Home Pelle

Cellulite? Potrebbe essere “colpa” del diaframma

CONDIVIDI

Scopri come curare la cellulite partendo da una corretta respirazione.

Fonte: Istock

Con l’arrivo della bella stagione, sempre più donne si trovano in crisi al pensiero di dover abbandonare collant e pantaloni per far spazio a gonne che lasciano scoperte le gambe e a pantaloncini corti. Il problema comune? La cellulite e la mancanza di voglia di mettere in mostra delle gambe che non si considerano perfette. Posto che ognuna di noi ha diritto di sentirsi bella con o senza qualche rotolino ed un po’ di cellulite, oggi scopriremo un metodo rivoluzionario che poche conoscono e che sembra agire ancor meglio della crema più costosa in commercio. Si tratta della respirazione e, più in particolare di quella che avviene tramite il diaframma. Respirando nel modo corretto, infatti, si attiva al meglio la circolazione, compreso quella linfatica e ciò porta ad un miglioramento della cellulite.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Frullato di ananas e zenzero: potente rimedio contro la cellulite

Se vuoi restare aggiornata su tutti i rimedi contro la cellulite e su come ottenere una buona forma fisica CLICCA QUI!

Cellulite? Impara a respirare correttamente per eliminarla

La cellulite è legata per lo più a dei problemi micro circolatori. In molti casi quindi la sola alimentazione corretta ed unita all’attività fisica non bastano.
In parte, la corretta circolazione dipende anche dal diaframma. Questo muscolo, infatti, contribuisce ad una buona respirazione che è anche alla base del benessere. La respirazione diaframmatica, infatti, consente un miglior flusso dell’ossigeno, aiutando il benessere delle cellule ed evitando i blocchi che poi sono alla base della cellulite. Inoltre respirando si massaggiano gli organi legati alla digestione, aiutando l’organismo ad assimilare meglio e più velocemente i vari nutrienti.
Quando si inizia a lavorare per combattere la cellulite è quindi indispensabile occuparsi anche del diaframma, prima di tutto curando la postura e cercando di stare sempre ben dritte e subito dopo sforzandosi di respirare con esso.
I respiri superiori (quelli che per intenderci si fanno quando si va in affanno o si è in ansia) non fanno bene all’organismo, fanno entrare troppa anidride carbonica e non assicurano una buona ossigenazione delle cellule.
Al contrario, inspirando ed espirando con il diaframma, si mette in atto una sorta di pompa che spinge sangue e fluido linfatico ad andare verso i polmoni migliorando così la circolazione. In questo modo si evitano varicose e cellulite.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Cellulite: potrebbe dipendere dalle scarpe che indossate ogni giorno

Ovviamente non è sempre facile imparare a respirare nel modo corretto. Nel caso in cui si ritenga di non essere brave a farlo o di non avere una corretta postura (una schiena non dritta contrae il diaframma impedendogli di funzionare correttamente), si può richiedere l’aiuto di un osteopata che dopo aver lavorato per sbloccare il diaframma potrà indicare i giusti esercizi da fare per imparare a respirare nel modo corretto. In questo modo, oltre a migliorare il problema della cellulite si imparerà a star meglio traendo svariati vantaggi come un maggior controllo sull’ansia, una digestione migliore, meno mal di schiena, minori emicranie, etc…

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI