Home Ricette Ricetta risotto ai carciofi e gamberi: ingredienti e passaggi

Ricetta risotto ai carciofi e gamberi: ingredienti e passaggi

CONDIVIDI
ricetta risotto con carciofi e gamberi
Risotto carciofi e gamberi (Istock Photos)

Ricetta: risotto ai carciofi e gamberi: gli ingredienti necessari e i passaggi chiave per creare un primo piatto da chef

La ricetta che proponiamo oggi è un primo piatto molto raffinato e dal gusto semplice: il risotto ai carciofi e gamberi! La pietanza è ideale da presentare per una cena in compagnia di amici o parenti, ma anche per una semolice cenetta a lume di candela. L’eleganza del risotto accompagnato dalla freschezza dei gamberi e la genuinità dei carciofi, rende questa ricetta unica nel suo genere. Gli ingredienti da usare sono di facile reperibilità ed è consigliabile comprare i gamberi in peschieria il giorno stesso in cui intendete fare il risotto, in modo da avere gli alimenti freschi!

Potrebbe interessarti anche: Ricetta: gusci di melanzana ripieni di risotto, un primo piatto da gustare

La ricetta del risotto ai carciofi e gamberi che oggi presentiamo è pensata per una cena di 4 persone ma se avete più ospiti, semplicemente aumetate le dosi del riso, dei gamberi e dei carciofi. I tempi di preparazione sono all’incirca 50 minuti con una difficoltà medio/semplice. Ma vediamo ora, quali sono gli ingredienti da utilizzare.

Risotto con carciofi e gamberi: gli ingredienti (4 persone)

Gli ingredienti necessari per cucinare un ottimo risotto ai carciofi e gamberi sono:

Potrebbe interessarti anche: Risotto con albicocche secche, ricotta e alghe nori: la ricetta

  • 300 grammi di riso carnaroli
  • 8 carciofi (da pulire)
  • 30 grammi di cipolla bianca (oppure uno scalogno)
  • brodo vegetale ( va bene anche di preparato granuale q.b.)
  • 1 porro
  • una noce di burro
  • un rametto di timo
  • 1 limone
  • parmigiano reggiano grattugiato (q.b.)
  • 2 bicchieri di vino bianco secco
  • olio extravergine di oliva
  • sale fino q.b.
  • pepe nero macinato (un pizzico)

Potrebbe interessarti anche: Che vino scegliere: rosso, bianco o rosato? Consigli D.O.C.

Ricetta: risotto con carciofi e gamberi – procedimento

procedimento risotto
ricetta risotto con carciofi (Istock Photos)

Una volta che avete sul vostro tavolo di lavoro tutti gli ingredienti necessari, potete iniziare a mettervi all’opera. La prima cosa che dovete fare è occuparvi della pulizia del gamberi.

Se vuoi restare aggiornata su tutto ciò che riguarda le nuove ricette, come organizzare una cena o un pranzo CLICCA QUI!

  1. Quindi, sgusciate i gamberi a crudo, dopo averli lavati per bene sotto l’acqua corrente per alcuni minuti, conservate da parte le teste e i carapaci.
  2. Dunque procedete con sbucciare e pulire i carciofi, facendo attenzione a tagliare le punte e a dividerli a quattro. Pulite per bene l’interno dei carciofi, togliendo la peluria che trovate nel cuore del carciofo e, togliete anche le foglie esterne, quelle che risultano troppo dure. Una volta portato a termine questo lavoro, procedete con lessarli, quindi, prendete una pentola dai bordi alti e, quando l’acqua, che avrete salato, raggiungerà la bollizione, immergete i carciofi.Teneteli per 10 minuti e scolateli al dente.
  3. stufate a parte gli scarti dei carciofi, eliminando le foglie troppo dure, a fuoco moderato con un filo d’olio extravergine d’oliva, succo di limone, un dito di acqua e sale, quindi passateli al passaverdura.
  4. Intanto, tritate la cipolla (o lo scalogno) e, insieme ad un filo di olio extravergine d’oliva, soffriggete in una casseruola. Quindi, dopo pochi minuti e quando la cipolla risulterà dorata, unite i 300 grammi di riso carnaroli, e tostatelo brevemente a fiamma vivace, mescolando spesso. Poi, sfumate il riso con un dito di vino bianco secco. Dunque, proseguite la cottura aggiungendo il passato di carciofi, sale, pepe nero macinato e un litro di brodo vegetale, che avrete precedentemente preparato. Il brodo va versato poco alla volta, senza aggiungerne altro fino a quando il precedente non sarà stato assorbito.

Potrebbe interessarti anche: TUTORIAL CUCINA: come pulire il pesce

  1. Circa tre o quattro minuti prima di completare la cottura (in tutto saranno necessari 15-16 minuti), unite le code di gambero, private del budellino grigio. Alla fine, aggiungete al risotto una noce di burro ed il parmigiano reggiano grattugiato, lasciandolo mantecare per alcuni minuti con il coperchio chiuso.
  2. Nel frattempo, soffriggete in una picoola casseruola i carapaci dei bamberi con un filo di olio extravergine d’oliva, un piccolo porro tagliato a rondelle fine, un rametto di timo, un pizzico di sale, una manciata di pepe nero macinato e mezzo bicchiere di vino bianco secco e mezzo bicchiere di acqua. Quindi, fate bollire finché il liquido si sarà ridotto della metà, quindi passate il tutto al setaccio conico (cinese), schiacciando bene i carapaci, in modo da ottenere una salsa semidensa.
  3. Ultimo passaggio, portate in tavola il risotto con carciofi e gamberi ben caldo, guarnito con i fondi di carciofi lessati, che riempirete parzialmente di risotto, irrorando con la salsa di crostacei.

Potrebbe interessarti anche: Pizza di Pasqua al Formaggio: la ricetta gustosa da condividere

Come pulire i gamberi: passaggi chiave

risotto carciofi e gamberi
Gamberi, come pulirli (Istock Photos)

Per questo genere di ricetta, i gamberi andranno puliti a crudo. Quindi vediamo i passaggi essenziali:

Potrebbe interessarti anche. Salmone in crosta di pane con pistacchi e limone: la ricetta gustosa

  • afferra il gambero per la coda e stacca la testa delicatamente. In questo caso sarebbe un peccato gettarla e consiglio di impiegarla per preparare un saporito fumetto di pesce.
  • Se invece, si preferisce i gamberoni interi, sarà sufficiente asportare antenne e zampe con una forbice.
  • Per sgusciare i gamberi, con un coltello ben affilato, si parte sempre dalla schiena infilando leggermente la punta della lama nell’anello di carapace più vicino alla testa. La lama andrà tenuta aderente al carapace per non danneggiare le carni e per non tagliare accidentalmente il budello. Il lato tagliente sarà rivolto verso l’alto e inciderà il guscio dall’interno verso l’esterno. Si prosegue così per tutti gli anelli successivi.
  • Togliere il budello (filo nero) dei gamberi: l’intestino del gambero è buona abitudine toglierlo, poiché è la parte sporca del gambero. Quindi procediamo armati di uno stuzzicadenti (quello che servirà per toglere il filo nero) dunque, bisogna partire dalla coda e individuare il terzo anello nel carapace. A questo punto basta infilare lo stuzzicadenti nella carne trasversalmente alla coda e tirarlo verso l’alto. Ora che avrai trovato il budello, non ti resta che tirarlo via.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI