Home Dieta e Alimentazione

Dieta detox salva intestino, sfiammare e aiutare la flora batterica

CONDIVIDI

Una dieta detox per aiutare l’intestino, sfiammandolo e cercando di prevenire danni alla flora batterica, il primo passo per tornare in forma.

detox intestino
Foto da iStock

“Non si può attuare alcuna forma di disintossicazione alimentare profonda se l’intestino non è in perfetto stato”

A dichiararlo è il professor Silvio Danese, autore di La dieta antinfiammatoria dell’intestino (Ed. Demetra), che spiega come, con un programma alimentare mirato, si può aiutare l’intestino nel ritrovare uno stato di salute ottimale, oltre ovviamente a dire addio a qualche chilo di troppo.

Pare infatti che selezionando alimenti che aiutino a prevenire squilibri della flora batterica ed evitando invece quelli che danneggiano l’intestino (come i cibi troppo raffinati, quelli grassi o carichi di zucchero) si possa perdere fino a due chili in una sola settimana.

Ritrovare salute e benessere generale è dunque l’obbiettivo della dieta salva intestino che andiamo a scoprire oggi insieme.

Se vuoi restare aggiornata su tutto ciò che riguarda la salute e il benessere CLICCA QUI!

Dieta salva intestino: cibi consigliati e menù

Fonte: Istock

In una dieta che mira a depurare l’intestino non potranno mancare alcuni alimenti. Iniziamo scoprendo questi irrinunciabili aiuti:

  • Curcuma: un ottimo infiammatorio anche se sarà bene introdurlo gradualmente per abituare il fisico a questo nuovo ingrediente.
  • Mela: la buccia soprattutto, con il suo alto contenuto in pectina, avrà una decisa azione probiotica
  • Kiwi: perfetto per favorire la proliferazione del Lactobacillus rhamnosus, un vero toccasana per l’intestino
  • Papaia: qui certo non manca la papaina, un ottimo antinfiammatorio per l’intestino
  • Aglio: un pieno di fibre probiotiche e per evitare l’alitosi basterà eliminare il filamento interno
  • Topinambur: il suo “ingrediente” forte è l’inulina anche se certo sarebbe meglio evitare di abusarne per non rischiare di incorrere in spasmi addominali
  • Pesce azzurro: con i suoi grassi omega 3 stimola la produzione di mediatori antinfiammatori importanti per la risposta immunitaria dell’organismo.

Decisamente meglio invece evitare il piccante, non solo il pepe ma anche le spezie troppe aggressive come la paprika o il curry, preferendo invece qualcosa di più dolce.

Per chiarirci le idee sarà bene vedere una proposta concreta di dieta salva intestino, un’alimentazione studiata giorno per giorno e basata su ampi apporti di vegetali, perfetti per nutrire il microbioma, e bassi apporti di lattosio e glutine, potenziali agenti irritanti per l’intestino. Ricordate che pranzo e cena possono esser tra loro invertiti.

Giorno 1

Colazione: uno yogurt bianco, scremato e senza lattosio con zenzero essiccato e due gallette di riso con composta di frutta o marmellata senza zucchero aggiunto

Spuntino: una banana non troppo matura

Pranzo: polpette vegane di grano saraceno, due carote grattugiate condite con un cucchiaino di olio extravergine d’oliva

Merenda: 3 noci

Cena: filetto di nasello con verdure al vapore, una porzione di pane integrale.

Giorno 2

Colazione: Porrige di avena con tocchetti di banana e una spolverata di zenzero essiccato

Spuntino: 2-3 fette di anans

Pranzo: calamari lessi con zucchine saltate in padella (un cucchiaio di olio totale per condire)

Merenda: uno yogurt magro senza lattosio

Cena: alici gratinate al forno con salvia, alloro e mandorle con riso basmati e insalata di cicoria