Home Attualità Nozze Tony Colombo e Tina Rispoli, il Comune risponde

Nozze Tony Colombo e Tina Rispoli, il Comune risponde

CONDIVIDI
matrimonio tony colombo tina rispoli
Matrimonio, Getty Images

Dopo l’annuncio spopolato sul web, Tony Colombo e Tina Rispoli si sono sposati. Ora arriva la risposta del Comune, bombardato di critiche

E’ successo: le nozze di Tony Colombo e Tina Rispoli sono state festeggiate in pompa magna al Maschio Angioino di Napoli. La notizia aveva già spopolato sul web a partire dai giorni precedenti all’evento, e la cerimonia era attesissima. Il risultato non ha deluso, tanto da sforare limiti di legge per grandezza, concessioni e permessi burocratici. Dopo le foto del matrimonio, fin da subito rese pubbliche sui social, sono in tanti a pretendere risposte dal Comune di Napoli dal punto di vista legale, del preavviso e della gestione di un evento che si è rivelato – non troppo inaspettatamente – di una portata gigantesca. A rispondere, il giorno dopo il misfatto, è l’assessore alla Polizia Locale Alessandra Clemente: pare che si sia compresa la portata dell’evento solo lunedì, quando Piazza del Plebiscito è stata requisita per un concerto allestito per l’addio al celibato dello sposo.

Leggi anche —> Latitante da 15 anni: arrestato il camorrista Marco di Lauro

Le nozze di Tony Colombo e Tina Rispoli: ecco le risposte del Comune di Napoli

In molti continuano a chiederselo: come è possibile che sia stato così facile permettere le nozze di Tony Colombo, cantante neomelodico partenopeo, e Tina Rispoli, vedova del boss di Secondigliano? La Clemente aggiunge che al Comune era stato comunicata la sola presenza di un “flash-mob”, ma nei fatti c’è stato molto altro: un corteo di giocolieri, un cocchio trainato da cavalli bianchi, e addirittura la concessione del Maschio Angioino per l’intera durata della celebrazione del rito. E un dato che infittisce le perplessità è il fatto che proprio al Maschio Angioino, nella stessa giornata, doveva tenersi un evento – la cui location è stata poi spostata all’ultimo momento – organizzato dall’associazione “Libera”, impegnata nella sensibilizzazione contro le mafie e contro la corruzione. Dunque, le versioni sembrano non coincidere, e a farlo venire a galla è anche lo stesso Tony Colombo, che nella sua ospitata di Barbara d’Urso ha pubblicamente ringraziato il sindaco De Magistris e tutto il Comune di Napoli per i permessi concessi in Piazza Plebiscito. Ma il primo cittadino non si attarda a smentire, e comunica che con l’intervento della polizia municipale sono state già emesse delle contravvenzioni.

Scarica l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!
 
✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore ✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore