Intestino: ecco cosa mangiare per depurarlo

intestino sport
cosa succede al corpo se tratteniamo una puzzetta (Istock)

Scopri che alimenti scegliere per depurare al meglio l’intestino.

Fonte: Istock

Per una vita sana e di qualità è necessario avere un intestino che sia altrettanto in buona salute. L’intestino svolge infatti il ruolo di secondo cervello, controllando impulsi ed emozioni e occupandosi in buona parte delle nostre difese immunitarie.
Ne consegue che un intestino appesantito, affaticato o intossicato porta a tutta una serie di malesseri in grado di rovinare la normale qualità della vita. Tra questi ci sono gonfiore, stipsi o diarrea, meteorismo e sintomi spesso meno noti come la stanchezza, la candida, l’alito cattivo e le allergie alimentari.
Cosa fare quindi per aiutare l’intestino? In presenza di una sintomatologia importante è bene chiedere un parere al proprio medico in modo da effettuare esami clinici in grado di capire dove sia il problema e come curarlo. A volte anche saper scegliere il giusto probiotico può fare la differenza. Se invece l’intestino è sano ma si ha solo un po’ di affaticamento, il momento che precede il cambio di stagione può rivelarsi particolarmente indicato per aiutarlo depurandolo un po’.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Datteri: ecco perché fanno così bene all’intestino

Se vuoi restare aggiornata su tutte le strategie per migliorare il tuo intestino ed il benessere in generale CLICCA QUI!

Intestino: l’alimentazione giusta per depurarlo

Fonte: Istock

Per far sì che l’intestino si depuri bisogna aiutarlo ad eliminare i vari prodotti di scarto che nel tempo possono accumularsi per via di un’alimentazione sbagliata o per il forte stress. Al contempo va incentivata la crescita di batteri buoni, quelli cioè in grado di regolare la motilità intestinale, indispensabile per liberarsi quotidianamente delle tossine in eccesso.

  • Da un punto di vista alimentare si può optare per un paio di giorni a base di sola frutta e verdura alle quali associare tanta acqua. Trascorsi i due giorni, queste devono comunque essere parte integrante di una sana alimentazione, nella quale si dovranno inserire principalmente verdure come spinaci, rucola, cicoria, broccoli e lattuga. Tutte verdure la cui clorofilla è naturalmente ricca di magnesio, utile per il benessere dell’intestino. Quanto alla frutta, va bene tutta in quanto ricca di acqua e di fibre.
  • Non vanno ovviamente dimenticati gli alimenti probiotici dei quali fanno parte lo yogurt e i vari latti fermentati come, ad esempio, il Kefir. La loro assunzione consente un miglioramento della flora batterica intestinale.
  • Ci sono poi gli alimenti prebiotici, quelli che contengono fibre idrosolubili e che promuovono la crescita della flora batterica. Alcuni alimenti che contengono prebiotici sono le banane, il miele, l’aglio, i legumi e la frutta secca.
  • Va infine inserita l’acqua, indispensabile per idratare l’organismo e per aiutare gli alimenti sopra indicati a svolgere il corretto lavoro.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Dieta del microbioma: perdere peso curando l’intestino

In questo modo l’intestino, grazie anche al giusto apporto di fibre che, oltre che da frutta e verdure può arrivare anche da cereali di tipo integrale, svolgerà al meglio il proprio lavoro, donando sollievo a tutto l’organismo.
Come già detto prima, se la sola alimentazione non basta, è bene cercare di capire il problema perché la soluzione può portare ad un notevole miglioramento della qualità della vita.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI