Home Coppia Le cure naturali che aiutano a riaccendere il desiderio nella coppia

Le cure naturali che aiutano a riaccendere il desiderio nella coppia

CONDIVIDI
sessualità e cura
le cure naturali per riaccendere la passione (istock Photos)

Le cure naturali che aiutano a riaccendere il desiderio nella coppia: dai cibi naturali all’aromaterapia, tutti i profumi della passione

Spesso quando si è in coppia, è naturale avere dei “cali” del desiderio sessuale, specie se si è in coppia da tempo. Tra la vita frenetica che ci attanaglia giorno e notte, tra i mille infiniti impegni lavorativi o familiari (o entrambi insieme), può capitare di arrivare alla sera stanchi e nervosi con il risultato di posticipare il desiderio per il nostro partner. Può capitare, ripeto, un periodo di calo ormonale ma questo non dovrebbe mai durare più di qualche settimana. Se anche a voi capita di non sapere come affrontare questi piccoli, ma che piccoli non sono, disagi e state pensando a come recuperare il vostro desiderio e quello del vostro partner, è giunto il momento di rilassarsi, prendersi un po’ di tempo e leggere attentamente questi suggerimenti naturali. Le cure naturali che aiutano a riaccendere il desiderio nella coppia esistono, basta solo sapere come sfruttare al meglio tutti i suoi benefici e metterli in pratica. Dall’alimentazione corretta passando per l’aromaterapia sino ai rimedi da fare con erbe e piante omeopatiche.

Potrebbe interessarti anche: Le zone erogene femminili nascoste: quali sono e come stimolarle

I problemi sessuali si possono affrontare anche con cure naturali, dolci, come omeopatia, fitoterapia, aromaterapia e massaggio. Senza dimenticare che l’alimentazione ha un ruolo tutt’altro che marginale, anzi, quest’ultimo è fondamentale per ritrovare e riaccendere quel desiderio assopito tra i partner. L’importante è avvicinarsi a questo tipo di rimedi con la cautela di riconoscere quando non è possibile e utile fare da soli, ma ci vuole un sostegno da parte di uno specialista. Se le cose non migliorano nel giro di qualche settimana, allora è buona regola rivolgersi senza timori a uno psicoterapeuta di coppia o a un andrologo.

Per potenziare al meglio i benefici effetti della medicina alternativa, sarebbe bene operare su diversi fronti. Quindi, ogni giorno, associamo a una sana alimentazione la tisana o il rimedio omeopatico più adatti al nostro problema.

I cibi naturali che aiutano il desiderio

cibi afrodisiaci
le cure naturali per riaccendere il desiderio, i cibi (Istock Photos)

Alimentarsi correttamente è funzionale alla fiamma dell’eros, che si accende a brucia meglio con determinati cibi. Ecco, allora, le regole cui attenersi se si vuole riaccendere quella passionalità un po’ dimenticata sotto le lenzuola.

Potrebbe interessarti anche: Le regole per tenere sempre vivo l’eros: consigli di coppia

  • No ai cibi raffinati e sterilizzati: essi sono poverissimi di vitamine, enzimi e acidi nucleici.
  • Sì a una dieta ricca di alimenti naturali e integrali, pollini, semi in crescita e lieviti: questi sono cibbi “vivi”, che fanno esplodere la vita dentro di noi. Polline e semi in crescita poi sono un condensato vero e proprio di energia, che va a nutrire la nostra carica vitale. Sì anche a tutti i derivati del miele.
  • Integratori: per ciò che concerne gli integratori, ne abbiamo di diversi tipi. In primis l’integratore di vitamina A. Questa vitamina va assunta sotto forma di olio di carota. Mentre l’integratore di vitamina E può essere assunta, per farne il pieno di energie, sotto forma di olio di germe di grano. L’integratore con vitamina D, invece, va assunta sotto forma di olio di fegato di merluzzo.

Poterbbe interessarti anche: CIBI AFRODISIACI: quali alimenti aumentano la passione

Cure naturali: l’aromaterapia per riaccendere il desiderio

Anche l’aromaterapia è un valido aiuto naturale per rimediare al calo del desiderio. Per migliorare l’intesa sessuale col partner, possiamo, per esempio, fare un bagno assieme, diluendo nell’acqua un mix di oli essenziali: la “ricetta” ideale da seguire è semplice. Basta versare in un cucchiaio di olio di mandorle dolci 2 gocce di essenza di gelsomino, 1 goccia di cannella, 2 gocce di neroli. Quindi, aggiungiamo il tutto all’acqua della vasca e immergiamoci nel bagno per almeno 20 minuti. I profumi innescati da questa ricetta andranno a colpire proprio la parte del desiderio attraverso l’olfatto.

Mentre un altro suggerimento, in questo caso per risvegliare l’eros sopito, le essenze più indicate, da usare nell’acqua, per inalazione o nel massaggio sono: basilico, cannella, patchouli, pino silvestre, santoreggia, vetiver, sandalo (per lui); chiodo di garofano, rosa, gelsomino, lavanda, pepe nero e rosmarino (per lei). Possiamo anche utilizzare le stesse essenze per via aerea, diffondendole nell’apposito bruciaprofumi, sistemato accuratamente in camera da letto almeno due ore prima. A nostro piacimento si possono miscelare 3 oli insieme tra quelli indicati, nella misura di 2 gocce per olio da diluire nell’acqua. Il risultato sarà esaltante per il vostro ritrovato desiderio intimo.

Potrebbe interessarti anche: 5 segreti sulla vita di coppia che nessuno ti ha mai confidato

Usare le mani per riaccendere il desiderio di coppia

Le cure naturali per riaccendere il desiderio di coppia, il massaggio (Istock Photos)

Un’altra valida alternativa per riaccendere la scintilla dell’eros è quella di proporre al nostro portner qualche gioco da fare insieme. Si tratta, più che di gioco, di una serie di esercizi, particolarmente utili a facilitare e riattivare la comunicazione con l’altro. Questi esercizi, durante i quali, a turno, ciascuno dei due partner interpreterà prima il ruolo attivo e poi quello passivo, vanno eseguiti in assoluto silenzio, in un luogo tranquillo e possibilmente accogliente e, quando si vive il ruolo passivo, possibilmente farlo ad occhi chiusi. A termine di tale esperienza, potrà anche seguire un momento di confronto tra noi e il partner, durante il quale ci comunicheremo sensazioni, emozioni, immagini affiorate durante gli esercizi. A seconda, poi, del piacere o delle resistenze incontrate nella loro esecuzione, ciascuno di noi individuerà i tempi più appropriati da dedicare a ciascuna fase. Vediamo, dunque, nello specifico, quali sono questi esercizi/gioco, da fare in coppia:

Potrebbe interessarti anche: CONSIGLI EROS: accendi la passione con i giochi di coppia

  1. Un massaggio senza toccarsi: come iniziare questo “gioco”? Semplicemente il partner si stende su un tappetino, in modo tale da permetterci di girargli intorno con facilità. Noi passiamo le mani vicinissime al suo corpo, circa a un centimetro, quasi sfiorandolo, e per questo motivo è consigliabile indossare indumenti molto leggeri. Potremo cominciare dal punto che vorremo, prima su un lato, poi sull’altro del corpo (supino e prono). Alla fine saremo noi a sdraiarci e sarà il partner a condurre tale esercizio nello stesso identico modo. In questa prima fase vanno a ridiscutersi automaticamente i ruoli sessuali: si attiveranno così proiezioni, fantasie e immagini che, in un rapporto uomo-donna non equilibrato , sono spesso represse o soffocate. Inoltre, la consegna del non-contatto scatenerà una serie di desideri legati al divieto, il che giova particolarmente a chi ha una sessualità spenta.

Potrebbe interessarti anche: Massaggio corpo a corpo, un esperienza sensoriale unica

  • Sensazioni corporali caldo/freddo: in questo esercizio ripetiamo gli stessi gesti del precedente, con un’aggiunta: cioè, dobbiamo concentrarci, durante il passaggio delle mani, sulle sensazioni di caldo e di freddo provenienti dal corpo dell’altro. Poi, semplicemente, si invertono i ruoli. In sentire fredda o calda una parte del corpo del partner potrà essere anche il risultato di una nostra proiezione: così gli “ingorghi” energetici eventualmente avvertiti nell’altro, possono essere reali, ma pure immaginati, fantasticati o temuti.
  • Toccarsi: in questa fase, simile alle precedenti nell’esecuzione, è previsto il contatto tra le mani dell’uno e il corpo dell’altro. Quindi, noi e il partner procederemo a turno a massaggiarci. nessuna parte del corpo verrà tralasciata e di nuovo sperimenteremo l’attività e la passività, con tutto quanto ne consegue. La somiglianza di questa fase con l’atto sessuale, compreso il desiderio di paicere all’altro, è molto evidente. L’investimento emotivo qui sarà molto forte e le emozioni avranno il tempo di emergere e arrivare al culmine. Chi è steso, abbandonato nelle mani dell’altro, conoscerà l’essenza stessa della passività, con tutte le paure connesse. Questa spesso costituisce, nella sessualità, il centro di disturbi come l’anorgasmina e il vaginismo, per le donne, e l’eiaculazione preococe, per lgi uomini.
  • Liberiamo la fantasia: Anche in questo caso, tutto si svolge come negli esercizi precedenti, ma questa volta l’esperienza si allarga e noi potremo fare quello che vogliamo col corpo dell’altro, che sarà completamente passivo. Massaggiarlo, accarezzarlo, tirarlo, aggredirlo e il partner non dovrà rispondere con l’azione, ma solo emotivamente. Poi la situazione si ribalterà a ruoli invertiti. La possiiblità di esercitare un potere assoluto sul corpo dell’altro farà emergere i tratti fondamentali della personalità e del carattere dei due soggetti. Portando alla luce paure e fantasmi legati non solo alla vita sessuale, ma anche all’infanzia, con l’eventuale carico di aggressività accumulata.

Potrebbe interessarti anche: Relazioni di coppia pericolose: sei vittima di violenza psicologica? I segnali

Cure naturali: le erbe che aiutano a ritrovare il desiderio sessuale

A parte gli interventi mirati di psicoterapia del singolo o di coppia, si è sempre provato a rimediare ai disturbi da calo di desiderio con medicamenti naturali, in grado di assicurare la potenza sessuale. Ecco le piante e le erbe più adatte in questi casi. Seguire una cura omeopatica con erbe naturali e curative, può dare risultati sorprendenti ma, non vi aspettate che queste “cure” siano miracolose, tutt’altro, i rimedi naturali, per essere efficaci, hanno necessità di essere seguite con molta pazienza e tempo necessari affinché si possano riscontrare i primi risultati. Non essendo un medicinale, il beneficio apportato da queste piante, si può apprezzare dopo un po’ di somministrazioni e avendo cura di seguire in modo costante l’intero ciclo di cure.

  • Contro l’impotenza: una pianta utile per porre rimedio all’impotenza maschile è, senza dubbio, l’orchidea. Essa è afrodisiaca e rialza il tono generale. E’ curioso rilevare come molte delle sostanze tradizionalmente utilizzate per potenziare le prestazioni sessuali provengano da piante che richiamano nella forma proprio gli organi genitali, oppure vengono ricavate dalle ghiandole odorifere di mammiferi. Per esempio, c’è l’orchidea maschio, il cui tubero ha un aspetto piuttosto allusivo. La farina e la gelatina che si ottengono da questi tuberi essiccati, costituiscono il salep, che era rinomatissimo in Arabia come afrodisiaco maschile e rimedio dell’impotenza. In effetti ha una certa azione tonica sull’organismo maschile in generale.  Si consiglia di mettere in infusione, in un litro ti acqua questa polvere di orchidea e berla nell’arco di 24 ore. Si trova in erboristeria.
  • Per sostenere l’erezione: per questo genere di “problema”, la Damiana e la panace sono ottime alleate. La daminana ha un’azione elettiva sul centro nervoso dell’erezione, localizzato sul parasimpatico sacrale. L’odore e il sapore del panace, oltro potente afrodisiaco, non sono dei migliori. Conviene però ricorrere alla Tintura Madre.

Se vuoi restare aggiornata su tutto ciò che riguarda la relazione, le dinamiche di coppia o come conquistare il tuo uomo CLICCA QUI!

  • Contro l’eiaculazione precoce: Per allungare il piacere possiamo provare la Lachesis e la Graphites.
  • Per stimolare il desiderio femminile: il Fieno greco è ottimo quando la voglia non c’è. E’ un ideale costituente e stimolante dell’appetito, il fineo greco cele nei suoi semi proprietà afrodisiache insospettate, specialmente per le donne.
  • Difficoltà a raggiungere l’orgasmo: lo  Zenzero, ginseng e ginko biloba, sono ideali soprattutto per le donne non più giovanissime. Per queste, si consiglia il ginko biloba, ricco di principi attivi che agiscono sulla circolazione favorendo l’apporto di sangue ai tessuti. Da usare in associazione con lo zenzero, pianta afrodisiaca.
  • Per arrivare al culmine del piacere:  è utile la Platina e la sepia. In questo caso può essere di grande aiuto l’omeoptia, con paltina e sepia appunto, rimedi naturali più indicati per arrivare al culmine del piacere sessuale.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI