Home Maternità

Primo trimestre di gravidanza: cosa devi sapere, quali esami fare

CONDIVIDI
primo trimestre di gravidanza
Primo trimestre di gravidanza (iStock Photos)

Primo trimestre di gravidanza: cosa devi sapere per iniziare al meglio la gravidanza, quale alimentazione seguire e i primi sintomi

Avete scoperto che state aspettando un meraviglioso bimbo e la magia dell’essere mamma vi rende su di giri. Siete ancora all’inizio e, dopo la lieta notizia e lo stupore iniziale, ora vi siete rese conto che molte cose ci sono da fare. Da dove iniziare? Quali esami sostenere nel primo trimestre? E cosa vi aspetterà? Tutte domande lecite ed importanti che avranno una loro risposta a breve. Quindi, non temete, il viaggio che avete appena intrapreso sarà lungo ma emozionante e voi, vi stupirete di come, nell’arco dell’intera gravidanza, cambierete non solo fisicamente ma, specialmente mentalmente. Molte cose a cui prima non pensavate, ora, con l’arrivo di un bebè, cambieranno. Vi ritroverete a pensare al modo migliore di accudirlo, a come proteggerlo al meglio dal mondo che lo circonda e come sarete come genitori. Iniziamo subito partendo dai primi sintomi legati a questo primo trimestre d’attesa. Ricordando che ogni donna vive la propria gravidanza a se, quindi non abbiate timore o ansie, se non riscontrerete alcuni dei disturbi che leggerete di seguito o, se ne avrete degli altri che qui non troverete. Il mondo della gravidanza è un universo magico e del tutto personale, da vivere in assoluta tranquillità, perché ciò che vi sta capitando non è altro che un miracolo nel vero senso della parola.

Potrebbe interessarti anche: Mamma in forma: 5 esercizi utili da fare nel primo trimestre

Primo trimestre d’attesa: quali sintomi sono presenti

primo trimestre di gravidanza
primo trimestre di gravidanza, i sintomi (Istok Photos)

Avete da poco iniziato questo dolce cammino e, se dal principio non riscontravate nessun cambiamento nel vostro corpo, ora, che le settimane iniziano a passare, iniziate a risentire di alcuni disturbi più o meno fastidiosi. Il primo trimestre di gravidanza è, tra i tre trimestri, quello più delicato, più fastidioso (per via dei sintomi) e quello più confuso. Vediamo di fare il punto della situazione e schiarirci un po’ le idee a riguardo. I primi sintomi che, sicuramente accomunano la maggior parte di voi, future mammine, saranno:

  • Nausee gravidiche e problemi digestivi: non tutte le donne in stato interessante sono “affette” dalle classiche nausee mattutine. Ma per chi ne soffre, specie per le giovani mamme alla prima gravidanza – più soggette alla nausee – è consigliabile, per attenuare il fastidio, masticare lo zenzero, anche in comode caramelle, da comprare in farmacia. Le proprietà di questa radice sono ottimali per lo stomaco e per il senso di nausea dovuta agli sbalzi ormonali. Ricordati di portare con te sempre qualcosa di solido in borsa, come un pacchetto di taralli o un biscotto, insomma qualcosa di secco per attenuare il senso di nausea. Non associare mai, se possibile, cibi liquidi con solidi ed evita di mangiare speziato! Purtroppo le nausee gravidiche sono tra tutti i sintomi, forse, quelle più fastidiosi ma, non temete, durano per questo primo trimestre per poi scomparire nel secondo trimestre di gravidanza. Quindi, care future mamme, un po’ di pazienza.
  • Eccessiva fame: i crampi allo stomaco per la fame non sempre sono il campanello d’allarme per una ipotetica gravidanza ma, nel caso riscontriate degli insoliti attacchi di fame in orari strani o, subito dopo aver pranzato o cenato, vi viene voglia di ritornare a mangiare di tutto, forse sì, è un sintomo legato alle prime settimane di gravidanza. Il consiglio è di prediligere frutta e verdura fresca per non arrivare al nono mese con quei chili in più rispetto al dovuto.

Potrebbe interessarti anche: Gravidanza, cosa succede nella seconda settimana

  • Stanchezza e sonnolenza: uno dei principali sintomi che colpisce quasi la totalità delle donne in attesa nel primo trimestre di gravidanza è la sensazione costante di stanchezza e sonnolenza. Questa stanchezza è dovuta ai livelli ormonali in crescita. Infatti tale stato è riscontrato proprio in questo primo trimestre, quando ancora le Beta HCG (gli ormoni della gravidanza) sono elevate. Con il progredire della gravidanza la sensazione di stanchezza passerà del tutto per poi, ritornare nell’ultimo trimestre, a causa del pancione che “vi pesa” particolarmente.
  • Mal di testa: questo è tra i sintomi meno associati alla gravidanza poiché capita spesso di accusare mal di testa nel corso della vita senza essere causa di una possibile gravidanza in corso. In questo caso parliamo di mal di testa come sintomo di gravidanza nel primo trimestre per quelle donne che accusano un mal di testa diverso dal solito, più severo e costante. Questo improvviso mal di testa è dovuto all’innalzamento degli ormoni nelle prime settimane di gravidanza ma è comunque consigliabile consultare un medico per una diagnosi accertata ed eventualmente i farmaci da adottare.
  • Percezione dell’olfatto alterata: se prima eravate amanti del caffè ed ora, non sapete il motivo, appena odorate un chicco di caffè vi viene il voltastomaco è perché in voi la percezione dell’odore su alcuni cibi, ma non solo i cibi, sta mutando.  La maggior parte delle donne in dolce attesa, specie nei primi tre mesi, ha un cambiamento nei gusti. Tutto normale, con l’avanzare della gravidanza si attenuerà il fastidio e ritornerete a gustare tutti i cibi che volete.
  • Il seno è più florido e teso. Alcune donne risentono maggiormente di questo fastidio, altre meno ma entrambe si vedranno con il seno più bello del mondo. Uno degli effetti collaterali della gravidanza è proprio il seno che diventa irresistibile.

Potrebbe interessarti anche: GRAVIDANZA: come cambia il SENO

  • Pelle più liscia e radiosa: la vostra pelle risplende più del solito. In questo primo trimestre, vi sembrerà di risplendere come non mai vi era capitato in vita vostra. La pelle, così come i vostri capelli, risulteranno più lucidi. Questa nuova “pelle”, non è dovuta a fattori esterni, come creme o scrub particolari, niente affatto. Il successo è dovuto agli estrogeni elevati che avete in voi e, ovviamente, al vostro stato di grazia che vi rende, giorno dopo giorno, splendente.
  • Sbalzi d’umore: ti senti come su una giostra impazzita? Normale, gli sbalzi d’umore durante la gravidanza e, in particolar modo nel primo trimestre, è fisiologico. Tutto dipende dagli ormoni che in questo primo periodo raggiungono livelli elevati.
  • Bruciore allo stomaco: questo sintomo è legato spesso alla nausea e al vomito ma, non per tutte è così. Quindi potresti non aver avuto neanche una nausea o aver mai dato di stomaco ma sentire costantemente bruciore alla stomaco. In questo caso, una sana e corretta alimentazione è ciò che devi seguire, se ancora non hai iniziato. Bere molta acqua e fare attenzione ad alcune tisane. Non tutte, infatti, sono adatte alle donne in dolce attesa. Questo sintomo può attenuarsi con l’avanzamento della gravidanza o rimanere costante ma di certo passerà non appena nascerà il tuo bebè.
  • Indolenzimento addominale: è molto frequente nelle donne in stato interessante che, con l’avanzare della gravidanza, risentano di un indolenzimento addominale. Ciò è dovuto alla crescita dell’utero e dal conseguimento stiramento dei muscoli.
  • Meteorismo e gonfiore: potresti già aver accusato tali disturbi nelle prime settimane ma, anche in questo caso, col progredire del primo trimestre, questi sintomi potrebbero aumentare. Ti chiedi perché? La causa è da ricercare nel rigonfiamento delle pareti addominali che si estendono sempre di più. A questo sintomo sono legati di conseguenza anche altri disturbi come l’insorgenza di crampi e dolori al legamento rotondo dell’utero. Nulla di cui preoccuparsi, tutto rientra nella routine gestazionale. Il consiglio in tal caso è riposare il più possibile.

Se vuoi restare aggiornata su tutto ciò che riguarda la maternità, le settimane di gravidanza e la crescita del tuo bambino CLICCA QUI!

Come si modifica il corpo della donna nel primo trimestre di gravidanza

Il tuo aspetto è quello di sempre, anche se i vecchi jeans iniziano a starti un po’ stretti. Il seno è più teso e aumenta di volume e probabilmente a tua madre appari un po’ “sciupata”, ma hai una diversa luce negli occhi che solo le donne in dolce attesa hanno. Tu, probabilmente, ti vedi in questo primo trimestre con una pelle più radiosa e, se sei magrolina, ora apprezzerai molto di più il tuo seno che sta aumentando. Una donna si piace di più quando la gravidanza è voluta, attesa da tempo ma, soprattutto, quando ha un buon rapporto con la sua femminilità e con la propria madre. In questo periodo, i cambiamenti fisici esterni sono impercettibili, ma il cuore è in piena trasformazione: le emozioni, i pensieri riguardo l’attesa sono strettamente legati al passato e, in modo particolare, alla tua storia e al rapporto con tua madre.

Potrebbe interessarti anche: La cura del bambino: come capire le sue esigenze primarie

È anche vero, però, che molte donne si sentono in questo primo trimestre, più goffe e gonfie. Questo è ovviamente dovuto alla sensazione di nausea che avete costantemente e al vomito che magari non vi lascia in pace. Queste “brutte” sensazioni sono dovute, specie intorno alla ottava settimana e sino alla 13sima, al progesterone e agli ormoni che vi lasciano una sensazione di torpore nel corpo e una stanchezza perenne.

Primo trimestre di gravidanza: l’embrione si sviluppa in feto

primo trimestre di graivdanza l'embrione
Primo trimestre di gravidanza (Thinkstock)

In questo primo trimestre di gravidanza, l’embrione, dapprima minuscolo, si sviluppa gradualmente sino a diventare feto. Intorno alla quinta settimana, l’embrione appare in pochi millimetri come un insieme di puntini e le sue dimensioni sono simili a quelle di una monetina. Inizia a formarsi un abbozzo di cuore che avvia la circolazione del sangue. Lungo la parte posteriore dell’embrione sono visibili alcune cellule in fila dalle quali originerà il tubo neurale. In cima sono presenti due grandi lobi tessutali che formeranno il cervello. Sono le primissime tracce degli organi principali. Con il passare delle settimane e, intorno alla 7° settimana, inizia a formarsi il volto del bimbo. Così, dopo la 9° settimana inizieranno ad abbozzarsi gli arti: mani e piedi. In queste ultime settimane del primo trimestre la testa cresce più rapidamente del resto perché deve accogliere il cervello. Si sviluppano occhi e orecchie primitivi, compare il collo e la schiena è più dritta. Si forma l’orecchio medio ed entro la decima settimana si sarà sviluppato anche il padiglione auricolare.

Potrebbe interessarti anche: Il metilmercurio e la tossicità nel pesce: quali sono i tipi di pesce a rischio?

Dalla 12ª settimana inizia il periodo fetale; fino alla 13a settimana il feto cresce di circa 10 millimetri a settimana e il peso quintuplica. A dieci settimane misura circa 30 millimetri e pesa tra i 3 e i 5 grammi. Alla 13ª invece è lungo circa 8 centimetri e pesa circa 25 grammi.

La testa continua a essere la parte più grande, le ossa facciali sono costituite e iniziano a vedersi i lineamenti del volto, anche il collo è formato, così come gli occhi, l’orecchio interno e l’orecchio medio. Mani e piedi non appaiono più palmati e intorno alla 13ª settimana inizia l’ossificazione. Il feto inizia a muoversi, anche se la mamma non lo percepisce, e inizia a compiere i primi singhiozzi, respiri e deglutizioni. Ovaie o testicoli si sono formati, mentre i genitali esterni non sono ancora chiaramente riconoscibili.

Esami da fare nel primo trimestre d’attesa

primo trimestre di gravidanza controlli ed esami da fare
Primo trimestre di gravidanza, esami da fare (Istock Photos)

Con l’inizio della gravidanza gli esami da sostenere sono molti. Verrai seguita dal tuo ginecologo di fiducia il quale ti prescriverà tutta una serie di test ed esami da svolgere mese per mese. Sicuramente i primi esami che dovrai sostenere saranno:

  • Esami del sangue: il primo esame del sangue serve a monitorare i valori degli ormoni beta Hcg. In generale, gli esami del sangue servono prevalentemente per tenere sotto controllo la salute della donna, diagnosticare eventuali malattie infettive o complicanze che possono mettere a rischio la gravidanza.
  • Esame delle urine: vengono fatti regolarmente ogni trimestre al fine di valutare eventuali malattie che possono mettere a rischio la gravidanza, come il diabete gestazionale o la preeclampsia. Ricordate che va analizzata l’urina del primo mattino e il campione va portato in laboratorio al massimo entro un paio d’ore.
  • Gruppo sanguigno di entrambi i partner (se non eseguito in fase pre concezionale)
  • Esami infettivologici: HIV, rosolia, sifilide, toxoplasmosi epatite B e C
  • Glicemia.
  • Transaminasi
  • Il Test di Coombs indiretto: in caso di donne con gruppo sanguigno Rh negativo a rischio di immunizzazione il test deve essere ripetuto ogni mese.
  • L’ecografia del primo trimestre: questa ecografia va fatta dalla 6-7° alla 13° settimana, (in totale sono tre, una per ogni trimestre), e serve per confermare la presenza della gravidanza in utero, la corretta datazione, la presenza del battito cardiaco, l’eventuale tipologia di gemellarità (monocoriale o bicoriale) e per identificare anomalie evidenti nelle strutture fetali.
  • esami di screening: non invasivi come il Bi-test (da effettuare tra la 11° e la 14° settimana, composto dall’ecografia della translucenza nucale più il dosaggio nel sangue di due specifiche sostanze) o esami genetici invasivi come villocentesi (da effettuare tra le 11 e le 13 settimane) o amniocentesi (da programmare tra le 15 e le 17 settimane).

Consigli utili nel primo trimestre di gravidanza

consigli nel primo trimestre di gravidanza
Primo trimestre di gravidanza, consigli (istock Photos)

 In questo primo trimestre di gravidanza cerca di riposare il più possibile. Goditi le giornate di sole, magari facendo una passeggiata all’aria aperta. Leggi un buon libro e inizia ad ascoltare della buona musica, possibilmente rilassante. Ti aiuterà a rilassarti e a rilassare il bebè. Soprattutto, segui una corretta alimentazione, privilegiando verdura e frutta senza dimenticare i cereali. Indispensabile almeno 1,5 lt di acqua al giorno.

Potrebbe interessarti anche: Gli 8 film che devi vedere quando sei in gravidanza

Ma più di ogni altra cosa, ricorda di essere sempre positiva, anche nei momenti di sconforto – tipici in gravidanza per causa degli ormoni “impazziti” – facendo quello che ti rende più felice, sempre nel rispetto del tuo dolce stato.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI