolce attesa?”. Domande che i più pongono con innocenza, magari anche in buona fede, ma che spesso rischiano di ferire profondamente chi le riceve.

Ciò che infatti solitamente non si fa è chiedersi quale condizione stia vivendo la persona a cui ci si rivolge, riflettere sull’eventualità di un disagio non condiviso o su un problema di cui non si è stati messi a parte.

Il motivo per cui una donna non ha figli infatti è il più delle volte personale e porre degli interrogativi a riguardo rischia di essere una vera e propria pugnalata nei suoi confronti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Lunàdigas: le donne che hanno scelto di non avere figli

Tutto ciò è magnificamente descritto da Katie Lee, stare di Food Network, che sul suo profilo Instagram ha voluto condividere la propria personale storia di inferiorità, realizzando un post molto personale che si è rivelato ancora di salvezza per molti dei suoi fan, tanto da far diventare le parole virali e note in tutto il mondo.

La miglior descrizione che si potesse avere del dolore di una donna che non può aver figli e che continua a sentirsi chiedere: “quando rimani incinta?”

Se vuoi essere informato su tutte le novità dal mondo e dai social  CLICCA QUI

Il post virale di Katie Lee su Instagram

Katie Lee Instagram
Foto da Instagram @katieleekitchen

Di seguito trovate il post originale condiviso da Katie Lee via Instagram e giunto già a oltre 112mila like, a riprova di come in molti sentano di sottoscrivere queste sentite parole

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Jennifer Aniston: “Forse non è mio destino avere figli”

“Ho ricevuto diversi messaggi ogni giorno che mi chiedevano se fossi invcinta o perché ancora non lo fossi. Ho letto commenti in cui mi si diceva che sembrava avessi preso peso, quindi dovevo essere incinta. Dopo che uno mi disse che sembravo “cicciottella in vita” ho finalmente risposto che non va bene fare commenti circa il corpo di una donna e non puoi mai sapere che cosa una persona stia attraversando. C’è così tanta pressione su una donna per apparire in un certo modo e mentre alcuni si trovano in confidenza con questioni legate al loro corpo, può ferire. Molte di voi mi mandano messaggi condividendo le vostre personali storie attorno a questioni di fertilità. Mi avete aiutato, quindi ora voglio condividere la mia storia con voi.
Quando io e Ryan ci siamo sposati, il nostro piano era di iniziare subito a creare una Famiglia. Non vedevo l’ora di essere incinta! Ingenuamente pensavo sarebbe stato facile. Sono una donna in salute, seguo una dieta bilanciata, faccio esercizio, non fumo. Per Ryan vale lo stesso. Ma la salute dal punto di vista della riproduzione è una questione totalmente diversa.
Mentre ci stavamo provando, ho dovuto fare una piccola operazione per correggere un problema, ho avuto un’infezione, poi ero così debilitata che ho avuto l’herpes zoster. Il mio dottore ci ha consigliato di provare la fecondazione in vitro. Abbiamo appena finito un intenso processo solo per scoprire che c’erano zero embrioni sani. La fecondazione in vitro non è solo fisicamente estenuante, il bilancio emotivo non ha eguali. Ci eravamo riempiti di speranze ed eccitazione solo per rimaner delusi.
E’ molto difficile indossa e quotidianamente una faccia felice. I problemi di fertilità dovrebbero rimanere privati, quindi molti di noi soffrono silenziosamente. Ho esitato a condividere tutto ciò ma mi sono sentita confortata quando ho sentito le storie altrui e spero che chiunque di voi si trovi inuma simile situazione sappia di non essere solo. Quando le persone mi chiedono quando rimarrò incinta fa male. E’ semplicemente un promemoria del fatto che non lo sono. Quando dicono he sembra che abbia preso peso, è vero. Non posso allenarmi troppo e gli ormoni mi hanno fatto gonfiare.
Il chiesa a Pasqua, il prete ha iniziato il suo sermone con una storia che parlava di una famiglia in lotta per avere un bambino e della felicità che provano ora che stanno sperimentando che le loro preghiere sono state ascoltate.Ha detto che era tempo per dei nuovi inizi. Le lacrime hanno iniziato a solcare il mio viso.
So che ci sarà una famiglia nel nostro futuro, sarà semplicemente un viaggio diverso rispetto a come lo avevamo immaginato. Continueremo a lavorare per questo. Un giorno avremo il nostro nuovo felice inizio e prego affinché ciascuno di voi che sta vivendo la medesima esperienza abbia il proprio.”

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI