Home Maternità

Come stimolare la crescita di un bambino da 0 a 12 mesi

CONDIVIDI
sviluppo del bambino
Come stimolare lo sviluppo del bambino (Istock Photos)

Come stimolare la crescita di un bambino nel suo primo anno di vita. I modi giusti per un adeguato sviluppo nella crescita di tuo figlio. Dalla comunicazione al gioco

Da genitori spesso ci chiediamo come stimolare, al meglio, la crescita del nostro bambino. Quali modi sono corretti e giusti per un adeguato sviluppo del nostro piccolo bebè. Il primo anno di vita del bambino è importantissimo per buttare le basi – adeguate – alla corretta impostazione della vita di vostro figlio. In un solo anno vostro figlio cresce e si evolve in modo stupefacente, da neonato indifeso a bambino curioso, mobile, capace di rispondere a voi e al mondo con gioia ed entusiamo. La relazione con vostro figlio diventerà sempre più forte e stimolante man mano che il bambino inizierà ad affermare la sua personalità e a compiere i primi passi sulla strada dell’indipendenza.

Potrebbe interessarti anche: La cura del bambino: come capire le sue esigenze primarie

La cosa più importante che potete fare per incoraggiare lo sviluppo di vostro figlio è dedicargli del tempo. Imparerà dalla sua relazione con voi e dalle attività che intraprendete insieme più di quanto potreste mai immaginare. I bambini sono imitatori eccezionali e colgono tutto, dal tono della voce alle espressioni del viso, al modo in cui li cullate e persino come caricate la lavatrice. Così, sempre di più vorrà essere come la mamma e il papà e, di conseguenza, copierà i vostrri movimenti e il sentimento che nutrite fra voi. Vediamo nello specifico quali sono i modi giusti per un corretto sviluppo nella crescita di vostro figlio.

Potrebbe interessarti anche:La cura del bambino: l’alimentazione e le sue necessità

Stimolare la crescita del bambino con il gioco

Il gioco è importante per lo sviluppo del bambino a tutti i livelli:sociale, emotivo, fisico e  cognitivo. Infatti, le cose che i bambini vedono e toccano, come i suoni e gli odori che sentono, plasmano le loro connessioni cerebrali, e questo accade in modo particolare se tali esperienze sono piacevoli e prevedibili.

Benché oggi sia disponibile sul mercato una scelta enorme di giochi stimolanti e divertenti da esplorare insieme, il bambino imparerà moltissimo anche dalle cose semplici, come per esempio “chiacchierare” con i propri genitori, fare una passeggiata al parco e, in generale, esplorare il mondo che lo circonda.

Con lo sviluppo della coordinazione, poi, il divertimento sarà sempre più grande. Grazie alla maggiore mobilità, aumenterà anche la difficoltà di stargli dietro mentre esplora la casa. Tutto questo non è solo che parte del gioco.

Potrebbe interessarti anche: Prendersi cura del bimbo: il sonno e il rituale della buonanotte

La conversazione giusta per lo sviluppo ottimale del bambino

come stimolare lo sviluppo del bambino
Come conversare con il bambino (Istock Photos)

Parlare con vostro figlio è un aspetto estremamente importante per il suo sviluppo: è proprio da voi che imparerà le sottili sfumature del linguaggio, insieme con la comunicazione e le capacità relazionali. Il suo primo vocabolario sarà, dunque, dettato da come gli parlate e dalle parole che usate per descrivere ogni cosa. Trascorrete del tempo con il vostro bambino, indicategli gli oggetti che costituiscono il suo mondo, spiegategli le attività che svolgete insieme e nominate i colori che lo circondano, in tal modo lo aiuterete ad impadronirsi dell’arte della conversazione e del significato delle parole, oltre ad aumentare il suo livello di comprensione. Se esaurite il repertorio, non abbiate timore di ripetervi. I bambini amano la familiarità della ripetizione e anche i più piccoli assorbono molto di più di quanto si possa pensare e immaginare. Ricordatevi di parlare con vostro figlio tenendolo vicino avoi. A lui, piace il suono della vostra voce e presto vi risponderà emettendo suoni a sua volta. Un’altra cosa che potete fare per stimolare la conversazione è cantargli le canzoncine o le filastrocche, per favorire la comprensione e la consapevolezza linguistica precoce. Infatti le canzoncine, così come le ninnananne, introducono il bimbo al ritmo del linguaggio e del discorso. Mentre, per rafforzare il vostro rapporto, imitate le sue vocalizzazioni e i suoi sorrisi e coinvolgetelo in “conversazioni”, rispondendo ai suoni che emette come se fossero vere parole.

Potrebbe interessarti anche: I genitori che educano bene i loro figli fanno queste 5 cose

Stimolare il bambino con la comunicazione

Cari genitori non sottovalutate mai l’importanza della comunicazione e di comunicare costantemente con vostro figlio. La comunicazione implica molto più che le semplici parole. Per esempio, il contatto fisico è un mezzo potentissimo per comunicare con il vostro bambino e fornisce rassicurazione, sicurezza e conforto, molto di più delle parole. Quindi, chiacchierare, fare smorfie, insegnargli gesti, incoraggiarlo a guardarvi negli occhi e tenerlo semplicemente stretto in braccio per allattarlo, rappresentano tutte forme di comunicazione amorevole che favoriscono la sua evoluzione a tutti i livelli.

Il mondo del vostro piccolo bambino è in costante evoluzione e, tutto ciò che fate con lui, lo aiuterà a sviluppare nel migliore dei modi la sua creatività, la sua sicurezza nonché autonomia. Per esempio, leggere per vostro figlio, è un modo fantastico per incoraggiare il suo amore per i libri e insegnargli storie, parole e figure, quindi una comunicazione a 360° gradi. Questo è valido anche per i bambini molto piccoli, i quali amano sentire leggere la mamma o il papà, trovando rassicurante la voce dei propri genitori. I primi libri da usare sono sicuramente quelli “animati”. Vanno per la maggiore quelli con facce, specchi, animali e grandi figure caricaturali. Potreste anche inserire la storia della sera tra le abitudini quotidiane sin da subito.

Come iniziare una comunicazione con vostro figlio? Come prima cosa, avvicinate il bambino al vostro viso e guardatelo diritto negli occhi. Esagerate le vostre espressioni quando comunicate con lui. Rimarrà affascinato dalla vostra “conversazione” e potrebbe perfino intervenire con qualche versetto dei suoi.

Potrebbe interessarti anche: Essere genitori: sviluppo del linguaggio nei bambini, i libri lo aiutano

Lo sviluppo del linguaggio nel bambino: 0-12 mesi

Dalla nascita in poi, il bambino sviluppa il suo linguaggio continuamente perché ascolta e recepisce le informazioni dal mondi che ha intorno, quindi anche da voi che siete i genitori. Nel suo primo anno di vita, il bambino cambia il suo modo di interaggire, il suo linguaggio va, via via, rafforzandosi e diventa sempre più complesso. Nello specifico, vediamo come si evolve dagli 0 ai 12 mesi di vita e come stimolare la crescita del bambino con un buon linguaggio.

Se vuoi restare aggiornata su tutto ciò che riguarda la cura del tuo bambino, la maternità e tutto su come essere bravi genitori CLICCA QUI!

  • Alla nascita: vostro figlio è affascinato dai suoni nuovi, ma lo spaventano i rumori forti o improvvisi. Comunicherà i suoi bisogni piangendo, poiché è l’unico mezzo di comunicazione che conosce.
  • Da 0 a 3 mesi: in questi mesi vostro figlio inizia a comunicare, inizia a voltare la testa verso di voi udendo la vostra voce e riconosce alcuni schemi vocali. Un tono di voce bassa e suadente lo fa calmare e sorride quando percepisce un’intonazione scherzosa o quando vede che anche voi sorridete. E’ in grado di sorridere e produrre tipi di pianto diversi a seconda dei propri bisogni.
  • Da 4 a 6 mesi: in questi mesi, il bambino inizia a cimentarsi nella cosiddetta “lallazione”, usando principalmente consonanti come per esempio “bbb” oppure “ddd”. Gli piacciono gli oggetti che fanno rumore e utilizza suoni caratteristici per esprimere malcontento o dispiacere quando i suoi bisogni non vengono soddisfatti. A sei mesi inizia ad utilizzare le diverse vocali.
  • Da 7 a 12 mesi: ora, vostro figlio vi ascolta davvero quando gli parlate e conosce il proprio nome. Gli piacciono i giochi che combinano azioni e parole, utilissimi per imparare i ritmi della lingua parlata. E’ in grado di pronunciare le sue prime parole e i suoni che servono per richiamare la vostra attenzione. Le parole, quindi, iniziano ad avere un significato per lui, ma il tono della vostra voce significa molto di più.

Numerose ricerche hanno dimostrato e confermato che giocare con i figli piccoli e cantare per loro, può favorire il loro sviluppo congnitivo e formare il terreno di  coltura per le loro capacità di relazione ancora in erba. Quindi, i modi per stimolare la crescita del bambino sono basilari e tutti efficaci e utilissimi, da mettere in pratica sin da subito per vedere vostro figlio crescere con tutti gli strumenti utili ad affrontare un bellissimo futuro.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI