Home Maternità

Gravidanza, tredicesima settimana d’attesa: sintomi e crescita

CONDIVIDI
13 settimana di gravidanza
13 settimana di gravidanza, i sintomi (Istock Photos)

Gravidanza, tredicesima  settimana d’attesa: i sintomi comuni e la crescita del bambino

Siete oramai entrate a pieno titolo nel secondo trimestre di Gravidanza. La tredicesima settimana d’attesa è appena iniziata e voi vi sentite sempre più al settimo cielo. Con l’entrata di questa settimana, alcune di voi hanno abbandonato sintomi fastidiosi quali nausee, vomito e vertigini. Ma per chi ancora ne risente, c’è una bella notizia, tra poche settimane, al massimo entro la diciottesima, dovrebbero scomparire del tutto. Vediamo nel dettaglio quali sono al momento i sintomi che accomunano le future mamme e quali disturbi entreranno, invece in questa tredicesima settimana.

Potrebbe interessarti anche: Gravidanza, dodicesima settimana d’attesa: sintomi e crescita

I 7 sintomi comuni nella tredicesima settimana d’attesa

sintomi gravidanza
Sintomi gravidanza 13 settimana (Istock Pghotos)

Care future mammine, vi sentite probabilmente ancora appesantite da disturbi fastidiosi come le nausee mattutine e le vertigini. Il senso di stanchezza per la maggior parte di voi ancora è latente così come la sonnolenza e l’affaticamento. Presto questi sintomi saranno un lontano ricordo. Vi sentirete presto forti come un leone e avrete talmente tante energie da non crederci. Ma facciamo un passo alla volta e vediamo, ora, quali sono i sintomi più comuni nella tredicesima settimana di gravidanza.

Potrebbe interessarti anche: Gravidanza: Nausee mattutine? Ecco alcune strategia per affrontarle al meglio

  • Problemi intestinali o stipsi: potresti avere dei cambiamenti a livello intestinale con l’inizio di questa settimana. La causa è da ricondurre agli ormoni e in particolar modo al progesterone che rallenta la peristalsi intestinale, ossia i movimenti che portano le feci all’ano. Il rimedio è aumentare le dosi di fibra, assumere pasta e pane ricchi di fibra e bere molta acqua.
  • Dolori addominali e dell’utero: potresti accusare un dolore addominale occasionale ed acuto a causa dell’utero che fa una maggiore pressione sull’addome. Di conseguenza potresti risentire anche un dolore al legamento rotondo dell’utero (infatti, i legamenti iniziano a tirare e ad allungarsi a supporto della rapida crescita dell’utero stesso).
  • Vene visibili: con l’aumento del flusso sanguigno, le tue vene, specie nelle parti del seno e addome, potrebbero risultare più evidenti. Nulla di preoccupante, il consiglio è massaggiare regolarmente le zone interessate e fare delle lunghe passeggiate.
  • Bruciore di stomaco: l’indigestione o il bruciore di stomaco è uno tra i sintomi più diffusi in gravidanza. Tale bruciore è dovuto all’aumento della pressione sul tratto gastrointestinale e per il livello dei tuoi ormoni che rallentano il processo digestivo in gravidanza. Il consiglio è fare piccoli pasti durante il giorno e continuativi. Anziché fare i normali 3 pasti, prova a farne 5 ma in quantità minori.
  • Smagliature: con l’avanzare della gravidanza, il tuo addome tenderà ovviamente ad ingrandirsi sempre più e questo porterà allo stiramento della pelle. La conseguenza, se non idrati bene la zona interessata, è l’insorgenza delle smagliature. Inizia quindi ad usare mattina e sera una crema specifiche per prevenire le smagliature o dell’olio di mandorle dolci, in modo da rendere la tua pelle elastica il più possibile. Gravidanza: bere tè o caffè può essere rischioso per il bambino
  • Voglie gravidiche: le famose “voglie alimentari” potrebbero fare la loro comparsa intorno alla tredicesima settimana di gestazione. Dal momento che sono scomparsi i disturbi olfattivi e le nausee, potresti desiderare di mangiare qualcosa di particolare e avere, appunto voglia di un alimento in particolare. Il consiglio è di assecondare le tue voglie ma, bada bene a cosa desideri e alle quantità di cibo che assumi. L’appetito in questo periodo inizierà ad aumentare così come i chili.
  • Indolenzimento della schiena: potresti accusare dolore alla schiena, specie nella parte inferiore della schiena. Questo fastidio è più noto in quelle donne che sono soggette a mal di schiena a prescindere dalla gravidanza o a coloro che svolgono lavori pesanti o psicologicamente impegnativi. Ma come prevenire o alleviare la lombalgia? La prima regola per prevenire il mal di schiena è rafforzare i suoi muscoli: è stato dimostrato che un’attività fisica condotta con costanza tonifica la muscolatura del tronco e la aiuta a sostenere meglio le modificazioni del corpo.

Come cresce e si sviluppa il bambino nella tredicesima settimana di gravidanza

Il tuo bambino sempre più assomiglia ad un minuscolo essere umano, con la testa e col corpo che si vanno gradualmente proporzionando.

Infatti il tuo bebè adesso ha le dimensioni di una piccola pesca: la sua lunghezza è pari a 6,5 centimetri e pesa all’incirca 30 grammi. I suoi reni hanno iniziato a lavorare e il feto comincia a produrre urina. In questo stadio della gravidanza, l’urina viene fatta passare nel liquido amniotico che circonda il bambino. Le ovaie – se sarà una femmina – e i testicoli – se sarà un bel maschietto – in questa settimana sono formati. Il tessuto osseo inizia anche a crescere nelle gambe così come nelle braccia. Questa è anche la settimana durante la quale il bambino inizia a sviluppare – sulle punte delle sue dita- le sue impronte digitali.

Come sta cambiando il tuo corpo in questa tredicesima settimana. Consigli e curiosità

In questo inizio quarto mese i fianchi iniziano ad essere più pronunciati, così come la pancia. Se fino a settimana scorsa nessuno si accorgeva del tuo stato, ora, con l’entrata nel quarto mese, il pancino inizia a farsi notare. L’utero ha le dimensioni di una grande arancia e a partire dal quarto mese in poi l’utero non può essere contenuto entro il bacino e la sua estremità superiore può essere palpata in addome. Prendetevi cura della vostra pelle quotidianamente, facendo attenzione ad idratarla costantemente. In questo periodo iniziate anche a modificare il vostro guardaroba, indossando un abbigliamento più comodo possibile. Evitate di usare indumenti poco traspirabili e adottate dei reggiseno adeguati, che vi sostengano bene il seno ma che non vi diano alcun fastidio. E’ normale che in questa fase della gravidanza tu ti senta un po’ goffa. Ciò è dipeso dall’ormone relaxina che rilassa le articolazioni, i muscoli ed i legamenti, rallentando i tuoi movimenti più del solito. Una cosa positiva che può accadere all’incirca nel corso di questa settimana, è che i tuoi livelli di energia ricominciano a crescere e, giorno dopo giorno, sentirai una minore sonnolenza. Avrai maggiore forza e ti sentirai felice. Questo secondo trimestre è quello, tra i tre, più piacevole poiché non avrai più i sintomi fastidiosi del primo trimestre e ancora non avrai il pancione ingombrante dell’ultimo trimestre. Quindi goditi a pieno questa fase della gravidanza.

Leggi anche: Mamma in forma: i 5 consigli nel secondo trimestre di gravidanza

In questo periodo è consigliabile iniziare, se ancora non l’hai fatto, a fare un po’ di attività fisica. Iscriviti ad un corso di nuoto per gestanti o di yoga. L’attività fisica aiuta a mantenerti in forma ed è un toccasana per l’umore. Quindi qualunque sia il tipo di allenamento giusto per te, inizia a farlo, ora.