Home Musica

Michael Jackson: dopo il documentario stop alle canzoni

CONDIVIDI
Michael Jackson canzoni documentario
Michael Jackson (Getty Images)

Dopo il documentario shock ‘Leaving Neverland’, la BBC non sta trasmettendo più le canzoni di Michael Jackson. Ma il colosso radiofonico smentisce

Sembra un’assurdità, e invece pare essere una decisione presa dalla BBC inglese durante la scorsa settimana: niente più canzoni di Michael Jackson, da quanto trapela dal The Sunday Times. La scelta sembra essere giunta in seguito all’annunciato e attesissimo documentario “Leaving Neverland”, che riporterà le testimonianze di abuso di due uomini in seguito a dei rapporti proprio con il Re del Pop. Eppure un portavoce del colosso radiofonico è pronto a smentire, e anzi ribadisce come le canzoni di Michael Jackson siano state sempre trasmesse e valutate dal network in base al valore che possiedono, al pari dei brani di altri artisti. Le sue canzoni sarebbero sempre state mandate in onda tenendo conto anche delle preferenze del pubblico, ma questa versione non convince: l’ultima sua canzone infatti è stata trasmessa dalla BBC più di 10 giorni fa.

Leggi anche —-> Michael Jackson, nuove accuse di pedofilia per il Re del Pop

Michael Jackson e il documentario shock “Leaving Neverland”

Il presunto stop di Michael Jackson e le sue canzoni, arriva dopo l’annuncio, negli U.S.A., del documentario shock che lo riguarda. “Leaving Neverland” mostrerà infatti le testimonianze dei due testimoni ormai adulti James Safechuck e Wade Robson, che ripercorreranno le esperienze traumatiche degli abusi subiti da parte dell’artista. La messa in onda da parte di Channel 4 è prevista in due tranche, una per il 6 marzo e la seconda per il giorno seguente. Ma le testimonianze scioccanti del documentario sono state già anticipate da alcune dichiarazioni fatte proprio alla BBC da parte di Robson: Michael Jackson avrebbe abusato di lui per anni, a partire dall’infanzia e fino alla prima adolescenza. I due avrebbero trascorso molte notti insieme, nelle quali Jackson non avrebbe mai perso l’occasione per commettere violenza su di lui.