Home Dieta e Alimentazione

Come conservare frutta e verdura: 12 regole must da seguire

CONDIVIDI

Conservare frutta e verdura dopo aver fatto la spesa può diventare a volte un’impresa, specialmente se abbiamo comprato parecchi prodotti. Vi proponiamo 12 regole utili per mantenerle intatte più a lungo.

Quando andiamo a comprare frutta e verdura spesso commettiamo degli errori nella loro conservazione, motivo per cui finiamo per buttare via sempre qualcosa prima del tempo perché andato a male.

Per mantenere intatte le proprietà degli ortaggi ed evitare sprechi di denaro e risorse ecco 12 possibili interessanti soluzioni.

Per avere una risposta alle curiosità del quotidiano cliccate qui

Come conservare frutta e verdura

Getty Images

I cetrioli devono stare da soli – O almeno devono essere tenuti lontani da banane e meloni. Questi due frutti producono etilene, un gas che accelera la maturazione ed è deleterio per ii sensibili cetrioli. Il metodo migliore per conservarli è tenerli sul banco da cucina, altrimenti in frigorifero non a contatto con alimenti “pericolosi” per loro.

Le erbe aromatiche devono essere trattate con delicatezza – E’ bene tenerle in frigo un vasetto d’acqua dopo averle private dell’estremità. Stesso trattamento per il basilico, ma questo va conservato a temperatura ambiente.

Non mettere vicine zucche e zucchine con pere e mele – La frutta ne accelera la maturazione. In generale è preferibile evitare il frigorifero, optando per un luogo asciutto e a una temperatura tra i 10 e i 12°C.  La zucca se conservata in modo corretto può durare dai 3 ai 6 mesi.

Tuberi e radici in una busta di carta o plastica – Questo genere di verdure (patate, cipolle, carote, ecc.) devono essere tenuto in un ambiente fresco, umido e possibilmente buio come una cantina. Ok anche i frigorifero ma in un sacchetto per rallentare il deterioramento.

Ti potrebbe interessare anche—->>>Perdere peso: scopri i 5 alimenti perfetti per dimagrire

I frutti di bosco in aceto – Mai lavare i frutti di bosco e metterli in frigo in quanto può sopraggiungere rapidamente la muffa. Se proprio si desidera lavarli, meglio un bell’ammollo in acqua e aceto per qualche minuto, a cui fa seguire un bagno rapido in un colino e l’asciugatura.  La conservazione va effettuata in un contenitore areato o con  il coperchio in parte aperto.

No alla vicinanza tra mele e arance – Il motivo è sempre legato al gas etilene. Entrambi i prodotti possono comunque stare in frigorifero. Per quanto concerne le arance e bene inserirle in una sacca di rete in modo che circoli l’aria.

Separare le banane – E’ preferibile dividere il casco per evitare la maturazione del frutto nello stesso momento. alcune possono essere tenute nel portafrutta, le altre in frigo.

No a cipolle e patate assieme – Le cipolle fanno andare a male le patate se vicine. Nessun problema invece tra cipolle e aglio che possono essere conservati in prossimità purché con la buccia e in un luogo ben ventilato.

L’avocado con le banane – Grazie al gas etilene le banane fanno maturare velocemente l’avocado. Se invece si desidera conservarlo a lungo basta metterlo in frigo. Una volta aperto l’avocado deve essere tenuto con il suo nocciolo in un frigoverre con accanto un pezzo di cipolla.

I pomodori fuori dal frigo – Tenerli a temperatura ambiente ne migliora il sapore. Se tagliati è preferibile invece riporli in frigorifero per rallentare la proliferazione dei batteri.

Il sedano in ammollo – Avvolgere il gambo nella carta stagnola o tagliarlo mettendolo  in acqua in un frigoverre. Lo stesso vale per le carote e gli asparagi.

Mais dolce in frigorifero, seppur per un breve periodo – Meglio non inserirlo in sacchetti di carta o plastica. Posizionarlo preferibilmente verso la parte anteriore del frigo dove è più caldo e non secca.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI