Home Ricette Dessert Dolci di Pasqua senza lattosio: mangiare goloso si può

Dolci di Pasqua senza lattosio: mangiare goloso si può

CONDIVIDI
dolci pasqua
Dolci, Getty Images

Tornano le feste, ma niente paura: anche gli intolleranti potranno mangiare con gusto. Ecco le varianti regionali dei dolci di Pasqua senza lattosio

Il conto alla rovescia è partito, e già nei supermercati si vedono le tante cibarie e leccornie: a fine aprile si festeggerà la Pasqua 2019, ed è fondamentale non arrivare impreparati. Come sempre però, festeggiare in compagnia può diventare un problema per intolleranti e allergici. Niente paura però: si può comunque seguire la tradizione dei dolci di Pasqua, ma in versioni prive di lattosio. Chi ha detto che si deve per forza rinunciare al momento più zuccheroso del pranzo pasquale? Tante sono le ricette e le specialità regionali da fine pasto da far diventare alla portata di tutti, senza escludere cioccolato, canditi e uvetta.

Leggi anche —> Pasta frolla senza burro, ricetta leggera e golosa per crostate e biscotti

Le specialità regionali di Pasqua, prive di lattosio: ecco le ricette e le variazioni

La Pasqua si avvicina, e con lei anche tutte le ricette di dolci e piatti da preparare per amici e parenti. Impossibile quindi rinunciare alle leccornie di carattere regionale: l’importante è che tutti possano gustarle, intolleranti compresi. Uno dei dolci regionali senza lattosio per eccellenza è sicuramente la pasta di mandorle siciliana: nessuna variazione, ma soltanto pistacchi, mandorle, acqua e tanto zucchero a velo. Altre specialità prevedono invece delle varianti. La versione senza lattosio di alcuni grandi classici come la “gubazza” friulana e la “fogazza” veneta prevedono che si possano sostituire gli ingredienti comuni con latte, burro e biscotti secchi senza lattosio. Lo stesso principio può essere applicato alla “ciaramicola” umbra, alla torta delle rose tipica del Trentino, alla schiacciata toscana e al “bussolano” lombardo: in questi casi al via con il latte ad alta digeribilità e l’olio, che riuscirà a sostituire senza problemi il classico burro. Tra le specialità isolane ci sono poi i “pardulas” sardi, deliziosi dolcetti in cui sarà però necessario procurarsi una buona ricotta priva di lattosio. Infine, per chiudere, un altro grande classico naturalmente “lactose free”, ovvero i biscotti quaresimali laziali, che prevedono solo farina, cacao amaro, albumi e zucchero a velo.