Home Salute

Scarlattina, aumentano i contagi, attenzione ai sintomi di questa malattia

CONDIVIDI

La scarlattina è tornata! in aumento il numero dei bambini contagiati. Ecco i sintomi più comuni della malattia ai quali prestare attenzione, i trattamenti e le misure precauzionali.

Secondo un recente studio pubblicato su The Lancet Infectious Diseases, la scarlattina è in aumento in Inghilterra e in Asia orientale. Molte scuole primarie in Gran Bretagna sono state colpite da questa malattia contagiosa e le epidemie sono notevolmente aumentate. I ricercatori hanno associato la diffusione della scarlattina ad un ceppo “super resistente e aggressivo”.

“Mentre i tassi correnti (in Inghilterra) sono molto vicini a quelli dei primi anni del 1900, la scala del recente aumento è maggiore di tutto ciò che è stato documentato nel secolo scorso”, ha dichiarato Theresa Lamagni, autore dello studio. “Mentre le notifiche ricevute finora per il 2017 suggeriscono una leggera diminuzione dei numeri, continuiamo a monitorare da vicino la situazione … e la ricerca continua a indagare ulteriormente”.

Secondo lo studio, la scarlattina è sempre stata una causa comune di mortalità infantile, ma tendeva a diminuire ogni 4-6 anni.

Si pensava che questa malattia potesse essere ben controllata attraverso gli antibiotici, ma la forma che sta tornando nei nostri paesi è molto aggressiva. Nel 2016, 620 casi sono stati registrati principalmente in asili e scuole primariein Europa, ma è stata confusa con altre malattie come sottolineato dal Dr. Geremia Brissard SOS Medico Caen, per cui è difficile fornire cifre esatte. Questi commenti sono condivisi anche dalla dott.ssa Christine Coquart e trasmessi dai nostri colleghi di Top Santé: “Dal momento che la scarlattina non è una malattia segnalabile, rimane difficile avere una chiara idea del numero di bambini colpiti”.

Se vuoi essere informato su tutte le novità su Curiosità & Benessere  CLICCA QUI

Cos’è la scarlattina? sintomi, trattamento e prevenzione

La scarlattina è una malattia batterica infettiva contagiosa che si sviluppa in alcune persone con mal di gola e colpisce soprattutto i bambini nella fascia di età 2-8 anni. Conosciuta anche come febbre scarlattina, è l’unica malattia esantematica a essere causata da un batterio, lo streptococco beta-emolitico di gruppo A, e non esiste vaccino. E’ caratterizzata da un rash rosso brillante che copre la maggior parte del corpo. La scarlattina è quasi sempre accompagnata da mal di gola e febbre alta.

Questa malattia è più comune nei bambini. In passato veniva considerata una grave malattia infantile, ma i trattamenti antibiotici l’hanno resa meno minacciosa. Tuttavia, se non trattata, può portare a condizioni più gravi che interessano il cuore, i reni e altre parti del corpo.

I segni e i sintomi della scarlattina sono i seguenti:

· Eruzione: di solito inizia sul viso o sul collo e si diffonde a tronco, alle braccia e alle gambe. Se viene applicata una pressione sulla pelle arrossata, svanirà il rossore.

· Linee rosse: le pieghe della pelle attorno all’inguine, le ascelle, i gomiti, le ginocchia e il collo diventano generalmente più scure rispetto allo sfogo circostante.

· Faccia rossa: il viso può sembrare rosso con un anello pallido intorno alla bocca.

· Lingua a fragola: la lingua di solito appare rossa e irregolare ed è spesso coperta di una patina bianca all’inizio della malattia.

Le eruzioni cutanee e il rossore del viso e della lingua di solito durano circa una settimana. Una volta che questi segni e sintomi sono scomparsi, la pelle colpita dall’eruzione cutanea spesso si stacca.

Altri segni e sintomi associati alla scarlattina includono:

· Febbre 38,3 ° C o superiore, spesso con brividi

· Gola rossa, a volte con macchie bianche o gialle con dolore

· Difficoltà a deglutire

· Linfonodi sensibili al tatto

· Nausea o vomito

· Mal di testa

Trattamento

I casi più lievi di scarlattina scompaiono entro una settimana senza trattamento. Tuttavia, il trattamento è importante perché accelererà il recupero e ridurrà il rischio di complicanze. Normalmente comporta un trattamento antibiotico orale di 10 giorni, di solito di penicillina.

La febbre di solito scompare entro 12-24 ore dopo l’assunzione del primo antibiotico e i pazienti di solito si riprendono entro 4 o 5 giorni dopo l’inizio del trattamento.

Prevenzione:

Lavarsi spesso le mani: secondo i Centers for Disease Control and Prevention, lavarsi le mani è uno dei modi più efficaci per proteggersi dalle malattie. Questo è particolarmente vero per le malattie batteriche come la scarlattina, ma attenzione ad usare acqua calda e sapone invece dei disinfettanti liquidi.

Non condividere gli utensili e gli effetti personali con gli altri: l’infezione batterica che causa la scarlattina può essere facilmente contratta scambiando gli effetti personali da un individuo infetto ad un’altro.

Stare alla larga dalle persone affette da malattia da streptococco: evitare il più possibile le persone con altre forme di infezioni da streptococco, poiché possono diffondere i batteri e metterti a rischio di scarlattina.

Rafforzare il sistema immunitario: il ruolo principale del tuo sistema immunitario è quello di combattere le malattie causate dall’infezione. Puoi aiutare a mantenere un’adeguata funzione immunitaria adottando una dieta sana, aumentando il contenuto di vitamina D attraverso l’esposizione al sole e il consumo di alimenti che lo contengono come uova, pesce azzurro e funghi e assicurandosi di avere una buona quantità di sonno.

Ti potrebbe interessare anche—->>>Maternità: febbre da vaccino, perché viene e quanto dura

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI