Home Attualità Ecco i farmaci ritirati dal mercato: fate attenzione

Ecco i farmaci ritirati dal mercato: fate attenzione

CONDIVIDI
farmaci ritirati
Sciroppo farmaceutico, Getty Images

Conoscere la natura dei medicinali è fondamentale per la nostra salute, ma a volte capitano degli incidenti. Ecco alcuni farmaci appena ritirati dal mercato

Oggigiorno sono sempre di più le persone che si rivolgono alle farmacie per acquistare medicinali da banco al fine di curarsi da specifici malanni o patologie. Essere certi della loro natura e della loro sicurezza si rivela quindi fondamentale per la nostra salute, sia per l’efficacia delle cure che vogliamo ricevere e sia per proteggerci da eventuali controindicazioni. Eppure, nonostante le attenzioni, non è sempre facile mettersi al sicuro: può capitare infatti di ritrovarsi a utilizzare farmaci apparentemente innocui ma pericolosi al momento della somministrazione.

Potrebbe interessarti anche: I 7 farmaci più prescritti al mondo e le loro controparti naturali

Farmaci ritirati dal mercato: ecco quali sono e i motivi del pericolo

Alcuni medicinali quindi, sembrano più provocare danni che essere d’aiuto nei momenti di bisogno. Questo è il caso dei farmaci recentemente ritirati dal mercato per conto della società Ibsa Farmaceutici Italia e dell’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA). La disposizione riguarderebbe tutti i lotti in commercio del medicinale “Akis” e 12 lotte del farmaco “Carbocisteina“. Il primo farmaco, un antinfiammatorio, pur non presentando difetti di qualità, è stato predisposto al ritiro per impossibilità di coesione sul mercato dello stesso prodotto con differenti AIC (autorizzazioni all’immissione sul commercio). Il secondo, un farmaco utile alla cura della tosse e del raffreddamento, viene invece ritirato a causa del riscontro di un’impurità. In questo caso la comunicazione è arrivata direttamente dalla ditta produttrice EG, che dopo aver riscontrato la problematica durante alcuni studi di stabilità, ha comunicato l’avvio della procedura di ritiro, che dovrebbe essere ora effettuato dal Comando dei Carabinieri. Questi due casi arrivano poco tempo dopo un ritiro già avvenuto due settimane fa: anche un collirio era stato infatti ritirato dopo che erano state riscontrate alcune impurità e alcuni problemi di qualità.