Home Maternità

Come scegliere il lettino perfetto per vostro figlio: culla o letto?

CONDIVIDI
cura del bambino, come scelgiere il lettino
Come scegliere il lettino perfetto (Istock Photos)

Come scegliere il lettino perfetto per vostro figlio. Cosa dovete cosiderare, l’occorrente per il letto e dove dorme il bambino

Siete genitori da poco e tutto è (quasi) perfetto. Il vostro piccolo bambino è un angioletto e voi siete le persone più felici sulla faccia della terra. Tutto magnifico ma, dopo i primi, iniziali giorni di adattamento, iniziate a domandarvi qual è il modo giusto per far dormire vostro figlio e, più di ogni altra cosa, vi chiedete: Come scegliere il lettino perfetto per lui? Niente panico. Di seguito facciamo un po’ di chiarezza su come ci si debba comportare riguardo la scelta giusta da fare sul lettino di vostro figlio. Cosa dovete considerare per poter far dormire il bimbo sonni tranquilli e tutto l’occorrente che vi servirà per il letto. Solo una risposta dovete darvi ad una domanda fondamentale, prima di iniziare: Dove dormirà il bambino? Anche in questo caso, cerchiamo di darvi la giusta prospettiva, dopo che voi, genitori felici, avete risposto onestamente.

Poterbbe interessarti anche: Prendersi cura del bimbo: il sonno e il rituale della buonanotte

Come scegliere il lettino perfetto per vostro figlio

Se avete risposto alla domanda esposta sopra, e cioè dove dormirà vostro figlio e avete risposto il lettino, non vi resta che capire quale tipologia è più adatta al vostro bambino. Esiste un’ampia varietà di letti e attrezzature simili per bambini. Olter a pensare a stili e colori, quando scegliete il letto di vostro figlio, tenete presenti alcuni punti chiave. Soprattutto saranno la sicurezza, la comodità e la praticità a guidare la vostra decisione.

Potrebbe interessarti anche: Come far addormentare un neonato? Infermiera lo spiega in un tutorial

Esaminiamo le varie tipologie di lettini e le attrezzature consone a proteggerlo e a fargli vivere un sonno il più possibile sereno e duraturo.

  • Fianco a fianco: se la vostra scelta iniziale è quella di tenere il bambino in camera con voi, almeno per i primi mesi, come viene raccomandato per prevenire la morte in culla (SIDS), scelgiete un lettino che abbia la stessa altezza del vostro letto e la sponda abbassabile. In commercio ne esistono di diversi, tutti comodi per voi mamme che allattate a tutte le ore, e per il bambino che rimarrà sempre al vostro fianco, pur avendo il suo spazio vitale. Un modo eccellente per dormire comodamente in tre, avendo ognuno lo spazio che si merita.
  • Fondo regolabile in altezza: in tal caso parliamo di un lettino che vi permette di regolare l’altezza del fondo via via che il vostro bambino cresce d’età. Questo tipo di lettino sarà utilizzabile per un paio di anni.

Potrebbe interessarti anche: La cura del bambino: come capire le sue esigenze primarie

  • Sponde abbassabili: esse permettono di prendere il braccio il vostro piccolo ometto senza sforzare la schiena.
  • Parabordi da dentizione: I parabordi da dentizione evitano danni al lettino, se vostro figlio lo morde e, soprattutto alla sua piccola e delicata bocca.
  • Ruote: Un lettino con rotelle è utile per pulire al meglio il pavimento o, anche, per rapidi spostamenti. Verificate sempre che le rotelle siano bloccabili, per impedire che il lettino si muova quando il bambino inizia a stare in piedi e a saltare.
  • Struttura del letto: comprate sempre quelle finite con materiali atossici, come la cera d’api, per esempio sono le più consigliabili.
  • Lettini standard: non c’è motivo per cui vostro figlio appena nato non possa dormire direttamente in un lettino per bambini vero e proprio, benché possa sembrare un poco sperso. Volendo potete inserire un divisorio che mantenga vostro figlio fermamente confinato in una parte del letto. Sistemate il bambino sempre con i piedi in fondo al letto e per la biancheria uusate strati leggeri, non coperte o simili troppo pesanti.
  • Cesta di Mosè: molti bambini sono più a loro agio in un lettino piccolo e accogliente, come per esempio, può rappresentare una cesta. Hanno vissuto in uno spazio angusto per nove mesi ed è naturale che si sentano più sicuri in un ambiente piccolo. In questo caso la scelta ideale è rappresentata dalla Cesta di Mosè. Scelgietene una robusta ed evitate di sollevarla con dentro il bambino, per evitare di sforzare la vostra schiena.

Potrebbe interessarti anche: La cura del bambino: l’alimentazione e le sue necessità

  • Culle: Se il lettino vi sembra enorme per i primi tempi, provate con una culla più piccola. Quelle a dondolo hanno effetto calmante. Quando vostro figlio riuscirà a sedersi, andrà trasferito, ovviamente, in un lettino più solido e stabile.
  • Lettini da viaggio: sono perfetti per mettere a dormire vostro figlio quando siete fuori casa. Cercatene uno con livelli diversi, per alzare il materassino nei primi tempi ed evitarvi di chinarvi troppo.

Potrebbe interessarti anche: Come stimolare la crescita di un bambino da 0 a 12 mesi

Cosa dovete considerare nella scelta del lettino perfetto

scelta del lettino
Come scegliere il lettino perfetto per il bimbo (Istock Photos)

Quando decidete che tipo di letto comprare per il vostro bambino, considerate anche aspetti quali dove volete farlo dormire per i primi tempi e se volete optare per un lettino che lo accompagni durante la crescita o, al contrario, preferite che dorma in qualcosa di più piccolo e accogliente almeno nei primi mesi di vita. Nello scegliere il lettino perfetto per vostro figlio, seguite queste piccole indicazioni generali.

  • Idealmente il lettino o la cesta, anche se di seconda mano, dovrà avere il materassino nuovo, perchè quello usato potrebbe ospitare batteri e muffe, anche se ad occhio nudo non notate nulla.
  • Controllate che il lettino e il materassino siano conformi alle norme di sicurezza europee.
  • Evitate i materassini contenenti sostanze ritardanti di fiamma come l’etere di difenile polibromiato.
  • Il materassino deve essere perfettamente in misura, in modo che nessuna parte del corpo di vostro figlio, nemmeno le dita, possa rimanere intrappolata fra il materassino e il lettino.
  • Tutte le viti e i bulloni devono essere ben stretti e protetti, per escludere la possibilità che il lettino collassi o che il bambino si graffi.

Se vuoi restare aggiornata su tutto ciò che riguarda la maternità, le settimane di gravidanza e la crescita del tuo bambino CLICCA QUI!

Come allestire il letto di vostro figlio: l’occorrente

Quando scegliete come allestire il lettino del vostro bambino, al di là delle considerazioni estetiche, cercate soluzoni che garantiscono la sicurezza e il benessere del vostro bimbo. Anche voi vi sentirete più tranquilli mentre dorme. Probabilmente scoprirete che occorre cambiare spesso la biancheria del lettino e che le perdite da pannolino si verificano anche di notte. Avrete tutto l’occorrente e una buona organizzazione aiuta a ridurre al minimo l’interruzione del sonno e a garantire il benessere di vostro figlio. Una buona organizzazione prevede:

  • Tenere la biancheria e le copertine di ricambio sotto o accanto al lettino, per poter eseguire rapidamente il cambio completo durante la notte. Tenete, quindi, vicino anche un cesto della biancheria sporca.
  • Limitate allo stretto necessario il corredino di misura piccola per la cesta o la culla da neonato, perché vpstro filgio passerà presto al lettino per bambini più grandi.
  • Preparate il letto a seconda della temperatura e ricordate che è importante che il bambino non abbia troppo caldo.

Cosa vi servirà per preparare al meglio il lettino di vostro figlio?

Di sicuro le lenzuola con gli angoli. Sono indispensabili, specialmente se vostro figlio si muove spesso e molto. Se rimboccate un lenziolino piano sotto il materassino, il bambino potrebbe trascinarlo con sé girandosi e agitandosi e rimanere, così, impigliato. Ne avrete bisogno almeno tre: uno nel letto, uno a lavare e uno per le emergenze.

Poterbbe interessarti anche: Come instaurare un buon legame affettivo con vostro figlio

Sicuramente ciò che vi servirà saranno lenzuola e copertine di cotone. Per il lettino scegliete biancheria leggera, comoda e preferibilmente di cotone, traspirante e lavabile. I piumini, per esempio, non sono assolutamente consigliabili ai bambini sotto l’anno di vita perché troppo pesanti e con alto rischio di soffocamento. Sovrapponete invece lenzuola e copertine leggere fino a raggiungere la temperatura desiderata.

Un’alternativa da tenere in considerazione è di sicuro il Sacco nanna. Questi vanno bene per bambini che calciano via le coperte. Scegliete un sacco imbottito di cotone facilmente allacciabile alle spalle. Compratelo su misura per vostro figlio e di un peso adatto alla temperatura della camera. la capacità di isolamento è misurata in “tog”, come per i piumini.

Potrebbe interessarti anche: Vita di coppia: quando arriva un bebè a spezzare l’equilibrio

Un oggetto molto utile e vivamente consigliato per la nanna è il baby monitor. Un accessorio importante se vostro figlio sta in una stanza dove potreste non sentirlo. E’ uno strumento rassicurante e rilassante per i genitori, purché non vi precipitiate al minimo rumore: i bambini, infatti, spesso di lamentano nel sonno e un po’ prima di tornare a dormire.

Dove far dormire il bambino: vantaggi e svantaggi nel dormire insieme

Alcuni genitori sistemano il loro bambino nella sua cameretta sin da subito, mentre altri preferiscono tenerlo vicino per i primi mesi, come consigliato per la prevenzione della morte in culla. Scegliete la soluzione più adatta per l’intera famiglia. Se optate per tenerlo vicino vicino a voi, mettete la cesta o la culla accanto al letto, a un’altezza che vi consenta di raggiungere il bimbo senza fatica. Non intervenite però, al primo versetto che sentite: deve imparare a calmarsi da solo e probabilmente lo farà spontaneamente.

Potebbe interessarti anche: CULLA E LETTINO SICURI: come far dormire sonni tranquilli al nostro bambino

Se invece optate per condividere lo spazio, dovete ricordare che i bambini spesso gradiscono dormire nello stesso ambiente dei genitori. Quindi, una culla accanto al letto vi permette di raggiungerlo immediatamente. Se dorme nel lettone, usate un divisorio o un nido per neonati per non rischiare di schiacciarlo.

Molti genitori scelgono di dormire con i propri bimbi appena nati perché è più semplice allattarli e si perde meno sonno. Nel caso seguite le buone norme di sicurezza. Non è consigliabile condividere il letto se vostro figlio è nato prematuro o sottopeso, cioè meno di 2,5 chilogrammi. Uno dei vantaggi nel tenerlo nel lettone è, oltre la comodità nell’allatterlo, anche un modo più semplice ed immediato nel consolarlo quando necessita, senza alzarvi dal letto. Dormire insieme può essere utile anche per sviluppare un forte legame affettivo. Uno degli svantaggi, nel dormire insieme, può essere rappresentato dal timore di poterlo schiacciare mentre dormite. E, per di più, alcuni esperti ritengono che dormire insieme pregiudichi l’autonomia del bambino, che farà fatica ad andare a letto e dormire da solo. Dovete anche valutare le ripercussioni della perdita di una parte di intimità nella vita di coppia.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI