Decathlon non venderà hijab per le sportive musulmane

Rio 2016 Olympic Games (Fonte: GettyImages)

In Francia Decathlon non venderà lo hijab sportivo per le donne musulmane.

Rio 2016 Olympic Games (Fonte: GettyImages)

L’azienda francese di Decathlon, in seguite agli insulti e alle minacce ricevuti, ha deciso di sospendere la vendita di hijab sportivi per le atlete musulmane. In passato alcuni politici francesi avevano detto che lo hijab da corsa, prodotto da Decathlon per permettere alle donne musulmane di praticare sport rispettando la propria cultura, era “in contraddizione con i valori laici della Francia”, e avevano chiesto esplicitamente al popolo francese di boicottare Decathlon per questo motivo. Evidentemente il governo francese ha ritenuto che non tutte le donne debbano avere il diritto di praticare sport in liberà e sicurezza, giudicando i “valori laici” del paese più importanti della libertà di scelta dei suoi cittadini. Lo hijab da corsa, dopo essere stato testato in Marocco, sarebbe stato messo in vendita nei negozi Decathlon da metà Marzo 2019.

Cosa sono gli hijab sportivi, e perchè Decathlon non li venderà?

Rio 2016 Olympic Games (Fonte: GettyImages)

Come spiegato in passato da Xavier Rivoire, direttore della comunicazione di Decathlon in Francia, lo hijab sportivo è stato disegnato da Decathlon per rendere le attività sportive accessibili a tutte le donne del mondo. L’accessorio è un semplice velo che va allacciato sotto la gola, lasciando il volto scoperto. La responsabile della gamma running della Kalenji di Decathlon, Angelique Thibault, in passato ha presentato così lo hijab, già presente sul mercato marocchino: “Lo hijab da corsa è stato progettato perchè ogni donna possa correre in ogni quartiere, in ogni città, in ogni Paese, indipendentemente dal suo livello sportivo, dal suo stato di forma, morfologia, budget e in particolare dalla sua cultura”.

Decathlon ha deciso di non vendere hijab sportivi in Francia a seguito della bufera di critiche, insulti e minacce all’azienda e al personale che per lei lavora, da parte del governo francese. La triste decisione di Decathlon è stata confermata da Xavier Rivoire; il direttore è stato breve e chiaro in merito alla questione: “Abbiamo preso la decisione, in piena responsabilità: non metteremo in vendita questo prodotto in Francia”.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI