Stasera in tv, venerdì 12 aprile: palinsesto della prima serata

Che cosa vedere questa sera in tv? Scoprilo grazie al palinsesto televisivo che ti illustra la programmazione dei principali canali in chiaro per la prima serata di questo venerdì 12 aprile.

Siete pronti per dare il via a un weekend da 10 e lode? Prima di da fondo a tutte le vostre energie sarà bene però togliere un po’ della pressione della settimana lavorativa e ricaricare le batterie.

Come? CheDonna.it ha una proposta per voi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Pif: Il testimone, Il candidato va alle elezioni, moglie e molto altro

Che ne dite di una serata divano e tv? I canali televisivi hanno in serbo per voi tante proposte interessanti. Scopritele tutte grazie al palinsesto televisivo riportato qua sotto e scegliete poi quella più adatta alle vostre esigenze.

Buona visione!

Se vuoi restare aggiornata sul palinsesto televisivo giorno dopo giorno CLICCA QUI!

Stasera in tv: palinsesto venerdì 12 aprile

guardare tv
Foto da iStock

Rai UnoLa Corrida (Show)

Carlo Conti riporta in Rai la storica trasmissione dedicata ai simpaticissimi “dilettanti allo sbaraglio”. Oltre cinquant’anni dopo il primo debutto tutto torna come allora, con il mitico semaforo e un pubblico coinvolto come in poche altre trasmissioni.

Rai DueKingsman: Secret Service (Film)

Un’organizzazione di spionaggio super-segreta decide di reclutare Eggsy, ragazzo di strada promettente quanto arrogante, per addestrarlo nell’ultra-competitivo programma di formazione dell’agenzia. Il ragazzo dovrà vedersela con Harry Hart, suo istruttore e spia di lungo corso, e con Richard Valentine, geniale tecnico che minaccia il Pianeta.

Rai TreLa mafia uccide solo d’estate (Film)

Nella Palermo degli anni ’70 il piccolo Arturo le prova tutte pur di conquistare il cuore di Flora, la sua amata compagna di banco. snob e ricca ma che lui vede come un’irraggiungibile principessa. Attorno a lui e lungo la sua intera crescita, sempre alle prese con l’amore per Flora, i terribili attentati di mafia che per vent’anni, quasi sempre d’estate, hanno reso Palermo protagonista di una delle più cupe pagine della storia italiana.