Home Attualità Sigaretta elettronica e i casi di attacchi epilettici

Sigaretta elettronica e i casi di attacchi epilettici

CONDIVIDI
sigaretta elettronica attacchi epilettici
Sigaretta elettronica, Getty Images

Per molti sembra aver sostituito il classico tabacco, ma ora la sigaretta elettronica potrebbe essere causa di attacchi epilettici. Scopri come e perché

La sigaretta elettronica è una delle tante innovazioni tecnologiche degli ultimi anni, e sicuramente ha stravolto e cambiato il mercato del tabacco e gli usi e i costumi dei fumatori. Sono sempre di più le persone che la scelgono come alternativa alle classiche sigarette industriali o alla combinazione “tabacco e cartine”, sia per migliorare il proprio stato di salute, sia per provare a smettere di fumare. Eppure questi strumenti, pur essendo ormai alla portata di tutti, a volte possono presentare dei rischi veri e propri che non vanno sottovalutati. Questo è il caso di alcuni studi sui pericoli che sembrano essere legati all’uso di sigarette elettroniche: tra questi compaiono anche svariati casi di attacchi epilettici.

Leggi anche —> Sigaretta elettronica: una speranza andata in fumo?

La sigaretta elettronica e i casi di attacchi epilettici: ecco come le due cose sono collegate

Le sigarette elettroniche sembrano non essere quindi così “sicure” come generalmente si tende a pensare. A dimostrarlo sono alcuni casi rilevati dalla FDA (Food and Drug Administration) negli U.S.A, a cui sono seguiti degli studi specifici in merito. Tra il 2010 e il 2019 infatti, l’ente ha riscontrato 35 casi di attacchi epilettici e convulsioni in persone, soprattutto giovani, che facevano uso della sigaretta elettronica. Questi eventi, come riporta la stessa FDA, sono strettamente causati all’avvelenamento da nicotina: in particolar modo si presentano qualora dovesse esserci un ingerimento intenzionale o accidentale del liquido a base di nicotina utilizzato nelle sigarette elettroniche. Nonostante ciò, non c’è ancora la certezza scientifica che ci permetta di dire che le due cose sono collegate: le persone interessate da questi disturbi hanno età diverse e fanno un uso e un consumo della sigaretta elettronica diverso. Nulla di certo quindi, ma è fondamentale fare attenzione: la FDA specifica che tra le cause di avvenimenti simili c’è il fatto che alcuni liquidi avrebbero concentrazioni di nicotina troppo alte, mentre alcune sigarette permetterebbero di inalare nicotina in un lasso di tempo troppo breve per essere correttamente metabolizzato dall’organismo.